Anguilla, aprile 2011

Qualche consiglio per godere spiagge da sogno.
 
Partenza il: 02/04/2011
Ritorno il: 10/04/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Siamo stati ad Anguilla nella prima settimana di Aprile. Tempo splendido, caldo e abbastanza ventilato, soltanto mezza giornata nuvolosa con qualche breve pioggia isolata.

Dall’aeroporto di St. Marten, isola che abbiamo volutamente del tutto ignorato, abbiamo preso lo shuttle boat della Funtime, che parte direttamente dall’aeroporto stesso e vi porta ad Anguilla in mezz’ora di barca veloce. E’ la compagnia più cara delle tre o quattro che effettuano il sevizio, 55 dollari a persona, e ci ha un pò fatto aspettare e perdere molto tempo per i controlli dei passaporti in uscita dall’isola.

Al ritorno, se non avete già lo shuttle prenotato, i rappresentanti delle varie compagnie fanno a gara per accaparrarsi i viaggiatori. Lì abbiamo preso la GB Express, 35 $ per l’identico sevizio con lo stesso tempo e anche un pò meno attesa. Se si vuole spendere qualcosa in meno c’è il ferry che collega i due porti e costa 15 $, ma in questo caso a St. Marten si deve prendere un taxi per il tragitto aeroporto-porto o viceversa. Ho trovato tutte le informazioni su questi trasporti su questo sito: http://www.anguillaguide.com.

Abbiamo alloggiato a La Vue B&B, che, nonostante il B&B nel nome, è un albergo in piena regola. La scelta ha avuto pro e contro. La posizione è ottima perché è pressoché al centro dell’isola e permette di raggiungere tutte le parti con meno di dieci minuti d’auto. Come tipologia di camera avevamo il garden studio a 158 $ a notte comprese tasse, perché nel prenotare mi avevano scritto che il tipo di camera più economico non era disponibile; fatto sta che la struttura era quasi del tutto vuota e il fatto è alquanto sospetto. La camera è molto grande, con angolo soggiorno-cucina molto ben attrezzato, e con una bella vista panoramica, connessione wi-fi libera e aria condizionata tipo tornado; tuttavia, ci sono alcune mancanze fondamentali. Neanche una luce sui comodini o un’interruttore della luce centrale vicino al letto, non ci sono oscuranti alle finestre così che alle 6 del mattino è luce piena, la doccia è all’interno di una vetusta vasca e nel bagno non c’è una minima superficie su cui poggiare qualcosa, doccia con il tubo che perdeva acqua e ci sono voluti tre giorni per sostituirlo. La domenica non rifanno la camera e le lenzuola credo non siano mai state cambiate. Il breakfast non corrisponde a quanto riportato sul loro sito, non viene servito in una lobby all’aperto come affermano ma è da auto-prepararsi in camera; abbiamo trovato nel frigo e in cucina una busta di pane a fette, 2 vaschette monodose di burro, 3 vaschette monodose di gelatina di frutta (pessima), un litro di latte, un litro di succo d’arancia, della frutta, 200 grammi di cereali, 4 sottilette, tè, caffè e macchina del caffè americano. Ogni volta che finiva qualcosa abbiamo dovuto richiederlo (praticamente una richiesta di qualcosa ogni giorno) e abbiamo comprato da noi una marmellata decente e dei biscotti. Il ripiano della cucina era percorso da piccoli insetti, somiglianti a minuscole formiche, e nel bagno ci ha fatto visita uno scarafaggio.

Peccato perchè per il resto il personale è stato gentile e disponibile su tutto. Nel complesso non mi sentirei di consigliare questa sistemazione.

Indispensabile avere l’auto a disposizione per girare tra le numerosissime spiagge. Il preventivo migliore via internet l’ho avuto da Apex Avisanguilla, 300 $ per sette giorni più 20 per la patente Anguillana.

Si guida molto facilmente, l’unico problema è abituarsi a guidare a sinistra e, per gli italiani, all’assenza del pedale della frizione. Le strade sono per niente segnalate, ma la cartina che viene messa a disposizione dal noleggiatore e/o dall’albergo è molto chiara.

Il traffico è inesistente e il limite è di 30 mph, cioè 50 Km/h, rispettato da tutti molto scrupolosamente; tutta l’isola si attraversa in 15 minuti. Le strade sono in buone condizioni, anche gli sterrati che conducono ad alcune spiagge non presentano particolari difficoltà da far desiderare il fuoristrada.

