Bretagna on the road

Periodo: 09/21 agosto Km fatti: 4.500 (tutti in auto) Per le vacanze di quest’anno, dopo l’ipotesi Normandia (non scartata, solo rinviata..), io ed Elena abbiamo scelto di visitare una sola regione, forse quella più particolare della Francia, la Bretagna. Molti quando gli dicevamo che avremmo viaggiato in macchina ci guardavano storto, ma...
 
Partenza il: 09/08/2007
Ritorno il: 21/08/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Periodo: 09/21 agosto Km fatti: 4.500 (tutti in auto) Per le vacanze di quest’anno, dopo l’ipotesi Normandia (non scartata, solo rinviata..), io ed Elena abbiamo scelto di visitare una sola regione, forse quella più particolare della Francia, la Bretagna.

Molti quando gli dicevamo che avremmo viaggiato in macchina ci guardavano storto, ma alla luce dei fatti si è rivelata scelta felice. Certo il costo del carburante ha influito per un buon 20-25% sul totale delle spese, ma il poter viaggiare senza obblighi, e senza trascurare il fatto che avevamo riempito il baule anche d varie provviste (tipo l’acqua, visti i costi francesi..), ha comunque reso la nostra scelta condivisibile, a patto che vi piaccia viaggiare in macchina..

Ma andiamo alla fredda cronaca: Partiamo dalla prov di Mantova la mattina del 9 agosto, molto prima dell’alba intorno alle 3,30. Passando per Torino, Frejus, Lione, Parigi, Rennes giungiamo a destinazione alle 17,30 del pomeriggio, dopo un viaggio di quasi 1400km, dove la pioggia ci ha quasi sempre fatto compagnia! Avevamo già prenotato tutto da casa, suddividendo la visita in 3 tappe, utilizzando la formula delle chambre d’hotes, o bed&breakfast per dirla all’inglese.

Prima tappa a Montauban de Bretagne, paese a circa 40km dalle coste ed equidistante dai vari Mont St Michel, St.Malo, Dinan. Ci ospita una signora usando un eufemismo molto folkloristica, simpatica, con una casa bellissima, chiamata “Les camelias”. Lei gentilissima e anche la camera ottima, spaziosa e pulita.

Doccia al volo, cena in un ristorante in paese e senza accorgersene siamo già tra le braccia di Morfeo. La mattina dopo ci aspetta il sogno, Mont st.Michel.

Ci alziamo di buon ora, e dopo la sosta alla Boulangerie per comprare la baguette per il pranzo (abitudine presa dai francesi, il giorno facevamo sempre i cosiddetti “pranzi al sacco”, economici e fatti anche in posti stupendi, favoriti anche dall’abbondanza di aree riservate alla sosta e al picnic) alle 8,30 scorgiamo il monte. Da lontano mette quasi paura, soggezione..Spicca nel mezzo a questa enorme pianura della baia omonima come un gigante a Lilliput..

Vi sono già diverse auto e centinaia di camper, la marea è appena scesa e nei parcheggi ancora rivoli d’acqua salata scorrono tra le ruote..Parcheggiamo ed entriamo..

Beh un po’ me lo aspettavo:molto meglio da fuori che da dentro. Sicuramente bello, tipico, ma sembra molto San Marino per dirne una. Nella viuzza centrale è un susseguirsi di ristoranti, bar e negozi di souvenir..Arriviamo sui bastioni esterni, e qui lo spettacolo è veramente da brivido..Spiagge immense, a perdita d’occhio, laddove fino a un paio d’ore prima c’era mare..

Ce en andiamo verso le 11,30 ,stanno arrivando decine e decine d auto/pullman/camper, inizia a essere invivibile. In ogni caso vedere dal vero quello che hai sempre rimirato sui libri..Beh fa sempre una certa impressione!! Proseguiamo e facciamo tappa a Cancale, con il suo caratteristico porticciolo e gli allevamenti di ostriche e cozze..Qui ci mangiamo un vassoio di 14 ostriche giganti alla modica cifra di 3,50 €..Direttamente dai banchi dei pescatori, un esperienza che consiglio caldamente..

Tralasciando la parte gastronomica, Cancale è davvero carina, merita una deviazione. Il giorno dopo ci dirigiamo a St.Malo, veramente bellissima con le sue “intramuros”. La passeggiata prima sui bastioni che circondano la vecchia città fortificata e dopo per le vie del centro piene di ristorantini e negozietti tipici è stato quanto di più piacevole ci si possa aspettare! Proseguiamo poi verso Dinan, e (pur parzialmente rovinato dalla presenza del mercato settimanale) troviamo un borgo a dir poco unico, bellissimo, con le case in vero stile bretone, davvero un bijoux! Ci fermiamo anche per cena, precisamente giù al porticciolo (l’ultimo della Rance, la porzione di mare che penetra letteralmente nella terraferma per oltre una ventina di km). Un enorme piatto di cozze marinate con patatine fritte, baguette per la scarpetta e con 20euro abbiamo cenato in due..E sarà la cifra ricorrente quando scegliamo di mangiare le cozze, al massimo abbiamo sforato i 30€ quando abbiamo mangiato anche il dolce..

