Andalusia zaino in spalla

Dall'eleganza di Siviglia e Cordova, ai panorami di Granada e Malaga, scendendo poi dove Africa ed Europa arrivano a sfiorarsi tra onde, caldo, pesce fritto e tanta allegria
 
Partenza il: 28/08/2017
Ritorno il: 07/09/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Una settimana e mezzo di tour zaino in spalla tutto attorno all’Andalusia: dall’eleganza di Siviglia e Cordova, ai panorami di Granada e Malaga, scendendo poi dove Africa ed Europa arrivano a sfiorarsi tra onde, caldo, pesce fritto e tanta allegria

Come ogni anno, i preparativi delle vacanze estive mie e della mia ragazza iniziato già sul finire dell’inverno, quando dopo aver scelto la meta (Andalusia) ed aver prenotato i voli a/r su Siviglia, l’organizzazione è partita. Undici giorni per attraversare zaino in spalla città, montagne, mari e oceani; presi i biglietti di bus e treni, riservata un’auto a noleggio da prendere a Malaga e prenotati tutti i pernottamenti perché, soprattutto sulla costa oceanica i posti letto non sono moltissimi e meglio andare sul sicuro… e poi finalmente si parte!

SIVIGLIA E CORDOVA

Arriviamo a Siviglia in serata presso il consigliatissimo e centrale Hotel Patio de las Cruces (40€ la doppia), giusto in tempo per vedere la Giralda illuminata per la notte e per provare le prime tapas alla celebre Bodega Santa Cruz, sorseggiando tinto de verano, la bevanda più famosa della regione a base di vino rosso e gazzosa al limone. Il mattino dopo la visita della capitale andalusa inizia dalla grande Plaza de Espana dove ammiriamo i tanti disegni di piastrelle colorate, e proseguendo verso il fiume Guadalquivir risaliamo poi verso la Torre de Oro che si staglia chiara sul cielo blu limpidissimo. I biglietti acquistati online ci permettono poi di saltare la coda di accesso al Real Alcazar, dove incontriamo per la prima volta le coloratissime azulejos andaluse: diversamente dal Portogallo dove in esse dominano le tonalità del blu, in Andalusia le tipiche piastrelle venivano realizzate praticamente di tutti i colori. La visita dell’intricato palazzo e annessi giardini richiede circa un paio d’ore, trascorse a guardare i bei soffitti decorati delle grandi stanze, e passeggiare nei lussureggianti giardini; un appunto: non dimenticatevi di visitare gli antichi bagni sotto il palazzo, anche se poco indicati nella mappa del complesso. Usciti dall’Alcazar ci si trova proprio di fronte alla Cattedrale su cui svetta la Giralda; anche qui coi biglietti acquistati online entriamo da un accesso dedicato accedendo all’imponente chiesa, tra le più grandi al mondo, in cui tra le altre cose si trova anche la tomba di Cristoforo Colombo. Visitato l’edificio, saliamo sul grande campanile, da cui si gode un’ottima vista su tutto il centro storico di Siviglia.

Nel tardo pomeriggio prendiamo il nostro treno per Cordova, nuovo e puntuale, e dopo poco più di un’ora ci ritroviamo in una città molto differente da Siviglia, con meno traffico e più silenzi. Pernottiamo all’NH Cordoba Califa, interessante soluzione low-cost per chi arriva in città in treno/bus, in quanto si trova a metà strada tra stazione e centro storico della città, alle porte della Juderia, il quartiere ebraico. Raggiungiamo quindi il bellissimo ponte romano sul Guadalquivir, e ci fermiamo nei dintorni per ammirarlo e passeggiarci sopra prima con le luci del tramonto e poi col primo buio, osservando sullo sfondo la grande sagoma illuminata della Mezquita. L’atmosfera serale di Cordova è molto rilassante, ceniamo su un tavolino per strada presso il ristorante La Tata che ci riserva una cena buona ed abbondante a base di empanadas al tonno, jamon con paprika dolce, patate e polipo a 15€ in due, con bottiglia di vino inclusa.

La mattina successiva sveglia presto perché dalle 8.30 alle 9.30 la visita alla Mezquita è sempre gratuita, e soprattutto non c’è ancora la ressa di visitatori in arrivo da Siviglia durante la giornata. La Mezquita è bellissima, enorme ed affascinante e senza accorgercene trascorriamo un’oretta al suo interno, sotto ai celebri archi con le strisce rosse. Usciti dalla Cattedrale ci dirigiamo all’Alcazar de los Reies Cristianos, dimora principesca vicino al Guadalquivir di cui apprezziamo molto il panorama dalla torre di guardia ed il bellissimo giardino monumentale. Dedichiamo infine le ore che ci separano dal nostro bus (compagnia ALSA, biglietti comprati online in anticipo e servizio impeccabile) alla visita delle piazze centrali della città, partendo dalla colorata Plaza de la Corredera e dal mercato adiacente, passando vicino ai resti del Tempio Romano fino all’elegante Plaza de las Tendillas, attorno alla quale si sviluppa la parte più moderna del centro. Lasciamo Cordova un po’ malinconici, in quanto la città ci è piaciuto davvero molto ed ha superato le nostre seppur alte aspettative.