Le spiagge e il mare sono straordinari. Per i colori dell’acqua turchese e della sabbia bianchissima, è come una successione di spiagge maldiviane, tutte enormi e semideserte. Impossibile vederle tutte in una settimana, a meno che non si stia in costante movimento. Alternando esplorazioni a momenti di relax, ne abbiamo visitate 11. L’unico piccolo problema è la mancanza di palme o di altri alberi, tranne in pochissimi casi; conviene quindi prendere un ombrellone nei beach bar (dove ci sono), che costano in genere 10 $ con due lettini, a meno che non si voglia finire arrosto.

Shoal Bay East: inutile aggiungere altro a quanto già scritto da tutti, voto 10 e lode. Aggiungo solo che, essendo la spiaggia più famosa dell’isola, meta anche di gitanti da St. Marten, mi aspettavo ombrelloni, moto d’acqua, windsurf, banana e roba del genere; invece, la calma assoluta, con gli ombrelloni che occupano non più del 20% della chilometrica lunghezza della spiaggia. Sarà la stagione … , comunque ombrellone e due lettini affittati presso i pochi beach bar costano 10 $.

Long Bay è stata la sorpresa: trovata quasi per caso, una meraviglia enorme e deserta con uno splendido albero per ripararsi nella parte di spiaggia più a sinistra vicino a una villa ancora chiusa e disabitata.

Maunday’s Bay, altra meraviglia. Non c’è da avere timore ad entrare nel Cap Juluca (il miglior albergo di Anguilla): saranno gli stessi sorveglianti della security all’ingresso a indirizzarvi verso la spiaggia di cui si può liberamente usufruire pur essendo la spiaggia dell’albergo.

E poi Cove Bay, Rendezvous Bay, Meads Bay, Savannah Bay, tutte meritano una visita.

Shoal Bay West è piaciuta meno delle altre: la famosa Trattoria Tramonto affitta gli ombrelloni a 40 $ (?) e c’è da dire che, nonostante il nome, da lì il tramonto a mare non si vede, di certo almeno in tutto il periodo primaverile ed estivo. Anche l’aspetto del ritorante non è troppo invitante tanto che non ci siamo fermati lì a mangiare. Se volete godervi il tramonto in spiaggia, state a Shoal Bay East e lo vedrete in tutto il suo splendore da una spiaggia molto più bella.

Guarda la gallery
anguilla-ax59s

Anguilla - Prickly Pear

anguilla-cw226

Anguilla - Maunday's Bay

anguilla-h7k59

Anguilla - Shoal Bay East

anguilla-28ht1

Anguilla - Rendezvous Bay

anguilla-qhs3n

Anguilla - Cove Bay



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Anguilla
    Diari di viaggio
    sint maarten, anguilla e saint-barthélemy

    Sint Maarten, Anguilla e Saint-Barthélemy

    A novembre abbiamo prenotato il volo con Air France (costo euro 800.00) da Milano Linate, con scalo a Parigi, dal sito della Compagnia...

    Diari di viaggio
    anguilla, relax con gusto ai caraibi

    Anguilla, relax con gusto ai Caraibi

    un altro punto di forza di Anguilla, la cucina di ottima qualità per la quale diversi ristoranti dell’isola hanno ricevuto...

    Diari di viaggio
    relax ad anguilla

    Relax ad Anguilla

    Anguilla è un vero paradiso per chi ama il calore del sole caraibico, le spiagge da sogno e un mare dal colore indescrivibile con diverse...

    Diari di viaggio
    viaggio a saint martin di st. marteen e guadalupe

    Viaggio a Saint Martin di St. Marteen e Guadalupe

    Siamo stati a Saint Martin dal 25 al 31 di luglio 2011. Il tempo ė estremamente variable nell'arco della stessa giornata: sole, pioggia,...

    Diari di viaggio
    anguilla, aprile 2011

    Anguilla, aprile 2011

    Siamo stati ad Anguilla nella prima settimana di Aprile. Tempo splendido, caldo e abbastanza ventilato, soltanto mezza giornata nuvolosa...

    Diari di viaggio
    st. martin e anguilla: il sogno

    St. Martin e Anguilla: il sogno

    stagione secca e le piogge si vedono di rado. Forse il paesaggio risulta un po’ arido e quindi penalizzato in questo periodo, certamente...