Blogger… da Gorizia a Trieste

Elena ci fa visitare castelli e musei... il tutto accompagnato da tipici pasti carsolini e buon vino
 
Partenza il: 16/11/2012
Ritorno il: 18/11/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

…dove eravamo rimasti….

Ci rimettiamo in auto per raggiungere Gorizia: facciamo un pit-stop da Enereco per il noleggio dell’auto elettrica Birò prodotta in Friuli Venezia Giulia da Estrima. È un mezzo ideale per muoversi in città e si parcheggia con grande facilità. Ci piace soprattutto perché è ecologica e divertente! Arriviamo in cima al Castello di Gorizia e ci godiamo un panorama a 360° su case, monumenti, chiese e paesaggi. Il Castello è racchiuso in un borgo di origine medievale, che custodisce anche la quattrocentesca Cappella di Santo Spirito: rimaneggiato nel corso dei secoli a causa di guerre e distruzioni, la sua ricostruzione è datata agli inizi del ‘900. Oggi è il simbolo della città mitteleuropea e meta del turista che ama approfondire la storia di un luogo e immergersi nel fascino dei secoli. Scendendo verso il centro cittadino passiamo davanti a Via Rastello e a Piazza Vittoria, bellissimi scorsi di una cittadina a dimensione d’uomo. Poco distante ci attende la visita al laboratorio di scultura dell’artista Paolo Figar: in questo periodo le sue opere sono in mostra a Palmanova e prossimamente partirà una mostra a Palazzo Attems Petzenstein a Gorizia. Noi approfittiamo del suo spirito di accoglienza e lo andiamo a trovare nel suo “quartier generale”, dove ammiriamo alcune sue opere e assistiamo in diretta al suo lavoro. Si tratta di creazioni originali che fanno volare la mente con la fantasia poiché frutto loro stesse di immaginazione e maestria.

Visto che ci piace essere eclettici, dall’arte contemporanea passiamo nuovamente alla storia! Riportiamo la Birò al suo concessionario e, ripresa l’auto “normale”, ci dirigiamo verso Farra d’Isonzo (GO) per visitare il Museo della documentazione della civiltà contadina friulana. Questo luogo è un piccolo museo che custodisce le tradizioni rurali delle comunità locali che risalgono ai secoli ‘800 e ‘900: racchiuse al suo interno le ricostruzioni dei locali dell’epoca dalla cucina alla cantina, i mestieri di un tempo come il fabbro ed il calzolaio, e i reperti legati alla religiosità, alla vita economica e ad attività ormai scomparse come l’allevamento del baco da seta. Credo sia importante recuperare le radici di un luogo anche grazie a queste strutture che mantengono viva la memoria storica! Il museo poi è attivo tutto l’anno con laboratori dedicati soprattutto ai bambini e al turismo scolastico. La nostra giornata si chiude con la sosta per la cena e il pernottamento presso la dimora storica con cantina e agriturismo Baroni Codelli a Mossa (GO). La nostra camera è calda, ampia e comoda, la struttura è immersa nella natura e quindi nessun rumore disturberà il nostro sonno! Per cena gustiamo polenta con salsa ai porri e lubianska, tipica carne impanata d’influsso sloveno, accompagnando il tutto con il vino bianco Friulano e, per finire, un bicchierino di grappa della casa!

Dopo un bel sonno ristoratore e la corsetta mattutina di Marco tra i vigneti del Collio (al suo rientro mi fa sapere che c’è una fantastica pista ciclabile che passa per la zona!), prendiamo armi e bagagli alla volta di Trieste per il mio ultimo giorno da #bloggerpercaso in Friuli Venezia Giulia. La nostra prima meta è l’immancabile Parco e Castello di Miramare alla porte di Trieste, uno dei parchi più belli d’Italia. Non servono descrizioni per questo posto, è sufficiente avvicinarsi alla sua florida vegetazione, alle sue bianche mura, al suo essere proteso tra cielo e mare per vivere l’emozione degli elementi naturali. Davvero Miramare è da visitare in ogni stagione e con ogni tempo, nulla scalfirà la bellezza che gli è data dalla sua posizione del tutto eccezionale. Per questa volta non visitiamo la città, ma risaliamo le zone del Carso triestino fino a Monrupino: in questo paese ogni anno dispari si festeggiano le Nozze Carsiche, un vero e proprio matrimonio che si svolge come un evento aperto alla cittadinanza e a tutti e che segue i riti e i costumi tradizionali del Carso. La cerimonia prende avvio dalla Casa Carsica, una dimora conservata tale e quale era all’inizio del ‘900 e che è un piccolo museo dedicato alla perpetuazione della storia del luogo, dove – proprio come a Farra d’Isonzo – sono riprodotte in modo originale le stanze e i locali della vita rurale d’inizio secolo. È alla Casa Carsica che ho il piacere d’incontrare la scrittrice Vesna Gustin, esperta di storia e tradizioni del Carso e che si spende in prima persona per accogliere i gruppi in visita a questo centro, trasmettendo loro il suo sapere e il suo entusiasmo. Ci segniamo in agenda la prossima data delle Nozze Carsiche, che si terranno in agosto 2013, e ci facciamo consigliare da Vesna un posto dove mangiare per pranzo. Andiamo nella Piazza di Monrupino, dove ha sede il ristorante Krizman, e assaporiamo un pasto tipico carsolino con jota (minestra locale), pollo fritto e ghibanizza (dolce d’influsso balcanico) innaffiato da vino rosso Terrano e per finire da un bicchierino di liquore al Terrano. Riprendiamo l’auto e percorriamo la strada che ci porta a San Dorligo della Valle (TS). Questo centro è conosciuto per la coltivazione dell’olivo e per la produzione dell’olio extra vergine d’oliva e nei mesi di ottobre e novembre il Frantoio Parovel è aperto per visite e per l’assaggio dell’olio nuovo. Euro Parovel, che in questi mesi è impegnato nella raccolta delle olive e nel seguire la lavorazione del frantoio, ci racconta che la varietà autoctona è la Bianchera, che dà vita a un olio evo dai begli aromi, carico di gusti e piccante. Si tratta di una produzione di nicchia che ha ottenuto anche la Dop, unica in Friuli Venezia Giulia nel caso dell’olio, e che riguarda la Provincia di Trieste ed è denominata Dop Tergeste.

