Amsterdam tra canali e foto

Due persone, una macchina fotografica e... semplicemente Amsterdam
 
Partenza il: 26/09/2015
Ritorno il: 28/09/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Quest’anno è stato deciso che si deve viaggiare… quindi, trovata la compagnia della cugina, si prenota anche per Amsterdam.

26 SETTEMBRE 2015 – 1 GIORNO

Volo Easy Jet A/R Milano Malpensa-Amsterdam Schiphol per due persone € 187,62.

Poiché rimarremo ad Amsterdam solo tre giorni, decidiamo di fare la levataccia delle h2.30, per arrivare a Milano Malpensa e imbarcarci sul volo delle h6.20, che ci lascerà ad Amsterdam alle h7.50, con ben 20 min. di anticipo.

Arrivate in aeroporto ad Amsterdam, facciamo il biglietto per il treno che ci porterà alla Centraal Station per € 4.10 a persona.

I biglietti si possono fare sia all’ufficio biglietteria, che alle emettitrici automatiche. Noi siamo andate direttamente in biglietteria, le emettitrici accettano solo carte di credito, monete e niente banconote.

Arrivate in stazione ci si apre un mondo nuovo, finalmente possiamo dire di aver raggiunto Amsterdam.

Abbiamo deciso di raggiungere l’hotel a piedi e non in tram, anche se dista circa 1 h di cammino ma, così riusciamo a immergerci subito nell’atmosfera di questa meravigliosa città.

Con l’aiuto della cartina e di Google maps, arriviamo all’hotel alle h11, dopo aver “perso” un sacco di tempo a fotografare ogni cosa che ci capitava davanti. Molto gentilmente ci hanno fatto fare il check-in, anche se era fissato per le h14.

Hotel Central Park, Waldeck Pyrmontlaan 9, Oud-Zuid. Zona Vondelpark, a soli 15min a piedi dai Musei più importanti.

Zona molto tranquilla, hotel pulito con stanza però piccola, bagno minuscolo ma con un’ottima doccia. Tutto sommato buon rapporto qualità/prezzo. 1 camera per due notti, letti singoli €349,60, colazione esclusa. La colazione costa 10€ a persona per notte, eccessivo dal mio punto di vista.

Entriamo in stanza, appoggiamo le valigie e partiamo subito alla scoperta della città. Attraversiamo tutto il Vondelpark, tra l’attraversamento di una strada e di un canale, arriviamo al famoso Bloemenmarkt, il bellissimo e pittoresco mercato dei fiori sull’acqua.

In origine era davvero un mercato galleggiante, dove i coltivatori venivano a vendere i loro fiori sulle barchette, le stesse che usavano per risalire i canali. Ora il mercato si svolge su di una struttura fissa.

Oltre naturalmente ai miliardi di fiori, si trova anche un’infinità di bulbi di tulipani, sciolti o nelle turistiche borsine, le immancabili calamite a tema e tutto il solito merchandising riferito al quartiere a luci rosse.

Proseguendo lungo il dedalo di viuzze, troviamo quasi per caso il Begijnhof, appena dietro Spui. Entriamo dalla porticina e ci troviamo all’interno di un paradiso di pace, circondato dal caos della città.

Si tratta di un giardino, in origine segreto, sul quale si affacciano piccole casette un tempo abitate da Beghine, donne cattoliche che vivevano monasticamente ma senza prendere voti. Oltre alle piccole case, in quest’oasi si trova l’Engelse Kapel (chiesa presbiteriana) e la Begijnhof kapel, la cappella nella quale pregavano clandestinamente le beghine.

Sembra davvero di essere in un giardino incantato.

Uscite dal Begijnhof, continuiamo la traversata del centro città e arriviamo a piazza Dam, fulcro della nazione, è qui che da sempre si svolgono manifestazioni, mercati e all’epoca esecuzioni. La cosa più sorprendente che questa piazza è il grandioso Palazzo reale che si affaccia su di essa.

Il Palazzo è la residenza ufficiale del Re, viene usato per le cerimonie e le feste nazionali. In stile neoclassico, è stato completato nel 1665. In realtà il sovrano vive all’Aia. Il palazzo è aperto al pubblico.

Nella zona est della piazza si trova il National Monument, un obelisco con di fronte due statue di leone. E’ il monumento in memoria dei caduti della seconda guerra mondiale.

Dopo aver impiegato davvero un sacco di tempo per fare le nostre fotografie, attraversiamo la strada a nord della piazza e ci troviamo davanti NIEUWE KERK, letteralmente chiesa nuova, risale al 1400 circa. Ora non è più utilizzata come chiesa, ma si tengono all’interno mostre e concerti. Non siamo entrate a visitarla perché chiusa. Il prezzo del biglietto varia secondo la mostra in esposizione.