Apro una parentesi: nei nostri 11 giorni francesi non avevamo voglia di sperimentare e/o provare tante cose, siamo troppo attaccati alla pastasciutta ecc.. Quindi abbiamo alternato le 2 cose sicure, cioè cozze (abbiamo visitato tutte cittadine di mare, andavamo sul sicuro) e entrecote, cioè dell’ottima carne di manzo alla griglia. Saremo stati monotoni, ma posso dire che abbiamo sempre mangiato molto bene! Il giorno successivo lo dedichiamo ai promontori, o “pointe” che dir si voglia. Dal bellissimo Cap Frehel per arrivare all’affascinante Fort la Latte passando per l’austero e solitario Cap d’Erquy. Km e km a piedi, ma dio solo sa quanto ne vale la pena, con le falesie a picco sul mare a dare colori e odori assolutamente unici. Torniamo per la cena al porticciolo di Dinan essendo di strada, non rimanendo di certo delusi.

Il giorno successivo ci spostiamo verso ovest, precisamente a Paimpol, cittadina di mare piacevole e con tutte le comodità nonché con un centro storico veramente ben curato e carino. Qui alloggiavamo in un villaggio a circa 5km da Paimpol, Plourivo, presso “Pont Canon”, struttura di recentissima ristrutturazione quindi con camere belle e pulitissime, e come ciliegina delle abbondantissime (e prelibate..) colazioni, tutto tra l’estrema gentilezza del padrone di casa e la tranquillità del luogo, praticamente in aperta campagna. Nei 4 giorni passati qui abbiamo visitato oltre a Paimpol stessa, la vicinissima “Abbay de Beauport”, direttamente sul mare e senza tetto, veramente unica, per poi spostarci sulla bellissima “Cote de granit rose”, con le sue coste di scogli color salmone tanto belli tanto sembrano di cartapesta! Binic, Plomanac’h, Perros-Guirec, più il classico e meritevole borgo di Treguier rendono questa zona assolutamente interessante e piena di attrattive. Gli ultimi giorni ci spostiamo nel Finistère, la parte più a ovest della Bretagna. Prendiamo alloggio a Dournaenez, presso la chambre d’hote “Rose Marine” sita nella zona del porto vecchio, ospiti di una gentilissima signora. Sistemazione anche qui senza colpo ferire, camere pulite e colazione ottima, unico neo non vi era parcheggio privato, ma la zona è assolutamente tranquilla.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cancale
    Diari di viaggio
    castelli e cattedrali nel nord della francia

    Castelli e cattedrali nel nord della Francia

    di Cheverny: 11 € (parcheggio gratis)Castello di Chambord: 13 € (parcheggio 6 €)Chiostro Cattedrale di Tours: 3,50...

    Diari di viaggio
    un tour tra bretagna e normandia on the road

    Un tour tra Bretagna e Normandia on the road

    Prima di iniziare a scrivere il diario di questo bellissimo tour in Bretagna e Normanida, ho deciso di scrivere alcune dritte che...

    Diari di viaggio
    olanda, normandia e bretagna

    Olanda, Normandia e Bretagna

    Quando organizziamo un viaggio iniziamo a guardare in internet che tipo di itinerario percorrere, deciso a grandi linee compriamo la guida...

    Diari di viaggio
    la bretagna in inverno

    La Bretagna in inverno

    Quest’anno, la voglia di partire era veramente tanta perché era più di un anno che io e mio marito Luca non ci concedevamo una vacanza...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 12

    Normandia e Bretagna 12

    7 agosto 2014 Partenza da Orio al Serio, destinazione Beauvais. Presa della vettura a noleggio (Autoeurope/Avis) e prima tappa a Giverny...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 11

    Normandia e Bretagna 11

    riscalda gli animi decidiamo di lasciare la Bretagna. E dobbiamo farlo velocemente se vogliamo trovare un alloggio per stanotte. Arriviamo...

    Diari di viaggio
    francia da sogno

    Francia da sogno

    Siamo ormai due amanti della Francia, bisogna ammetterlo. A Parigi per ben due volte (un Capodanno e una dieci giorni estiva), e una...

    Diari di viaggio
    uno scrigno chiamato bretagna

    Uno scrigno chiamato Bretagna

    In verità non sapevo proprio bene cosa aspettarmi, pensavo però che ormai dopo il boom del mercato immobiliare che ha rovinato tanti...

    Diari di viaggio
    normandie et bretagne

    Normandie et Bretagne

    Normadie et Bretagne Journal du voyageSettembre 2009Sabato 12 settembre 2009 H 11.50Il viaggio è iniziato. Una calda...

    Diari di viaggio
    un'allegra famiglia in bretagna e normandia

    Un’allegra famiglia in Bretagna e Normandia

    Un’allegra famiglia in Bretagna e Normandia Scrivere questo diario può sembrare stavolta una cosa superflua perché di itinerari su...