American lampoon’s honeymoon

Il nostro meraviglioso viaggio di nozze a spasso per gli USA
 
Partenza il: 08/09/2015
Ritorno il: 24/09/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

Scrivere il diario di viaggio della mia luna di miele è una sensazione particolare, in un certo senso una responsabilità. Penso se riuscirò a trasmettere tutte le sensazioni e gli stati d’animo provati durante questo splendido viaggio, la nostra prima volta alla scoperta degli Stati Uniti.

Ci siamo sempre ritenuti dei viaggiatori esperti, abituati ad ogni tipo di imprevisto e situazione, un viaggio non organizzato da noi in un certo senso rischiava di essere meno stimolante degli altri, ma l’unicità di ciò che abbiamo visto, delle persone conosciute hanno fugato qualsiasi dubbio.

La scelta di questo itinerario ha suscitato più di una perplessità nelle agenzie di viaggio a cui ci siamo rivolti, l’espressione viaggio di nozze aveva come conseguenza immediata il sentirci proporre percorsi totalmente diversi da quello desiderato, e neanche il fatto che fossimo noi a pagare sembrava riuscire a far accettare la cosa. Il nostro desiderio era solo quello di vedere una parte un po’ meno battuta dal turismo di massa degli Stati Uniti, qualcosa di diverso dalle proposte sentite fino a quel momento.

Per farla breve alla fine riusciamo ad imporci e a scegliere il percorso che sin dall’inizio ci aveva affascinato, partiamo l’8 settembre dopo uno splendido matrimonio, una giornata indimenticabile condivisa con le nostre famiglie e gli amici più cari.

Nonostante avessimo viaggiato molto in passato, è la prima volta che varchiamo i confini della cara vecchia Europa, e quindi affrontiamo un volo più lungo del normale. Fila tutto liscio (a parte il fatto che l’aereo non è proprio dei più comodi) e atterriamo a Newark nel primo pomeriggio ora locale.

Il trasferimento verso l’hotel ci viene organizzato dall’agenzia con la Go Airlink, ci lasciano per circa un’ora e un quarto in attesa per poi infilarci nel terribile traffico newyorkese del tardo pomeriggio, arriviamo a destinazione verso le 18.

L’hotel è il NYMA, vicinissimo all’Empire State Building, in Korea street. L’impatto è un po’ traumatico, sarà che è la nostra prima volta qui ma restiamo colpiti dall’odore non proprio gradevole e dalla sporcizia ed iniziamo a chiederci se questa sarà una costante del soggiorno in città.

Non riusciamo a far molto come primo giorno, inizia a farsi sentire la stanchezza del viaggio ed il fuso orario. Sono sempre stato scettico verso chi mi parlava del jet lag in maniera così traumatica ma mi sono dovuto ricredere. Per un paio di notti almeno mi sveglio alle 4 del mattino senza riuscire più a chiudere occhio, tutto si risolve senza problemi nei giorni successivi ma all’inizio è stato un po’ spiazzante.

9 settembre

Guida alla mano iniziamo la nostra esplorazione di New York, e partiamo dall’Empire State Building che si trova proprio dietro l’angolo, più comodo di così non è possibile.

Doverosa premessa, prima di partire ci siamo armati di New York City Pass, su internet abbiamo trovato opinioni contrastanti sulla sua utilità, per alcuni non garantirebbe un risparmio così importante sull’acquisto degli ingressi per le varie attrazioni, a noi attirava anche l’idea di saltare qualche coda e quindi lo abbiamo ordinato online un paio di settimane prima di partire.

Tutto quello che abbiamo visto in questa città sa di set cinematografico, non è facile non sorprendersi quando si vivono personalmente scene viste sempre e solo in televisione. Da questo punto di vista l’Empire si presenta bene con i suoi uscieri in livrea rossa che, con grande gentilezza e modi un po’ affettati, ti conducono agli ascensori, i più veloci mai presi in vita nostra. All’inizio si percepisce fisicamente l’accelerazione ma è questione di pochissimi secondi, arrivati in vetta il panorama della città ripaga completamente del piccolo disagio.

