Amsterdam, un incanto nel nord Europa

Un viaggio tra arte e cultura, con una gita a Delft e Haarlem
 
Partenza il: 03/05/2012
Ritorno il: 11/06/2012
Viaggiatori: 3
Spesa: 500 €

Finalmente ad Amsterdam!

Siamo una famigliola di 3 adulti con un figlio grande in veste un po’ di badante, un po’ di interprete.

L ‘aeroporto di Schipol è veramente grande, il mio consiglio è di recarsi direttamente alle macchinette per prendere il biglietto per il treno diretto alla Centraal Station: è necessaria parecchia moneta. Arrivati in città non contate sui taxi, noi non ne abbiamo trovati. Vi consiglio di servirvi dei tram, capienti e puntualissimi. C’è un bigliettaio su ogni vettura, così potete fare il biglietto direttamente a bordo (validità del biglietto 1 ora per 2.70 euro). Ci sono due tipologie di biglietti: un abbonamento che comprende musei + trasporti oppure abbonamenti ai mezzi pubblici per un tempo limitato di ore (24 al costo di 7.50 euro o 48 ore al costo di 12 euro).

Noi abbiamo scelto una sistemazione in appartamento, prenotando tramite il sito DirectStay.com, i quali si sono rivelati affidabilissimi, molto precisi e il padrone di casa ci ha aspettato anche oltre l’ora prevista di arrivo.

Posati i bagagli, ci dirigiamo verso piazza Dam, cuore pulsante della città. Per arrivarci percorriamo Rokin attraversata da un grande canale: è una strada bellissima, come poche ne abbiamo viste in Europa. Vi si affacciano gli alberghi più prestigiosi e i palazzi e negozi più eleganti. Piazza Dam è bella, il palazzo reale avrebbe bisogno di una pulitura della facciata come pure la Nieuwe Kerk, l’insieme è comunque di impatto.

Mangiamo poco distante, poi ci inoltriamo nella affollatissima Kalver straad, ricchissima di negozi che si susseguono senza soluzione di continuità, non senza essere prima passati davanti al Magna Plaza, grande centro commerciale, situato di fronte alla Nieuwe Kerk (quel giorno chiusa per allestimento).

Da Kalver si accede a Beginoff tramite una piccola via laterale: non si può immaginare contrasto più stridente. Si passa da una via di shopping convulso animata da moltissimi giovani ad un piccolo agglomerato di case raccolto intorno ad un cortile silenzioso. Intorno al 1600 era abitato da pie donne dedite alla cura degli orfani e degli infermi che, a causa della rigorosissima controriforma particolarmente feroce qui in Olanda, non potendo riunirsi in un ordine religioso, avevano scelto quel luogo per abitare.

Usciti da Beginoff ci si ritrova a Spui, una deliziosa piazzetta in cui si tiene un mercatino di libri e stampe.

Tornando a casa abbiamo modo di cogliere già l’atmosfera particolare di questa città, introvabile in altre capitali europee: si tratta di una impronta di incredibile integrità e uniformità architettonica degli edifici: le facciate, che risalgono per la maggior parte al 1600, sono accuratamente restaurate, le case stesse sono ancora abitate. Se aggiungete il fatto che sono tutte diverse mantenendo un continuum architettonico e che per la maggior parte si affacciano su canali navigabili avrete la formula della magia di questa città assolutamente unica. Quello che meraviglia è che non stiamo parlando di un singolo quartiere, ma di tutti i quartieri del centro storico, quindi di un’estensione vastissima.

L’indomani visita al Rijkishmseum, carissimo (15 euro a persona) e deludente, passando per il magnifico parco di Voldenpark, orgoglio degli abitanti della città, e poi nel pomeriggio visita alla Oude Kerk (entrata a pagamento) situata all’interno del quartiere a luci rosse: come tutte le chiese cattoliche che hanno subìto la furia iconoclasta della riforma vanta soltanto più delle magnifiche vetrate originali e un organo di grande rilievo, le pareti sono rigorosamente intonacate di bianco e ci si deve impedire di pensare a quanti capolavori siano andati perduti in quel periodo della storia della chiesa. Di mirabile effetto il soffitto ligneo antico con pitture dal sapore tardo gotico.

A questo punto devo introdurre un discorso fondamentale per la sopravvivenza in questa città: l’attenzione particolare che il turista deve fare alle biciclette che sono numerosissime, hanno precedenza su tutto e tutti e non hanno obbligo di direzione, inforcate da persone di ogni età e classe sociale. Naturalmente questo influisce molto sulla qualità della vita e dall’aria, nel pieno centro passano solamente bici e tram, rendendo l’ambiente più piacevole e silenzioso e l’aria più respirabile!