Nel programma che avevamo, staso a casa, avremmo dovuto a questo punto fare il giro dei canali in battello, ma la tentazione è stata troppo forte… ci siamo dirette nel JORDAAN.

Questo splendido quartiere in origine era il quartiere popolare, ovvero il quartiere degli operai. Adesso si sta trasformando nella zona più moderna di Amsterdam. Inutile dire che ci siamo felicemente perse nelle sue stradine strette e tra i suoi tipici bruin cafè.

Questa zona è davvero un dedalo di vie sulle quali si affacciano palazzi piccoli e grandi con la tipica architettura caratterizzata dai tetti in arenaria. Queste vie celano un segreto… giardini privati meravigliosi. Ecco come li abbiamo scoperti:

Stavamo, come sempre, scattando foto e allestendo il nostro mini set fotografico, quando un signore anziano, vedendoci così indaffarate, scende dalla sua immancabile bicicletta e ci fa segno di avvicinarci. Facendo una fatica immane, l’olandese per me è davvero una lingua incomprensibile, riusciamo a capire cosa ci vuole dire il signore.

Seguendo le istruzioni ci infiliamo in uno strettissimo spazio tra due palazzi e come per magia, ci troviamo in uno splendido giardinetto interno. Qui regna la pace assoluta, pratini inglesi tenuti divinamente, statuette in ogni angolo, edera che si arrampica su ogni cosa. Nelle finestre che si affacciano sul giardino, si vedono famiglie che vivono tranquillamente la propria routine domiciliare.

Una targhetta intima il silenzio.

Estasiate, usciamo da questo giardinetto, proseguiamo l’escursione del quartiere dando sempre un occhio a possibili giardinetti nascosti.

Dopo aver visitato in lungo e in largo il Jordaan, ci dirigiamo verso il famoso e tanto discusso quartiere a luci rosse.

Anche senza cartina alla mano, si scopre facilmente di essere arrivati nel quartiere… basta respirare a pieni polmoni. Profumo di “arrosto con patate al forno” ovunque. Stradine strette con tantissimi Koffi shop, dai quali escono nuvole di fumo, negozietti di ogni genere, locali a luci rosse e le immancabili donne in vetrina. E’ senza dubbio la zona più turistica de tutta Amsterdam.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Amsterdam
    Diari di viaggio
    fioritura dei tulipani in olanda

    Fioritura dei tulipani in Olanda

    L'Olanda è una di quelle tappe da percorrere almeno una volta nella vita se siete amanti dei fiori e dei colori. Il periodo perfetto per...

    Diari di viaggio
    sei giorni ad amsterdam in agosto

    Sei giorni ad Amsterdam in agosto

    GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto buono...

    Diari di viaggio
    assaggio di primavera in olanda

    Assaggio di primavera in Olanda

    È da un po' che vogliamo andare a vedere la fioritura dei tulipani... e cosi partiamo per l'Olanda, sei giorni ad Amsterdam e tre a...

    Diari di viaggio
    amsterdam e i suoi canali

    Amsterdam e i suoi canali

    Colazione da Vince prima della partenza - 8/6/19 Sabato Ormai è diventata un classico, la colazione da Vince prima della partenza. Ore 10...

    Diari di viaggio
    breve fuga di due amiche in olanda

    Breve fuga di due amiche in Olanda

    Ciao a tutti! Mi piace pensare che questo diario possa essere utile magari a due amiche come me e Mariella, che decideranno di trascorrere...

    Diari di viaggio
    anversa ed amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anche quest'anno, come ormai da tradizione, ci tocca scegliere una grande città europea per la gita di primavera/estate. E finalmente,...

    Diari di viaggio
    spring break olandese

    Spring break olandese

    che meritano di essere visti se si ha un po’ di tempo da dedicargli. E ora si aspetta giugno per il nostro viaggione!

    Diari di viaggio
    amsterdam e keukenhof nel periodo più bello dell'olanda

    Amsterdam e Keukenhof nel periodo più bello dell’Olanda

    della storia del tulipano nero e di personaggi famosi che hanno dato il loro nome a nuove varietà, quando questi fiori valevano oro il...

    Diari di viaggio
    amsterdam: amore a prima vista

    Amsterdam: amore a prima vista

    rispettosi dell’ambiente.Abbiamo dedicato il terzo giorno al quartiere De Pijp, e al suo colorato mercato Albert Cuypmarkt, luogo...

    Diari di viaggio
    amsterdam e la festa del re 2

    Amsterdam e la festa del Re 2

    Ad Amsterdam tra il Giorno del Re, i mulini di Zaanse Schans, il parco Keukenhof e... patatine fritte.Circa un anno fa ho...