Australia… Il sogno!

La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio che non è una semplice visita o una vacanza, ma un sogno…un sogno che va crescendo a poco a poco costruendosi nel tempo una delicata architettura. Un viaggio ha sempre un inizio e una fine, che però quasi mai coincidono con le date di partenza e ritorno. Il mio viaggio in...
 
Partenza il: 29/09/2008
Ritorno il: 19/10/2008
Viaggiatori: in coppia

La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio che non è una semplice visita o una vacanza, ma un sogno…Un sogno che va crescendo a poco a poco costruendosi nel tempo una delicata architettura. Un viaggio ha sempre un inizio e una fine, che però quasi mai coincidono con le date di partenza e ritorno.

Il mio viaggio in Australia cominciò in adolescenza, quando gli sterminati spazi del continente più lontano mi ispiravano sogni e fantasie che sono cresciuti con me fino a diventare realtà.

L’Australia… perché la natura, il colore della terra e la cultura aborigena mi hanno sempre affascinato.

L’Australia… perché l’idea di una terra lontana e lo spirito di avventura caratterizzano la mia personalità.

L’Australia… Il Viaggio di Nozze… Il sogno stava per realizzarsi… Già molto tempo prima delle nozze cominciamo a cercare su internet un itinerario di viaggio che facesse al caso nostro, da subito ci rendiamo conto che le classiche agenzie turistiche offrivano pacchetti o tour da “catalogo” troppo strutturati e costosi, quindi eravamo indecisi se acquistare solo il volo che garantiva maggiore libertà o organizzare dall’Italia un itinerario alternativo con le mete che già avevamo studiato approfonditamente, come l’Outback, il Queensland ed il Northern Territory.

Solitamente viaggiamo in modo spartano, zaino in spalla, in tenda, senza tour organizzati, per assaporare al meglio la cultura del luogo e il modo di vivere delle persone che lo abitano.

Questo per noi è il vero viaggio, quello studiato e programmato, quello che porta a contatto con la gente del posto, con i luoghi, un vero viaggio dona emozioni forti ed esperienze che si portano dentro tutta la vita, nel ricordare e nel rivivere attraverso l’immaginazione ciò che si è visto, sentito e provato.

Il viaggio vero e proprio comincia all’alba del 29 settembre 2008, giorno successivo al matrimonio…Sarà la prima di tante albe..

Zaino in spalla al Marconi di Bologna, cominciano le procedure per il check-in: deposito degli bagagli, controllo dei biglietti e dei documenti… finalmente eccoci al terminal pronti per l’imbarco sul volo che ci porterà prima a Roma, poi a Hong Kong e, dopo uno scalo di quasi 16 ore nella metropoli orientale a Sydney.

Pazienza! Saliti sul comodissimo volo della Chatay cominciamo ad organizzare il giro ad Hong Kong visto che avevamo a disposizione una giornata intera per visitare anche questa città. Arrivati nell’ex colonia inglese ci colpisce subito l’afa e lo smog cittadino, senza parlare degli odori che si respirano tra le vie.

Questa metropoli è simile a New York, ma la presenza di grattacieli dalle svariate forme è superiore, soprattutto dal Peck (il punto più alto della città raggiungibile con un trenino) si ha una visuale mozzafiato! Anche la skyline che si può ammirare dalla parte opposta della baia è caratteristica, specialmente al tramonto quando il calare del sole crea un’atmosfera molto suggestiva.

Quando dall’oblò del volo Quantas, si vede avvicinarsi la città di Sydney, l’adrenalina è alle stelle..

Pensare di volare sopra la terra sognata da anni mi dava un’emozione incredibile..

Il primo giorno dall’altra parte del mondo, in una metropoli attiva e frizzante è molto emozionante, la zona del porto denominata Circular Quay è molto bella anche se un po’ “turistica”, infatti è alquanto popolata da gente in vacanza.

Tanti grattacieli, negozi, gente di ogni etnia… facciamo un giro introduttivo per cominciare a respirare aria nuova.

Quando si arriva a Bondi Beach, la celebre spiaggia, conosciuta soprattutto dai surfisti, si nota subito lo spirito sportivo degli abitanti e la loro predilezione per le attività all’aperto.

Qui con i fusi orari si fa una gran confusione.. Siamo otto ore avanti e praticamente non dormiamo da due giorni, tra lo scalo ad Hong Kong, il suo fuso orario, giorno-notte, notte-giorno…L’orologio quasi impazzito…Si perde la cognizione del tempo: “Qui sono le 14.00 del pomeriggio, ad Hong Kong erano le 18.00… ma di che giorno?!! Siamo il 30 o l’1???” Il secondo giorno partenza al mattino per un giro della città di Sydney in minibus, per assaporare la sua atmosfera cosmopolita ed elettrizzante. Visitiamo i quartieri più famosi come The Rock, il più antico quartiere della città che un tempo non era altro che un rumoroso e squallido borgo; oggi invece è molto piacevole fare una passeggiata o fermarsi in uno dei numerosi e caratteristici bar.