È pomeriggio inoltrato, il nostro week-end si conclude qui e non ci resta che rientrare a casa con un bagaglio colmo di memorabili ricordi, di esperienze vissute e di incontri che ci hanno svelato un po’ dell’anima del Friuli Venezia Giulia, la sua autenticità e la sua umanità.

Guarda la gallery
bloggerpercaso-aqm4t

Il nostro viaggio prosegue in direzione Gorizia, ma prima del tour della citta' facciamo...

bloggerpercaso-psesd

Con la nostra auto elettrica Biro' raggiungiamo con destrezza la sommita' del Castello di...

bloggerpercaso-wvwna

Nel cuore di Gorizia, a due passi da Piazza Vittoria e da Palazzo Attems, andiamo ...

bloggerpercaso-74455

Riportiamo il nostro veicolo ecologico dal suo concessionario, riprendiamo l'auto e da...

bloggerpercaso-984sg

Per il pernottamento della nostra seconda notte abbiamo scelto la dimora storica con...

bloggerpercaso-9xdrk

Prima di andare a nanna, ci concediamo una buona cena all'agriturismo dell'azienda Baroni...

bloggerpercaso-xk6f6

Miramare e' uno dei parchi piu' belli d'Italia.

bloggerpercaso-dur11

Riprendiamo il cammino e da Miramare raggiungiamo Monrupino per visitare la Casa Carsica....

bloggerpercaso-aj2nu

Monrupino e' un piccolo centro del Carso triestino molto caratteristico. Ampia anche la...

bloggerpercaso-y9rqm

Da Monrupino ci dirigiamo verso San Dorligo della Valle per visitare il frantoio, questo...

bloggerpercaso-s3jxa

Il Friuli Venezia Giulia ha alcune varieta' autoctone di olive, tra cui la piu' famosa ...



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Friuli-Venezia Giulia
    Diari di viaggio
    limpido isonzo

    Limpido Isonzo

    Qualche anno fa, scorrendo i vari hashtag turistici, ero rimasta colpita da un’immagine che ritraeva un fiume dalle acque azzurrissime!...

    Diari di viaggio
    un viaggio bellissimo passando per il friuli

    Un viaggio bellissimo passando per il Friuli

    Dopo due anni abbiamo finalmente riorganizzato un viaggio.Siamo partiti io e mio figlio di 11 anni dalla nostra Liguria e siamo...

    Diari di viaggio
    escursione sulla diga del vajont

    Escursione sulla diga del Vajont

    Nella fantastica cornice delle Dolomiti friulane, tra la provincia di Pordenone e quella di Belluno, alle pendici del monte Toc, si trova...

    Diari di viaggio
    sola, sul cammino delle pievi della carnia

    Sola, sul Cammino delle Pievi della Carnia

    Qualsiasi viaggio non è mai solo un punto su una mappa, ma è prima di tutto un confronto con se stessi, specie se il percorso è fatto a...

    Diari di viaggio
    da sacile a pordenone, tra canali e borghi

    Da Sacile a Pordenone, tra canali e borghi

    Prosegue la scoperta del Friuli Venezia Giulia, dopo i primi 3 itinerari (Udine-Gorizia; Palmanova-Aquileia; Spilimbergo-San Daniele), mi...

    Diari di viaggio
    percorsi di storia nella zona di monfalcone

    Percorsi di storia nella zona di Monfalcone

    Continua la mia "avventura" in Friuli Venezia Giulia, eccomi arrivato al 5° itinerario, questa volta più storico, nella zona di...

    Diari di viaggio
    da barcis a venzone, tra natura e mummie

    Da Barcis a Venzone, tra natura e mummie

    Dopo la zona di Monfalcone, l'ultimo itinerario in Friuli Venezia Giulia prima della mia partenza, prevede una parte naturalistica, visita...

    Diari di viaggio
    insolita trieste

    Insolita Trieste

    Io e il mio compagno siamo stati a Trieste per il ponte dell’8 dicembre (8 – 12 dicembre 2021): 5 giorni che per noi, provenienti da...

    Diari di viaggio
    udine e gorizia, tra dimore e borghi

    Udine e Gorizia, tra dimore e borghi

    Il mio intento è quello di scoprire la Regione in 1 settimana, visitando luoghi principali e posti poco conosciuti tra borghi storia e...

    Diari di viaggio
    itinerario tra palmanova e aquileia

    Itinerario tra Palmanova e Aquileia

    Dopo il primo itinerario che mi ha portato tra le altre a visitare Gorizia e Udine, mi dirigo nella zona di...

    Video Itinerari