Barcellona, Valencia e Madrid con bambini al seguito

Barcellona magica ed elegante, Valencia da scoprire, Madrid la regina… dove c’è la movida
 
Partenza il: 03/09/2014
Ritorno il: 12/10/2014
Viaggiatori: 4
Spesa: 2000 €

Quest’anno la vacanza pianificata è on the road in Spagna, visitando le principali città spagnole e attraversando con la nostra macchina il territorio di catalunya, valenciano e aragonese. Partendo dal fatto che sono siciliana e non c’è nessun collegamento navale con la spagna, abbiamo dovuto affrontare 10 ore di macchina fino a Civitavecchia per imbarcarci nella Nave Grimaldi Cruise Barcellona. CONSIGLIO per chi vuole viaggiare in nave… purtroppo esistono i ritardi, ma anche ritardoni, considerando che la partenza per Barcellona era alle 10,30 siamo partiti all’una di notte. Comunque la comodità è che i bambini hanno dormito tranquilli, il tempo è stato dalla nostra parte.

Barcellona è bella veramente: consiglio di prenotare Amical Apartaments, un appartamentino in Passeig de Gracia, rifinito di tutto. Non mancava niente e con un bambino di cinque mesi stavo tranquilla per tre giorni. Passeig de Gracia è una via molto tranquilla, elegante ed è la zona dove si trovano Casa Batllò e La Pedrera. Consiglio vivamente di prenotare i biglietti di tutti i monumenti gaudiani in internet per evitare le code che ti stressano. Sono rimasta scontenta delle Tapas, perché sono rimasta sempre affamata. Non sono altro che aperitivi o apericena qui da noi. Consiglio invece di mangiare in qualche braseria la carne, perchè e davvero buona e gustosa. A Barcellona abbiamo portato i bambini in un parco divertimenti che si trova sul Monte Tibidabo, un vero spasso, lo consiglio. Bello perché per arrivarci dovete prendere un tram che si chiama TRAMVIABLAU. Bisogna pagare il biglietto valido per andata e ritorno, e vi porta a metà monte dove siete liberi o di bere un caffé al bar, rilassandovi davanti al panorama di Barcellona o proseguire con la funicolare fino in vetta, dove c’è il parco divertimenti piu’ antico (parliamo del 1800). Lì ho assaggiato i churros, biscotti dolci spagnoli che solitamente si accompagnano con una cioccolata calda. BUONI. Consiglio di non saltare la visita alla Fontana Magica, perché e molto bello vedere come l’acqua possa ‘ballare’ a suon di musica moderna con giochi di colori.

Arrivare a Valencia è stato facile, sono tre ore e mezza di strada, ma vale la pena visitarla sia per la città delle arti e scienze con OCEANOGRAPHIC, dove sembrava di essere sott’acqua. Un bellissimo acquario grande. Mio figlio è rimasto affascinato dalle belughe. A Valencia mi è piaciuto anche il lungo mare sulla spiaggia di Malvarrosa. Il bioparco è stato molto interessante e bello trovarsi vicino ad animali lasciati tranquilli nel loro habitat. Paella Valenciana tipica e solo con pollo e conejo (pollo e coniglio) ma loro si cimentano a farne differenti. Noi abbiamo assaggiato la paella con il baccalà. HORCHATA non mi e piaciuta, questione di gusti, forse perchè a Siracusa beviamo il latte di mandorla che è buonissimo; questo mi sembrava troppo di tubercolo.

Madrid ci ha scioccati, con solo tre ore e mezza di strada da Valencia siamo stati catapultati nella movida che piu movida non si puo’. MAC DONALD aperto 24 ore, la Gran Via popolata da ragazzi, turisti, gay… anche perchè c’è l’Università. Bella Plaza Mayor con gli artisti di strada. Lì abbiamo mangiato il bocadillo con los calamares (panino con i calamari), buono. Abbiamo visitato il Mercado di San Miguel aperto anche di sera, ma più piccolo rispetto a LA Boqueria di Barcellona. Con figli a carico e, quindi, anche passeggini… a Barcellona tutte le stazioni Metro hanno un ascensore mentre a qui, qualche stazione ne è sprovvista. Stazione Atocha: non credo di aver visto una stazione così elegante fino ad ora… c’è una serra piena di piante e non solo, c’erano anche tartarughe… Il palazzo Reale è veramente maestoso, però sempre per non aver prenotato i biglietti ho evitato la fila e non sono entrata. Alla fine per rilassarvi un po vi consiglio IL PARQUE DEL BUEN RETIRO, molto grande e pieno di verde. Potete noleggiare anche una barca aremi. Dopo dieci giorni si ritorna a Barcellona per prendere la nave che ci portera’ in ITALIA.

Della Spagna mi e rimasta un buon ricordo e spero di visitare altro di questa bellissima terra.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Barcellona
    Diari di viaggio
    port vell, il luogo che mi ha fatto innamorare di barcellona

    Port Vell, il luogo che mi ha fatto innamorare di Barcellona

    Barcellona con amore Non ci possono essere sensazioni buone o cattive durante un viaggio, tutto dipende come al solito da quanto la nostra...

    Diari di viaggio
    a barcellona per l'epifania con i bimbi al seguito

    A Barcellona per l’Epifania con i bimbi al seguito

    Barcellona per me significa una tappa di una vacanza con i miei genitori, da ragazzina (e ancora conservo la maglietta Hard Rock con la...

    Diari di viaggio
    camminando per barcellona

    Camminando per Barcellona

    Barcellona, 5/6/7 dicembre, Fuga mamma e figlio 5 DICEMBRE Visitare Barcellona in due giorni si può, occorre mettere in conto lunghe...

    Diari di viaggio
    il primo viaggio non si scorda mai: spagna

    Il primo viaggio non si scorda mai: Spagna

    Quando ho iniziato a lavorare mi sono detta che avrei speso i miei soldi in viaggi... e non scherzavo. Lo stipendio non era alto e così,...

    Diari di viaggio
    4350 km dall'italia a gijon e ritorno in moto

    4350 km dall’Italia a Gijon e ritorno in moto

    Bellissimo viaggio in moto a tappe dal 10 agosto al 28 agosto attraverso la Francia e la Spagna per scoprire e rivedere paesaggi, città,...

    Diari di viaggio
    spagna del sud

    Spagna del Sud

    Volevamo fare una vacanza un po’ diversa dalle solite spiagge, mare ed appartamenti. Un po’ di visite in rete ad hotel e sistemazioni...

    Diari di viaggio
    crociera tra barcellona e marsiglia

    Crociera tra Barcellona e Marsiglia

    Io e Donatella il 15 ottobre 2018 compiamo trentanni di matrimonio (ho scoperto che sono le nozze di perla), per festeggiare l'evento ci...

    Diari di viaggio
    in spagna tra alicante, valencia e barcellona

    In Spagna tra Alicante, Valencia e Barcellona

    Per l'estate 2018 avevamo progettato un bel tour, con la macchina, nel nord della Spagna, da Santander a Barcellona, passando per i paesi...

    Diari di viaggio
    barcellona con gli occhi di un bambino

    Barcellona con gli occhi di un bambino

    Di Barcellona sono state scritte centinaia di guide e migliaia di post. Si conosce ormai tutto della bellissima città Catalana: la sua...

    Diari di viaggio
    esplorando barcellona

    Esplorando Barcellona

    artigianato popolare. Per ogni Comunità infatti è presente un cartello che illustra usi e costumi oltre alle produzioni e alle...