GRANADA E L’ALHAMBRA

Arriviamo nel centro di Granada su bus urbano scendendo alla fermata dietro l’enorme Cattedrale per raggiungere il centralissimo Hotel Inglaterra (consigliato per prezzo e posizione) e subito dopo camminiamo per il centro della città, muovendoci poi da Plaza Nueva lungo la Carrera del Darro, la via che separa l’Albacin dalla rupe dell’Alhambra e da un fiumiciattolo attraversato da qualche ponte di pietra. Ormai verso l’ora del tramonto saliamo verso Mirador San Nicolas, il punto panoramico più celebre della città e da cui si gode la migliore vista sull’Alhambra, che vediamo prima tutta colorata di rosso dalle luci di fine giornata e poi, dopo aver aspettato il calare della notte in mezzo alla tanta gente presente, con le luci artificiali nel buio, ancora più suggestiva. In serata mangiamo un ottimo fritto di pesce presso il caratteristico Bar Casa Julio e camminiamo un po’ nella movida della zona tra Calle Elvira e l’Albacin, dove tutti i giovani di Granada passano la serata tra vino tinto e nerghilè, ma non possiamo fare troppo tardi: domani l’Alhambra ci attende, e per questo ritiriamo il biglietto comprato online presso la banca CaixaBank come indicato sul sito.

Sveglia di buon mattino e camminiamo verso la fortezza, iniziando dall’accesso prenotato per le 8.30 ai Palazzi Nasridi; questi ultimi sono la parte più celebre, bella e meravigliosa dell’Alhambra, ed al mattino presto si può godere del non eccessivo afflusso turistico in questo splendido susseguirsi di sale e soffitti decorati. Una volta visitato tutto il primo complesso si può accedere all’Alcazaba, l’imponente castello militare sulla rupe che domina la città e godere di un panorama perfetto sulle bianche case dell’Albacin e su tutta la città, di cui solo da lassù si può capire la grande estensione. Ultima parte della visita sono i giardini e la residenza di Generalife, immersi in viali verdi, fiori e giochi d’acqua; la mattinata è passata veloce, la visita all’Alhambra ci ha richiesto più di 4 ore e probabilmente ci si sarebbe potuti intrattenere ancora oltre, ma decidiamo che è stato sufficiente. Scendiamo così dalla rocca, giriamo ancora in centro fermandoci a pranzo in un ristorante di specialità arabe, e prendiamo nuovamente un bus ALSA, questa volta verso Malaga, finalmente verso il mare.

Guarda la gallery
andalusia-apmmz

Caminito del Rey

andalusia-219ab

Foto di famiglia

andalusia-5h5yx

Dettagli di Siviglia

andalusia-qp634

Tutto regolare!

andalusia-knwex

Le case di Tangeri



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Andalusia
    Diari di viaggio
    week-end per due in andalusia

    Week-end per due in Andalusia

    Partenza 24 marzo con EasyJet per Malaga. All’aeroporto di Malaga raggiungiamo facilmente il noleggio auto tramite le indicazioni che la...

    Diari di viaggio
    andalusia on the road: 7 giorni con un bambino

    Andalusia on the Road: 7 giorni con un bambino

    Destinazione: Andalusia Viaggiatori: 2 adulti + 1 bambino Periodo di viaggio: da giovedi 6 gennaio 2022 a giovedi 13 gennaio 2022...

    Diari di viaggio
    andalucia tra sole e pioggia

    Andalucia tra sole e pioggia

    13-20 novembreSiviglia Partenza da Venezia alle ore 7,00 con volo diretto a Siviglia, in perfetto orario. Preleviamo da Hertz l'auto...

    Diari di viaggio
    malaga in solitaria

    Malaga in solitaria

    Piccola premessa: questo mini viaggio è stato fatto lo scorso Gennaio, nella nostra vita precedente al Corona virusMalaga on the...

    Diari di viaggio
    viaggiando per l'andalusia

    Viaggiando per l’Andalusia

    Le nostre ferie si avvicinano, mappamondo alla mano, convinti e determinati, soprattutto mia moglie Francesca che aveva questo pallino da...

    Diari di viaggio
    il viaggio dei desideri porta in andalusia

    Il viaggio dei desideri porta in Andalusia

    Ogni volta che chiedo a mia madre dove le piacerebbe andare per una nuova avventura, potete star certi che risponderà Spagna....

    Diari di viaggio
    al sole caldo dell'andalusia!!

    Al sole caldo dell’Andalusia!!

    Passione AndalusiaA gennaio, con la nostra bimba Matilde di un anno, decidiamo di visitare finalmente l’Andalusia approfittando...

    Diari di viaggio
    granada e cordova, una bellissima scoperta

    Granada e Cordova, una bellissima scoperta

    Per l’annuale piccolo viaggio alla scoperta delle più belle città europee, stavolta scegliamo Granada, facilmente raggiungibile da...

    Diari di viaggio
    andalusia on the road 9

    Andalusia on the road 9

    GIORNO 1: VOLO MILANO/SIVIGLIA Noleggio auto e notte a Siviglia.GIORNO 2: SIVIGLIAGiornata dedicata alla visita della...

    Diari di viaggio
    siviglia, città coinvolgente dal fascino andaluso

    Siviglia, città coinvolgente dal fascino andaluso

    Tre giorni a Siviglia vivendo la sua "Feria de Abril" in un ambiente ricco di tradizione andalusa. Partiti dall'Italia vestiti con giaccone...

    Video Itinerari