Altro luogo suggestivo visitato nel corso del secondo giorno è stato Nostro Signore in Soffitta (entrata a pagamento). Nell’Olanda del ‘500 i cattolici sono stati perseguitati (molto più degli ebrei) a seguito della svolta riformista calvinista e all’insegna di un rigore morale ed economico che ha stravolto l’immagine della Chiesa e del Cristianesimo nel Nord Europa. Un ricco mercante acquista quindi tre case vicine e, dopo aver abbattuto i muri divisori delle relative soffitte, allestisce una Chiesa per poter continuare in segretezza il culto e poter radunare attorno a sé i cattolici restanti ad Amsterdam e dintorni. Vi si accede da una portone uguale agli altri, la Chiesa è perfettamente mimetizzata ed omogenea con le case vicine. La Chiesa-museo si presenta molto ben organizzata, con audioguide comprese nel costo del biglietto e personale cortese. Inoltre è una meravigliosa occasione per visitare una vera casa olandese, tutta in legno e le assai strette scale interne, spesso a chiocciola: un vero percorso ad ostacoli!

La Oude Kerk e Nostro Signore in Soffitta sono inseriti nel Distretto a Luci Rosse, pittoresco quanto decadente quartiere, animato dalle famose vetrine e dai Coffee Shops, oramai numericamente sempre meno. Da vedere anche la piccola China Town che si dipana attorno alla vecchia pesa comunale, detta De Waag, in realtà porta quattrocentesca di grande fascino, che nel corso dei secoli ha fatto da prigione, ospedale, camera di anatomia, rifugio per l’esercito e centrale dei Vigili del Fuoco. Ora è un costoso ristorante.

Il giorno seguente decidiamo di recarci a Delft, città natale del grande pittore Vermeer (sepolto nella Oude Kerke) e dove si dice ci sia quella luce unica che è la particolarità dei suoi dipinti. Si parte dalla Centraal Station, i treni sono frequenti e velocissimi. Il prezzo del biglietto è relativamente caro, ma i treni sono sempre in orario, puliti e quel ticket permette di salire e scendere dal treno per tutta la giornata nelle varie stazioni che attraverserà (ad esempio Haarlem o L’aja). La cittadina di Delft si presenta come una piccola deliziosa Amsterdam: ci sono i canali, le case dalle facciate bellissime e antiche, i ciclisti spericolati, le grandi chiese intonacate della riforma. Ma quando si arriva nella grande piazza su cui si affacciano il Municipio e la Nieuwe Kerke (nella quale è sepolto Guglielmo d’Orange, padre dell’Olanda odierna, in un maestoso mausoleo in marmo) si arriva in un luogo di grande respiro ed eleganza, nel cuore vero di una Nazione dal passato illustre. Arte, cultura, storia e tradizioni si mescolano nelle affolate stradine della cittadina, fino a sfociare in questa elegante piazza. Ritengo che sia una delle piazze più belle d’Europa.

Guarda la gallery
olanda-8yey8

Roking e il centro di Amsterdam

olanda-ckb1a

Il Municipio di Delft

olanda-8s9c8

Amsterdam!

olanda-qk96w

I canali di Amsterdam

olanda-u21vy

La piazza di Delft

olanda-fyzxw

Il porto di Volendam



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Amsterdam
    Diari di viaggio
    fioritura dei tulipani in olanda

    Fioritura dei tulipani in Olanda

    L'Olanda è una di quelle tappe da percorrere almeno una volta nella vita se siete amanti dei fiori e dei colori. Il periodo perfetto per...

    Diari di viaggio
    sei giorni ad amsterdam in agosto

    Sei giorni ad Amsterdam in agosto

    GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto buono...

    Diari di viaggio
    assaggio di primavera in olanda

    Assaggio di primavera in Olanda

    È da un po' che vogliamo andare a vedere la fioritura dei tulipani... e cosi partiamo per l'Olanda, sei giorni ad Amsterdam e tre a...

    Diari di viaggio
    amsterdam e i suoi canali

    Amsterdam e i suoi canali

    Colazione da Vince prima della partenza - 8/6/19 Sabato Ormai è diventata un classico, la colazione da Vince prima della partenza. Ore 10...

    Diari di viaggio
    breve fuga di due amiche in olanda

    Breve fuga di due amiche in Olanda

    Ciao a tutti! Mi piace pensare che questo diario possa essere utile magari a due amiche come me e Mariella, che decideranno di trascorrere...

    Diari di viaggio
    anversa ed amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anche quest'anno, come ormai da tradizione, ci tocca scegliere una grande città europea per la gita di primavera/estate. E finalmente,...

    Diari di viaggio
    spring break olandese

    Spring break olandese

    che meritano di essere visti se si ha un po’ di tempo da dedicargli. E ora si aspetta giugno per il nostro viaggione!

    Diari di viaggio
    amsterdam e keukenhof nel periodo più bello dell'olanda

    Amsterdam e Keukenhof nel periodo più bello dell’Olanda

    della storia del tulipano nero e di personaggi famosi che hanno dato il loro nome a nuove varietà, quando questi fiori valevano oro il...

    Diari di viaggio
    amsterdam: amore a prima vista

    Amsterdam: amore a prima vista

    rispettosi dell’ambiente.Abbiamo dedicato il terzo giorno al quartiere De Pijp, e al suo colorato mercato Albert Cuypmarkt, luogo...

    Diari di viaggio
    amsterdam e la festa del re 2

    Amsterdam e la festa del Re 2

    Ad Amsterdam tra il Giorno del Re, i mulini di Zaanse Schans, il parco Keukenhof e... patatine fritte.Circa un anno fa ho...

    Video Itinerari