bali-lombok-gili 2

Quest’anno, dopo tanto pensare decidiamo di mettere per la prima volta i piedi sul continente asiatico. Potendo, per motivi di lavoro, prendere le ferie in Agosto le condizioni climatiche migliori per una vacanza in questo periodo ci sembrano quelle dell’Indonesia e quindi scegliamo Bali come destinazione a cui aggiungiamo Lombok ed Isole Gili...
 
Partenza il: 31/07/2009
Ritorno il: 14/08/2009
Viaggiatori: in gruppo
Spesa: 2000 €

Quest’anno, dopo tanto pensare decidiamo di mettere per la prima volta i piedi sul continente asiatico. Potendo, per motivi di lavoro, prendere le ferie in Agosto le condizioni climatiche migliori per una vacanza in questo periodo ci sembrano quelle dell’Indonesia e quindi scegliamo Bali come destinazione a cui aggiungiamo Lombok ed Isole Gili tanto per fare il giro classico dell’italiano medio.

Le aspettative per questo viaggio sono davvero elevate, a posteriori confesso che è un errore fantasticare troppo sul posto da visitare, ma ormai il danno è fatto e quindi la mia opinione su questo viaggio è compromessa.

Chiaramente, come gli altri diari di viaggio dimostrano, è sempre soggettivo il fatto di amare o meno un posto, quindi lungi da me scoraggiare qualcuno ad andare in questi posti, ma è bene partire consapevoli di quello che si troverà in modo da non rimanere delusi o sorpresi.

Le cose che personalmente non ho apprezzato le troverete in modo specifico nel diario di viaggio.

VOLI: abbiamo prenotato a Marzo un volo per Singapore con la Turkish Airline al prezzo di 830,00 euro e un volo Singapore-Bali con la Garuda Airline al costo di 270,0 euro.

Siamo stati costretti a prendere due voli separatamente perché i prezzi Roma-Bali erano cresciuti vertiginosamente aggirandosi intorno ai 1400, euro. Quindi vi consiglio di prenotare a Gennaio- Febbraio se avete le idee chiare.

GIORNO 31/07/09: ROMA-ISTANBUL-SINGAPORE Il volo con la TK è stato meglio del previsto. Ottimo servizio e buonissimi pasti.

Arriviamo in orario a Singapore, solo 5 minuti per ritirare i bagagli e siamo fuori. Ritiriamo dall’ATM 200 Dollari di Singapore (che corrispondono a circa 100 euro) per le spese varie a Singapore. Prendiamo un taxi per il nostro Hotel “ Le Perakanan Hotel” prenotato da internet dall’Italia (40 euro a stanza). L’hotel nuovissimo ha un ingresso che neanche si vede dall’esterno. Le stanze sono piccole ed hanno la moquette a terra, anche il bagno è piccolo ma funzionale. C’è il condizionatore. Per starci una notte va più che bene. Purtroppo è Sabato e nel locale accanto fanno il Karaoke fino a tarda sera. Dalla mia stanza num° 10 si sente benissimo e sono costretta ad indossare i tappi per le orecchie (io li avevo portati,ma la TK te ne regala un paio sull’aereo).Cena nel quartiere di Little India dove spendiamo pochissimo.

GIORNO 2/08/09 SINGAPORE-BALI Oggi abbiamo il primo imprevisto della vacanza. Sveglia alle 4,30 per prendere l’aereo delle 6,50. Arrivati all’aeroporto scopriamo però che è stato cancellato (non si sa bene da quando ma a noi nessuno ci aveva avvertito).Alternativa: prendere il volo delle 19 di sera per Bali o prendere alle 9,50 un volo per Jakarta e poi la coincidenza per Bali alle 11,30. Optiamo per la 2° scelta sperando di arrivare a Bali qualche ora prima per cercare un hotel.

Chiediamo se la coincidenza non sia troppo ravvicinata ma ci garantiscono che non ci saranno problemi. 1° LEZIONE: la parola data qui non vale molto, senza offendere nessuno direi che vale praticamente zero. La Garuda per scusarsi dell’inconveniente ci offre la colazione (6 dollari a testa… ci scappa solo il cappuccino!!) Manco a dirlo perdiamo la coincidenza per Bali. All’arrivo a Jakarta siamo oppressi, stremati dalla burocrazia. Dobbiamo fare il visto che si può pagare solo in contati. Per fortuna avevamo un po’ di euro con noi. Il visto costa 25 dollari, noi in tre paghiamo 57 euro. Dopo fatto il visto te lo devono controllare e vistare. Dopo altri controlli vari arriviamo finalmente al gate. Arriviamo a Bali alle 16,30 ora locale dopo un volo di 2 ore da Jakarta. Ritirati i bagagli andiamo subito a chiedere informazioni sugli orari dei voli per Lombok e poi prendiamo un taxi che per 195.000 Rp ci porta a Ubud.

La scelta di andare direttamente ad Ubud era dettata dal fatto che, essendo in posizione centrale, andava bene per fare i vari spostamenti sull’isola. A posteriori non la rifarei, ma starei almeno una notte a Kuta perché la stanchezza del viaggio è tanta e il fuso orario non si recupera velocemente per cui l’ideale è buttarsi in spiaggia e dormire almeno il 1° giorno.

