BAHAMAS: sogno americano on the road + Exuma

Bahamas fai da te!
Scritto da: de
bahamas: sogno americano on the road + exuma
Partenza il: 16/08/2007
Ritorno il: 22/08/2007
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Dopo aver trascorso diversi giorni nei grandi parchi del South West USA atterriamo all’aeroporto di George Town sulla meravigliosa isola di EXUMA. A tal proposito ringraziamo i 2 ragazzi che hanno precedentemente scritto il loro racconto di viaggio fai da te perché oltre ad averci fatto scoprire una nuova destinazione fuori dai soliti luoghi comuni ci hanno fornito ottime informazioni e incuriosito attraverso le loro foto. Per farvi un’idea dell’isola potete visitare i siti: www.ponky-cicci.it www.exuma-bahamas.com www.bahamas.it

Perché abbiamo scelto proprio l’isoletta di Exuma??? Perché a noi piace il mare ma soprattutto la tranquillità, ci piace il fatto di poter godere di spiagge completamente deserte e di trascorrere le nostre serate in compagnia della gente del posto in tipici localini e ristorantini. Devo ammettere pero’ che abbiamo incontrato diversi italiani tra cui 2 coppie di ragazzi milanesi, proprio come noi, con i quali abbiamo trascorso l’intera vacanza sull’isola.

Exuma si trova a sud dell’arcipelago delle Bahamas ed è formata da 365 cay, piccolissime isolette semideserte, la capitale è GEORGE TOWN. Il paesino è piuttosto attrezzato vi è l’aereoporto, un supermercato ben fornito, benzinai, noleggi per auto/scooter/barche non manca anche la banca, il comando di polizia e qualche negozietto di souvenirs mentre i ristorantini sono disseminati per tutta l’isola.

Per quanto riguarda gli ALLOGGI non sono ovviamente moltissimi come a Nassau ma ce ne sono comunque per tutti i gusti: dai Resort piu’ esclusivi alle case in affitto ai bed&breakfast agli alberghi piu’ semplici come quello che abbiamo scelto noi ma non per questo meno funzionale degli altri anzi ci siamo trovati davvero molto bene.

I nostri CELLULARI non funzionano a meno che non siano satellitari quindi per chiamare l’Italia occorre comprare la tessera telefonica prepagata da 5 USD o 10 USD: Hello Long Distance (family island) e comporre i seguenti numeri: 1+242+300+2273+inserire pin della carta+011+0039+no. Di telefono (in realtà è piu’ semplice di quanto sembra).

FUSO ORARIO: 6 ore in meno rispetto all’Italia

CIBO: il CONCH è il piatto tipico bahamiano è un mollusco che cucinano in tutti i modi, non è male anche se noi ci aspettavamo di mangiare una varietà maggiore di pesce essendo un posto di mare e invece nostro malgrado abbiamo notato che cucinano molto all’americana,hamburger e patatine fritte ma non abbiamo avuto difficoltà a trovare nemmeno la pasta (spaghetti Alfredo con panna e gamberetti) tutto sommato buona.

Giovedì 16 Agosto 07

Ore 15.25 Volo aereo della Bahamas Airlines (prenotato dall’Italia via internet direttamente dal sito della compagnia aerea) eravamo un po’ “preoccupati” all’inizio perché avevamo sentito di alcuni disguidi ma vorrei comunque precisare che gli aerei sono sicuri, per loro è un normalissimo mezzo di trasporto li usano quotidianamente per spostarsi da un’isola all’altra e in pratica sostituiscono i nostri pullman. Armatevi di pazienza perchè sono costantemente in ritardo e per questo abbiamo rischiato di perdere delle coincidenze a causa della mancanza di serietà e negligenza di alcuni dei loro addetti in aggiunta poi ai numerosi e lenti controlli (ma questo già lo avevamo messo in conto dato il mese di Agosto). Vi consigliamo di lasciare davvero diverse ore tra un volo e l’altro perché noi abbiamo corso come matti, nel vero senso della parola, per gli aeroporti pensando ogni volta di aver imbarcato le nostre valigie su chissà quale volo ma per loro è normale cosi’ e nonostante i disguidi le nostre valigie sono sempre giunte fortunatamente a destinazione.

E qui apriamo il capitolo dei TRASPORTI: l’aereo è l’unico mezzo veloce e conveniente per spostarsi da un’isola all’altra. La Bahamaair, la linea aerea nazionale, collega Grand Bahama con le più grandi OutIslands. Fa servizio anche tra Miami e Nassau, Abaco, Eleuthera, Exuma, Freeport, Long Island e San Salvador.

Gli orari vengono modificati spesso e con breve preavviso (non vengono avvisati dei cambiamenti di orario neppure i passeggeri con prenotazione). Il servizio aereo funziona secondo un sistema a raggiera, da e per Nassau. Perciò, se volete spostarvi in aereo tra isole adiacenti, come per esempio Cat Island e Long Island, dovete obbligatoriamente tornare a Nassau.

Le Bahamas sono ben collegate con gli aeroporti del Nord America, la loro vicinanza alla Florida consente la presenza di voli regolari e relativamente poco costosi da Miami, Ft Lauderdale e Orlando, come pure da altre città sulla East Coast, come New York e Boston. Tra le compagnie aeree statunitensi che effettuano voli alle Bahama ricordiamo la American Airlines/American Eagle, la Continental, la United, la Delta Airlines, a Carnival Air e l’US Airways. La Apple Vacations offre voli charter frequenti tra le Bahama e Baltimora, Pittsburgh e Philadelphia. L’Air Canada collega Nassau con Toronto e Montreal. In particolare per quanto riguarda i collegamenti tra Miami ed Exuma vi informiamo che la compagnia aerea American Eagle (partner american airlines) effettua voli giornalieri di A/R per Exuma tra l’altro anche piuttosto economicamente convenienti.

Noi purtroppo non siamo riusciti a prendere questi voli perché gli orari non combaciavano con tutte le altre nostre coincidenze.

l nostro consiglio: non fermatevi solo a Nassau ma andate a vedere almeno un’altra isola (Exuma, Eleuthera, Abaco ecc…) ne vale la pena perché sono davvero paradisiache. All’aeroporto conosciamo i ragazzi milanesi che diventeranno i nostri compagni di viaggio, ritiriamo i nostri bagagli e con un taxi collettivo (36 USD per 6 persone) raggiungiamo il CLUB PEACE&PLENTY dove pernotteremo 4 giorni in completo relax prima di ritornare a casa. (www.peaceandplenty.com email: [email protected] prenotato dall’Italia. Costi per 2 persone: 216.60 USD acconto pagato con carta di credito diversi mesi prima + 505.40 USD saldo a fine vacanza) In verità avevamo provato a prenotare nel piu’ economico B&B Coral Gables ma era già al completo cosi’ abbiamo optato per questa soluzione un po’ piu’ cara anche se molto comoda per il fatto di essere praticamente in paese, avere il servizio gratuito per l’isola di Stocking Island, la piscina , il bar e ristorante. Ormai sono passate le 22.00 ed esausti per tutti gli spostamenti andiamo a letto per sfruttare al meglio la giornata successiva.



    Commenti

    Lascia un commento

    Bahamas: leggi gli altri diari di viaggio