Armenia, terra di contraddizione

Una meta un po’ insolita per una vacanza alla scoperta di una terra tanto ricca di storia quanto poco conosciuta
 
Partenza il: 25/09/2011
Ritorno il: 02/10/2011
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Una meta un po’ insolita per una vacanza alla scoperta di una terra tanto ricca di storia quanto poco conosciuta: l’Armenia.

È un paese di forti contrasti, la cui posizione – al crocevia tra Europa ed Asia, da sempre “cuscinetto” tra grandi imperi e potenze – ha condizionato la storia ed il carattere della popolazione.

Raramente abbiamo avuto modo di conoscere un popolo così fiero ed orgoglioso, con un fortissimo senso di appartenenza: la religione cristiana è stato il collante che l’ha tenuto unito nei secoli bui delle varie dominazioni subite.

E una caratteristica dell’Armenia è proprio la ricchezza del patrimonio artistico-religioso con una grande concentrazione di chiese e monasteri che il nostro viaggio “Tour antichi monasteri” non ha mancato di farci scoprire.

Il tour si è articolato su otto giorni dei quali sei di visite effettive: un tempo sufficiente per una visita che comprendesse i principali siti senza affaticare eccessivamente i partecipanti.

Buona l’organizzazione del T.O. Metamondo di Mestre ed azzeccata la composizione del gruppo, di dimensioni ridotte (12 persone), ideale per far conoscenza e scambiarsi impressioni ed emozioni.

Ottima anche la guida locale, il grande Karen, che oltre all’eccellente preparazione ci ha impressionato per le doti vocali di cantore liturgico ed appassionato declamatore di poesie, di cui spesso aveva pure curato la traduzione in italiano.

Le chiese ed i monasteri , con le caratteristiche cuspidi “ad ombrello” o coniche, sembrano assomigliasi un po’ tutti, ma ciascuno ha delle caratteristiche peculiari che impressionano il visitatore : spiccano gli edifici costruiti in posizioni particolari quali il monastero di Noravank – in fondo ad una gola rocciosa – il monastero di Sagmossavank – sull’orlo di un canyon – o il bellissimo monastero di Geghard – in parte scavato nella roccia – o ancora i suggestivi resti della Cattedrale di Zvartnots.

Al nord, immersi in un ambiente ricco di boschi e foreste, colpiscono sicuramente Haghpat e Sanahin – entrambi Patrimonio dell’ Umanità dell’Unesco – piuttosto che Goshavank.

Per quanto riguarda l’architettura civile e militare, affascinanti sia i ruderi della fortezza di Amberd (situata su uno strapiombo a dominare un tratto della Via della Seta) sia il tempio ellenistico di Garni.

Spiccano su tutto le famose katchkar, le croci scolpite nella pietra con tale abilità e maestria da sembrare dei lavori di merletto: nonostante le distruzioni subite nel corso dei secoli, il territorio ne è disseminato e sono a buon titolo uno dei simboli dell’ Armenia.

La capitale Yerevan, al contrario, è un simbolo del degrado e del disfacimento imperante nei paesi facenti parte dell’ex unione Sovietica: le periferie sono dominate da palazzoni enormi decrepiti ed in pessimo stato di manutenzione, mentre un po’ meglio si presenta la zona immediatamente attorno al centro dove spiccano molti giardini popolati di chioschi, bar e ritrovi.

Sembra invece appartenere ad un altro pianeta il centro: l’ordinata Piazza della Repubblica con i giochi notturni di luci e suoni delle fontane, le boutique nelle animate vie limitrofe ed i suv che scorrazzano per le strade sono come un come un pugno allo stomaco rispetto ai paesini distanti solo pochi chilometri , dove si è tornati a riscaldare le case con lo sterco di vacca essiccato.

La crisi economica infatti non risparmia il paese e certo non hanno aiutato il forte terremoto del 1988, la guerra per dispute territoriali con i vicini dell’Azerbaijan ed i contrasti mai sopiti con la Turchia per via del genocidio dei primi del Novecento.

Proprio alla tragedia del genocidio è dedicato il Memoriale che con l’alto ed aguzzo obelisco domina la città dalla Collina delle Rondini .

Ma uno degli scenari più affascinanti che si possono ammirare dalla capitale è sicuramente la vista del monte Ararat, vero simbolo dell’Armenia e oggi in territorio turco: la vista della cima innevata ed illuminata dal sole è stato lo spettacolo con cui la grande montagna ha voluto salutarci il giorno della partenza per regalarci un ultimo emozionante ricordo da portare a casa.

Guarda la gallery
cultura-st6j5

Yerevan Mercato coperto

cultura-j9ggd

Monastero di Khor Virap

cultura-wkevw

Monastero di Noravank

cultura-naukx

L'Ararat dall'arco di Charents

cultura-1wcpa

Tempio di Garni

cultura-9ud31

Cattedrale di Zvartnots

cultura-dpjju

Katchkhar del monastero di Goshavank

cultura-atdm4

Yerevan Memoriale del genocidio

cultura-jxuqa

Cattedrale di Etchmiadzin

cultura-rjgan

Monastero di Geghard



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Armenia
    Diari di viaggio
    armenia, in tour dal nord al sud

    Armenia, in tour dal nord al sud

    L’attuale repubblica di Armenia è un piccolo stato di 29.000 km quadrati, più o meno come il Piemonte e Valle D’Aosta, con tre...

    Diari di viaggio
    armenia e georgia on the road

    Armenia e Georgia on the road

    sala da pranzo).A Goris - Takarik (Syunik St 25/1) anche qui buona cucinaGEORGIA - ristoranti (prezzi dai 4 € ai 9 €...

    Diari di viaggio
    armenia e georgia in pratica

    Armenia e Georgia in pratica

    Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate.1. Capitolo Sicurezza. Armenia e Georgia ci sono...

    Diari di viaggio
    armenia da scoprire

    Armenia da scoprire

    In passato fu crocevia di scambi commerciali sulla Via della Seta, punto di incontro tra Oriente ed Occidente, terra di numerose invasioni....

    Diari di viaggio
    georgia e armenia in minibus

    Georgia e Armenia in minibus

    Facile viaggio autogestito tra Georgia e Armenia con un pulmino e autista. Belli sia i paesaggi che i monasteri visitati. Molto moderne le...

    Diari di viaggio
    mistica armenia

    Mistica Armenia

    Venerdì 13 maggio 2016 partiamo alle 14:45 con volo Aeroflot via Mosca, aerei confortevoli e voli in orario perfetto. sabato 14 maggio...

    Diari di viaggio
    lasciate ogni pregiudizio, o voi ch’entrate: iran

    Lasciate ogni pregiudizio, o voi ch’entrate: Iran

    Quante volte prima di partire per questo viaggio mi sono sentita dire che ero pazza, che me la andavo a cercare, che c’era la guerra...

    Diari di viaggio
    armenia: un paese ricco di storia, religione, religiosità, spiritualità

    Armenia: un Paese ricco di storia, religione, religiosità, spiritualità

    Prima di partire, vivere e poi raccontare il mio viaggio, mi sono informata sull’Armenia: ho letto, ho fatto ricerche sul web e devo dire...

    Diari di viaggio
    le madri caucasiche

    Le Madri Caucasiche

    La voglia di continuare a visitare l'Asia Centrale, ci ha spinto quest'anno a scegliere come meta del viaggio due Stati caucasici, uno più...

    Diari di viaggio
    armenia, oriente cristiano

    Armenia, oriente cristiano

    “Genocidio”. E’ questa la parola tragica e drammatica che ha sconvolto il popolo armeno, quando nel 1915 l’impero dei Giovani...