La strada per Ubud è strettissima e trafficata, ovunque motorini con mamme,papà e bimbo contemporaneamente in sella. La sicurezza sulle strade è un concetto piuttosto relativo qui. Il tassista ci parla per tutto il viaggio, circa un’ora, e ci ringrazia della visita e ci invita a spendere soldi per fare girare l’economia. A Ubud ci facciamo portare lungo Monkey Forest Road per cercare qualche alloggio, ma di questo periodo è impossibile trovare una sistemazione “accettabile” che non sia “full”.

A questo punto urge una precisazione: si legge ovunque che a Bali per dormire si può spendere veramente poco se ci si accontenta. Allora, forse in altri periodi dell’anno, quindi in bassa stagione può essere vero, ma in questo periodo non è così. Accontentarsi significa soprattutto scarsissime condizioni igieniche quindi vi consiglio di prenotare prima, almeno un paio di mesi.

Incontriamo un tipo per strada che col suo furgoncino malconcio e puzzolente si offre di cercarci un posto. Giriamo parecchio tempo e alla fine troviamo 2 camere al OKA KARTINI BUNGALOWS. Si tratta di bungalows immersi in un carinissimo giardino balinese. Le stanze sono spaziose e discretamente pulite. Anche il bagno è più che accetabile. La doppia senza condizionatore ma con la pala costa 35 dollari, con condizionatore 46. La doppia uso singola 29 dollari. Tutto compresa la colazione. Il condizionatore a Ubud direi che non serve, io ho spento anche la pala. C’è poi una piscina e se vuoi ti portano la colazione in camera. La colazione è soddisfacente. A cena siamo andati in un posto vicino all’hotel da cui sentivamo provenire della interessante musica dal vivo. Si chiama JAZZ CAFE’ ed è veramente un posto carino, ottima musica e buon cibo. Abbiamo speso in tre 460.000 RP. CURIOSITA’: sarà anche la stagione meno piovosa ma per tutta la notte ha fatto acquazzoni intermittenti. Sarà così anche nei giorni a seguire qui ad Ubud. Ubud, così come Bali in generale è molto umida e ci sono un sacco di zanzare in giro.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bali
    Diari di viaggio
    ubud è il cuore spirituale di bali

    Ubud è il cuore spirituale di Bali

    Chi mi conosce bene sa quanto l'Asia per me sia diventata non solo la mia meta oltreoceano preferita ma anche un vero e proprio stato...

    Diari di viaggio
    sanur: il piccolo villaggio costiero di bali tutto da scoprire

    Sanur: il piccolo villaggio costiero di Bali tutto da scoprire

    Isola degli Dei è questo l'appellativo che Bali si è guadagnata nel tempo per la presenza di un numero elevato di templi, grandi o molto...

    Diari di viaggio
    tre grandi viaggi che si possono fare in 10 giorni di provati da noi! - bali

    Tre grandi viaggi che si possono fare in 10 giorni di provati da noi! – Bali

    Il programma di questo viaggio è quello di Bali Secrets Diving, compagnia italiana con sede a Sanur. Abbiamo conosciuto Marco, il...

    Diari di viaggio
    bali, la nostra scoperta

    Bali, la nostra scoperta

    Il nostro viaggio è iniziato un po’ per caso, un invito inaspettato al matrimonio dell’anno. Proprio lì, nell'isola degli Dei. Come...

    Diari di viaggio
    bali e la filosofia del wahaha

    Bali e la filosofia del Wahaha

    Viaggio family per chi cerca una destinazione che non sia solo mare o solo cultura, per chi è attirato dall'Asia, ma ha paura di un...

    Diari di viaggio
    avventure in indonesia: borneo - java - bali - nusa penida - komodo - flores

    Avventure in Indonesia: Borneo – Java – Bali – Nusa Penida – Komodo – Flores

    Un viaggio all'avventura in Indonesia, prendendo tanti mezzi per arrivare dall'est all'ovest di una nazione ricca di cultura e una...

    Diari di viaggio
    dubai, abu dhabi, giava e bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    Dubai, Abu Dhabi, Giava e Bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    5 agosto Arriviamo a Dubai al mattino presto, dopo 6 ore di volo tranquille con Emirates. Dopo una veloce colazione in aeroporto, ci...

    Diari di viaggio
    indonesia: bali, lombok e il parco nazionale di komodo

    Indonesia: Bali, Lombok e il parco nazionale di Komodo

    BALI: Ci siamo stati 6 giorni totali, 4 all'inizio della vacanza, 2 alla fine prima di rientrare in Italia.Abbiamo prenotato un...

    Diari di viaggio
    due settimane in indonesia

    Due settimane in Indonesia

    Premessa: purtroppo causa terremoti abbiamo dovuto modificare in corsa il nostro itinerario, sostituendo la settimana tra Gili Air e...

    Diari di viaggio
    viaggio alle isole delle meraviglie con stop over a singapore

    Viaggio alle isole delle meraviglie con stop over a Singapore

    Un viaggio, questo in Indonesia, alquanto sofferto nell’organizzazione, considerati i dieci scali aerei da effettuare in tredici...