L’Opera House, il simbolo della baia, dalle caratteristiche cupole somiglianti a vele gonfiate dal vento ma che in realtà vogliono rappresentare foglie di palma, l’Harbour Bridge, le zone di Chinatown e King Cross dove alloggiavamo in un comodo ed elegante albergo.

Nel pomeriggio giro in barca, sulla baia di Sydney per ammirare le ville e le fantastiche spiagge…La guida locale (tra l’altro l’unica parlante italiano) ci spiega che per gli abitanti della città la “vista mare” è di fondamentale importanza e che non è da tutti potersi permettere una villa vicino al mare! Dopo tre giorni trascorsi in questa bella città si parte in volo alla volta dell’entroterra australiano, il cosidetto “Red Center” per la caratteristica sabbia di un colore rosso intenso ed un deserto apparentemente tutto uguale ma sempre diverso.

Da Sydney ad Alice Springs non solo ci sono tre ore e mezza di volo, ma anche una lunga storia di dura sopravvivenza per le popolazioni aborigene dopo l’arrivo dell’uomo bianco sulle loro terre.

Sopravvissuti agli abusi e alle durissime condizioni di vita imposte dalla rigida politica di controllo del governo, negli anni ’20 e ’30 gli aborigeni riuscirono a riunirsi in gruppi politici indigeni in grado di dare voce ai loro diritti e per rivendicarne la parità con il popolo bianco.

Alice Springs è una piccola cittadina all’interno del deserto, punto di partenza per tutti gli escursionisti che si vogliono avventurare nel deserto alla scoperta dell’ Ayers Rock. Purtroppo ci rendiamo conto che gli aborigeni che la abitano sono persone al limbo, senza più la loro vera identità o appartenenza tribale e con gravi difficoltà ad integrarsi con il popolo bianco.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Alice Springs
    Diari di viaggio
    luna di miele tra australia e polinesia francese!

    Luna di Miele tra Australia e Polinesia Francese!

    Il 2019 è stato l’anno che ci ha visto convolare a nozze e come meta della nostra luna di miele abbiamo scelto un mondo lontano dove...

    Diari di viaggio
    cartoline dal down under

    Cartoline dal Down Under

    L’Australia è famosa nel mondo per le sue meraviglie naturali: barriera corallina, foreste pluviali lussureggianti, i deserti...

    Diari di viaggio
    australia on the road

    Australia on the road

    Noi siamo stati in Australia dal 5 al 29 novembre 2017. Abbiamo percorso con auto a noleggio circa 5.400 km, facendo le tratte da Malbourne...

    Diari di viaggio
    red centre australiano

    Red Centre australiano

    1° giorno Dopo circa 2 ore e mezza di volo atterriamo ad Ayers Rock da Cairns. Ritiriamo subito la nostra 4x4 che ci permetterà di...

    Diari di viaggio
    il viaggio di una vita: australia

    Il viaggio di una vita: Australia

    nei pressi della fermata, il Travelodge dove pernotteremo per 3 notti.Lasciamo le valigie in hotel e usciamo subito per un giro della...

    Diari di viaggio
    australia... cose dell'altro mondo

    Australia… cose dell’altro mondo

    Dopo mesi e mesi di preparativi, eccoci arrivati al momento della partenza. Il nostro primo approccio con la terra australiana avviene a...

    Diari di viaggio
    un sogno chiamato australia

    Un sogno chiamato Australia

    Periodo: Dicembre-Gennaio (estate australiana) Spesa approssimata per eccesso: 6.000 euro (tutti i voli sia nazionali che internazionali,...

    Diari di viaggio
    sogno australiano

    Sogno australiano

    Sabato 25 Gennaio Partiti da Roma Fiumicino alle 14.40 con Emirates. L'aereo è molto confortevole ma non funzionano i nostri display....

    Diari di viaggio
    australia, outback 4x4

    Australia, outback 4×4

    Dopo aver organizzato e sognato questo primo viaggio in Australia per un anno, finalmente lo abbiamo fatto e mettiamo a disposizione di...

    Diari di viaggio
    australia, il sogno che diventa realtà

    Australia, il sogno che diventa realtà

    01.06.13 W gli sposiiii! J J J02-03.06.13 Eccoci, finalmente, in partenza per IL viaggio...Banco del check-in all'aeroporto di...