Aquitania, Gironde e Charente-Maritime

Gironde, Bassin d'Arcachon, Cap Ferret, Saint Emilion, Ile d'Oleron, Bordeaux
 
Partenza il: 18/07/2012
Ritorno il: 30/07/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Partenza il 18 luglio 2012, volo Easyjet Milano Malpensa – Bordeaux. Arriviamo a Bordeaux, caldo cosmico, affittiamo un’auto (una fantastica C1 blu elettrico) e ci dirigiamo verso la nostra prima meta, Andernos le bains dove abbiamo prenotato 3 notti all’hotel La Cote d’argent. È un hotel gestito tipo b&b, cioè è aperto dalle 17:30 alle 20 e la mattina fino alle 13; l’hotel è carino ma le camere affacciano sulla strada e quindi risulta rumorosissimo, conviene scegliere altro. La sera stessa ci dirigiamo alla Duna de Pyla per vedere da lì il tramonto. Spaziale! Saliamo su questa duna gigante e aspettiamo il tramonto che arriverà verso le 22:30, quindi dopo un po’ che siamo lì, con il sole che va via e il vento che spira si comincia a barbellare e allora maglioncino e giubettino e porcapalettina! Via dalla duna mentre ancora gli ultimi tramontisti accorrono per vedere lo spettacolo della palla arancione che scompare into the blue con grande timidezza. Per uscire dal parcheggio si può pagare con la carta di credito, ne ho 3 + 2 bancomat ma non c’è verso, quindi mi dirigo verso l’uscita dove esiste anche la macchinetta che prende l’argent (‘tacci loro). A questo punto che si fa? Giretto ad Arcachon, siamo lì, e ci alimentiamo in uno dei mille posticini sul lungomare.

Il giorno dopo il tempo non è bellissimo così decidiamo di fare un giretto nel Medoc, per le terre degli chateaux, fino a Pauillac. Per visitare gli chateaux è necessario andare nelle maison du vin, la versione ufficio del turismo di queste zone. Noi ci limitiamo a girovagare per i paesini (notevole la chiesa di Moulis en Medoc…chiusa). Andiamo anche a visitare Fort Medoc ma direi che si può soprassedere, giuro. Prendiamo la via del ritorno facendo sosta a Lacanau-Ocean per vedere le onde cavalcate dai surfisti che sembrano essersi dati appuntamento lì da ogni dove. Riprendiamo la marcia facendo un’ultima tappa sul lago di Lacanau, a Le Moutchic, dove mangiamo una pizza (una pizza!) au bord du lac e ci inglobiamo una bottiglia di bx rosè. Poi a nanna.

Terzo giorno e supergita alla presqu’île du Cap Ferret. Lasciamo l’auto a Le Canon e percorrendo la spiaggia arriviamo a L’Herbe dove ci fermiamo a gustare le huitre sur la plage, s’intende. Torniamo a Le Canon per riprendere l’auto e spostarci a Cap Ferret con visita del faro e spiaggiamento. La sera torniamo ad Andernos che c’è la fete de l’huitre!

Il quarto giorno ci spostiamo nell’entroterra e arriviamo a Saint-Emilion dove pernottiamo all’Auberge de la Commanderie, bell’albergo, un po’ caruccio ma bello, in pieno centro e con parcheggio, fondamentale. Saint-Emilion è una famosa località, in stile medievale, molto turistica ma ugualmente bella. La giriamo fino a sera e poi ci concediamo una cena chez Pasqual dove degustiamo ottimi bordeaux (bicchieri…) e ottimi salumi, assaggiamo la confit de canard: buono, non pazzesco. Nanna presto ché siamo sconvolti e l’indomani il paese dorme ancora (in realtà sono le 9:30 e non sono arrivate le orde di giapponesi) quando ci spostiamo per passare un’altra notte nelle campagne di Saint-Emilion: andiamo a pernottare presso lo Chateau de Crécy, vicino a Romagne (mia romagne in fior). Accoglienza squisita e grazie alla spiega della sciura ripartiamo per un giretto: ci perdiamo dolcemente per la campagna e visitiamo alcuni bei paeselli: Blasimon, Saint-Ferme, Cadillac, Castelmoron-d’Albret, il più piccolo villaggio di Francia. La sera torniamo allo chateau dove abbiamo prenotato anche la cena: gnammm. E la petit-dejuner che ve lo dico a fare!

