Azzorre: oltre ogni aspettativa!

Quattro isole in 10 giorni: in 3 alla scoperta di un paradiso inaspettato!
Scritto da: chiskyw
azzorre: oltre ogni aspettativa!
Partenza il: 11/08/2018
Ritorno il: 23/08/2018
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Va detto: io AMO alla follia il Portogallo. MA le Azzorre ancora mancavano alla lista delle meraviglie che ho già visitato in uno dei Paesi che trovo più affascinanti al mondo. Avevo in mente un’immagine di ortensie blu stagliate sull’oceano…e la scorsa estate ho deciso di vederle dal vivo, insieme a Leo di (quasi) 7 anni all’epoca, e al suo papàGuido che, paziente, mi segue nei miei momenti di esaltazione da viaggio senza fare troppi commenti sarcastici.

Qualche dato “tecnico” innanzitutto!

Il tour, svoltosi dall’11/08 al 26/08/2018 ha previsto le seguenti tappe:

· Torino-Lisbona (con scalo a Barcellona all’andata) con 1 notte a Lisbona

· Lisbona-Ponta Delgada con 4 notti a Sao Miguel

· Ponta Delgada-Horta con 3 notti a Faial e una gita in giornata a Pico

· Horta-Santa Cruz da Flores con 3 notti a Flores

· Flores-Ponta Delgada con 1 notte nuovamente a Sao Miguel

· Ponta Delgada-Lisbona con 2 notti a Lisbona (non poteva mancare!)

· Lisbona-Torino (stavolta diretto)

Nota: a posteriori, a livello puramente economico, sarebbe stato meglio tornare a Lisbona partendo direttamente da Faial (e quindi vistando prima Flores) e tralasciando la seconda sosta su Sao Miguel – cosa che, al momento della pianificazione del viaggio non avevo minimamente considerato – nonché la levataccia alle 5 del mattino per prendere l’aereo…ma la cosa ci ha comunque permesso di visitare Ponta Delgada (una piccola Lisbona!) che altrimenti non avremmo fatto in tempo a vedere durante la prima visita…quindi non è andata poi così male!

A Lisbona abbiamo soggiornato al Turim Iberia Hotel (104 € la tripla senza colazione + taxi A/R prenotato con Rideways dall’Italia a 34 €) la prima volta e al magnifico Jupiter Lisboa Hotel (326 € la tripla per 2 notti con colazione) al nostro ritorno.

Su Sao Miguel abbiamo passato le 4 notti a Mosteiros in compagnia della spettacolare compagnia di Luis e Joao della Casa Da Falesia (di cui si è già parlato STRAbene in altre recensioni su questo sito), pagando 380 € per la villetta di loro proprietà a due passi dalla Casa. La macchina a noleggio, presa a Ponta Delgada con Ilha Verde e prenotata dall’Italia, ci è costata 160 €.

A ritorno a Ponta Delgada ci siamo invece fermati in città all’Hotel Canadiano (134 € la tripla, con colazione e navetta aeroportuale A/R).

Su Faial, come dimenticare la bellezza incredibile del soggiorno al Casal do Vulcão (480 € l’intera villetta), a due passi dal Capelinhos? La macchina a noleggio, sempre prenotata con Ilha Verde, ci è costata invece 212 €, più una bella tassa di 30 € perché l’abbiamo ritirata dopo le 19 a causa dell’aereo da Sao Miguel atterrato in ritardo!!!!

Su Flores abbiamo soggiornato nel carinissimo Moradias Estação Radio Naval a Lajes das Flores (229 € la villetta), pagando invece un prezzo ignobilmente alto per l’auto a noleggio, 224 €. No comment.

Come guida cartacea abbiamo usato “Azzorre” di Susanne Lipps che in tutta onestà non consiglierei: sarà l’abitudine alle ben più complete Lonely Planet ma l’ho trovata un po’carente di riferimenti anche a luoghi importanti e assolutamente da non perdere (per fare un esempio la laguna Poço Ribeira do Ferreiro a Flores: trovo assurdo che non l’abbia nemmeno nominata!).

Fondamentale, a parer mio l’uso del navigatore: alcuni luoghi sono facilmente raggiungibili solo facendone buon uso, in quanto può capitare che la cartellonistica stradale – soprattutto in zone più sperdute e su strade sterrate – sia carente.

E adesso passiamo al dettaglio!

Sabato 11/08

L’aereo Vueling da Barcellona atterra alle 20.15 a Lisbona e quindi, nonostante il comodissimo taxi Rideways prenotato dall’Italia ci scarichi proprio davanti all’hotel, siamo un po’ stanchi e decidiamo di cenare lì. Nulla di che il menù (anche vista l’ora tarda a cui ci presentiamo a cena), ma personale gentilissimo e disponibile ad apportare modifiche a quanto da noi scelto. La camera tripla è molto spaziosa e pulita. Avevo scelto questo hotel assolutamente a caso basandomi più che altro sul prezzo e sulla posizione non eccessivamente lontana dall’aeroporto, ma sono certa che cercando con più accuratezza della mia, si possa trovare qualcosa di decisamente più economico.

Domenica 12/08

Con Ryanair atterriamo finalmente a Ponta Delgada alla mezza, prendiamo la macchina (una Yaris che ha sicuramente visto tempi migliori) e ci dirigiamo verso Mosteiros che dista una quarantina di minuti di viaggio…viaggio che passo a ripetere ininterrottamente “Guardate le ortensie! Che vi avevo detto? Ci sono le ortensie! E’pieno di ortensie! Ma visto che spettacolo? Guardate che spettacolo!” senza che, stranamente, nessuno mi butti fuori dall’auto in corsa. Forse sono solo troppo stanchi. Scherzi a parte, la strada è davvero una magia di fioritura azzurra e rosa e, come se non bastasse, in molti punti ci sono scorci panoramici stupendi su faraglioni e viste oceano varie…il primo approccio alle Azzorre non poteva essere migliore, tempo soleggiato incluso.

E che dire di Luis e di suo figlio Joao che non sia già stato detto…sono persone speciali a cui auguriamo tutta la felicità che si meritano. Innanzitutto ci mostrano la deliziosa villetta che ci hanno affittato (la casa vacanze di Joao che vive a Ponta Delgada), su due piani, con un bellissimo giardino con vista faraglioni e un ex-granaio dipinto a colori vivaci adibito a “torretta di osservazione”, e quindi la Casa Da Falesia a cui abbiamo accesso libero da un cancello laterale e che, vista sensazionale a parte, vanta una bellissima piscina e un giardino labirintico con siepi giganti, orti vari e uno stagno con innumerevoli rane.

Tempo di aprire le valige e Joao ci accompagna con la sua auto a fare un giro di Mosteiros per indicarci i luoghi di principale interesse e utilità (la panetteria, i due piccoli supermercati, la farmacia, i migliori ristoranti che, purtroppo, non abbiamo avuto occasione di provare, le piscine naturali…); scopriamo così che la domenica è il giorno del porcello allo spiedo sulla spiaggia principale…inutile dire che il nostro pranzo (o forse merenda visto che ormai si sono fatte le 4) consisterà in più di un delizioso ed economicissimo panino alla porchetta accompagnato da un paio di birre e Coca per Leo.



    Commenti

    Lascia un commento

    Azzorre: leggi gli altri diari di viaggio