Sesto giorno di vacanza e si riparte per l’Ile d’Oleron, senza fare l’autostrada è ok. Arriviamo a Saint-Pierre d’Oleron dove abbiamo prenotato per 5 notti presso la chambre d’hote La Clos de la Menouniere che si trova un po’ fuori dal paese. La chambre è molto bella e ci accorgiamo che c’è anche una molto bella piscina per molto accaldate personcine. Nei giorni seguenti ci sarà molto caldo e visto che qui il mare è bello da vedere, meno per bagnarsi, la piscina sarà molto apprezzata. C’è anche un ampio locale comune adibito alla cucina. Uno sguardo alla spiaggia vicina e un bel tuffo….in piscina! Arriva la fame e quindi di corsa nel paese più vicino – Saint-Pierre d’Oleron – per fare una fantastica cenetta al P’tit Bouchon (ristorantino indimenticabile che prepara le frites con il burro!). La mattina dopo si parte alla scoperta dell’isola cominciando dal Phare de Chassiron e proseguendo con l’esplorazione delle spiagge (la signora della Chambre ci aveva preparato al fatto che avremmo trovato beaucop de monde… a noi che veniamo dal sovraffollamento non ci sembrava vero di trovarci in quattro gatti davanti al mare). Nei giorni successivi abbiamo perlustrato tutte le spiaggie, molto belle, molto calde, molto maree basse e abbiamo fatto anche i bagni ogni giorno nell’oceano! In settimana era prevista una giornata di brutto tempo così abbiamo fatto un’escursione sul continente a La Rochelle e abbiamo visitato il grande acquario (molto simile a quello di Genova). Uno dei posti più noti dell’isola è la Cotiniere dove si concentrano molti ristoranti e negozi: ad eccezione di qualche ristorante sull’isola c’è moooolto di meglio. L’lle d’Oleron è stata una piacevole sorpresa: belle spiagge, villaggi caratteristici e una bella atmosfera, incredibile a dirsi ma le fragole più buone del mondo… è un peccato andarsene… ma Bordeaux ci aspetta!

E’ Sabato e per uscire dall’isola ci impieghiamo due belle orette, qui si che c’è beaucop de monde! Appena passato il ponte decidiamo di percorrere strade secondarie e facciamo benissimo, sono ottime e senza autoroute arriviamo a Bx per le 4pm. Qui ci aspettano Libertad e Pierre alla chambre d’hote La Maison Des Vignes: una bella scoperta. La camera è troppo carina e la casa è davvero particolare. Siamo a due passi dal centro e così ci facciamo un bel giretto. La città è piena di vita, di gente, di giovani e le piazze sono tutte affollate, una splendida atmosfera (perché le nostre città non sono così, perché?). Il giorno dopo ci svegliamo con calma, è Domenica, Libertad ci ha preparato una splendida colazione. Usciamo per andare al mercato che si svolge sul quai, non vorrete mica perdere il mercato domenicale di bx! Facciamo uno spuntino al banchetto delle ostriche dell’ile d’oleron con un bicchiere di vino e b+b (burro e baguette) e acquistiamo le canelè da mettere in valigia. La giornata prosegue poi girovagando per la città, la visita al rinnovato quartiere di Chartrons con notevoli negozi d’antiquariato, i giardini pubblici, l’Opera. Il giorno dopo si riparte non prima d’aver acquistato una bottiglia di bordeaux al duty free dell’aereoporto, da gustarci quest’inverno.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Aquitaine
    Diari di viaggio
    viaggio in francia tra natura e tradizioni

    Viaggio in Francia tra natura e tradizioni

    simpatica host Auréda ed il figlio e ci mostrano il monolocale prenotato per 2 giorni (prenotata con Airbnb a 47 euro con piccola ...

    Diari di viaggio
    dordogna, questa sconosciuta regione francese

    Dordogna, questa sconosciuta regione francese

    Finalmente anche quest’anno arrivano le meritate vacanze che, come ogni anno, siamo obbligati a fare in agosto avendo io le ferie...

    Diari di viaggio
    aquitania e dintorni

    Aquitania e dintorni

    AQUITANIA e dintorni 201304 agosto 2013 Partiamo da Varese di primo mattino, e attraverso il traforo del Frejus facciamo il nostro...

    Diari di viaggio
    aquitania memories

    Aquitania memories

    7/8/2013 Fabrizio ha il terrore delle code che ti bloccano il viaggio, perciò alle 5 del mattino ci lasciamo la Brianza alle spalle a...

    Diari di viaggio
    aquitania on the road

    Aquitania on the road

    trascorrerci più tempo. Rientriamo a Bordeaux domani mattina si torna a casa. È finita questa vacanza alla scoperta di una nuova regione...

    Diari di viaggio
    aquitania, gironde e charente-maritime

    Aquitania, Gironde e Charente-Maritime

    Partenza il 18 luglio 2012, volo Easyjet Milano Malpensa - Bordeaux. Arriviamo a Bordeaux, caldo cosmico, affittiamo un'auto (una...

    Diari di viaggio
    tutto questo è la nostra aquitania

    Tutto questo è la nostra Aquitania

    Iniziamo a pensare ed organizzare questo viaggio a fine aprile. Prenotiamo volo Ryanair da Bologna (a/r x 2 persone 110 euro con solo...

    Diari di viaggio
    tre amiche cinquantenni a zonzo nel sud ovest della francia

    Tre amiche cinquantenni a zonzo nel sud ovest della Francia

    Il 17 Agosto, in perfetto orario, siamo giunte a Bordeaux con volo Easyjet da Milano Malpensa. Avevamo acquistato i biglietti a giugno...