Capitiamo in una mattina limpida e assolata, quindi possiamo goderci la Grande Mela a 360°, consiglio di arrivare prima delle 10 per non trovare confusione e poter scattare in santa pace le doverose fotografie.

Come primo giorno abbiamo già un appuntamento nel primo pomeriggio, la visita del Palazzo delle Nazioni Unite. Ammetto di essere stato io a volerci andare fortemente, navigando nel web ho scoperto che si può visitare solo nel contesto di tour guidati in varie lingue e non esistendo in italiano (perlomeno quel giorno) ci aggreghiamo ad uno in inglese. I biglietti li ho acquistati direttamente sul sito ufficiale delle Nazioni Unite al costo di 18$ a testa, è sempre meglio presentarsi almeno mezz’ora prima della visita prevista, qui come all’Empire i controlli sono molto severi, viene chiesto il passaporto e occorre passare sotto lo scanner, in pratica è lo stesso iter degli aeroporti.

Le visite sono organizzate in gruppi non troppo numerosi, scelta che trova tutta la mia ammirazione, permette di seguire meglio le spiegazioni della guida e di non dover aspettare sempre e comunque i comodi di qualche ritardatario. Visitiamo le sale dove si riuniscono l’Assemblea Generale e il Consiglio di Sicurezza, in breve i luoghi dove si decide il destino del mondo sempre visti al telegiornale. Con le delegazioni diplomatiche che ci sfilano intorno abbiamo anche la fortuna di poter osservare per qualche minuto dal vivo i lavori di una delle tante commissioni, in rigoroso silenzio e con il divieto assoluto di scattare foto.

La visita ci impegna per un paio d’ore e all’uscita troviamo la pioggia come sgradita sorpresa considerando che siamo entrati col sole. Ammetto che per tutta la durata del viaggio il tempo è stato splendido, solo a New York ci è capitato qualche improvviso rovescio, un clima un po’ all’inglese se mi passate la definizione.

Torniamo a piedi verso Time Square, questa piazza ha un potere magnetico, qualsiasi sia il vostro giro finirete sempre e comunque qui, stregati dai personaggi improbabili che ne costituiscono la fauna e delle luci ipnotiche dei maxischermi pubblicitari. Passeggiare in mezzo a questa confusione non è facile, non bisogna farsi spaventare però anche perchè visitare il negozio Disney, quello delle M&M’s o lo store della Bubba Gump pieno di memorabilia del film Forrest Gump vi aiuterà a brontolare un po’ di meno.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Boston
    Diari di viaggio
    da washington a chicago: costa est degli states on the road

    Da Washington a Chicago: Costa Est degli States on the road

    In una delle tante fredde serate invernali passate in birreria, io, Steve e Andry decidiamo di fare una vacanza insieme negli Stati Uniti....

    Diari di viaggio
    nord est usa

    Nord Est USA

    Info pratiche17 giorni/16 notti Noleggio auto per 13 giorni. 2800 km percorsi. Costo totale per 3 persone: 6900 euroDettaglio: ...

    Diari di viaggio
    je me souviens

    Je me souviens

    Un lungo viaggio in aereo con scalo a Roma Fiumicino. Siamo un bel gruppo di 6 amici e 2 bambine. Il viaggio in areo mi dà sempre la...

    Diari di viaggio
    da new york al canada e ritorno

    Da New York al Canada e ritorno

    Da New York al Canada e ritorno (by Luca, Sabrina, Federico, Leonardo e Valentina)Sabato 11 Agosto:Finalmente! … Dopo...

    Diari di viaggio
    negli states per un tour nella grande mela e non solo

    Negli States per un tour nella Grande Mela e non solo

    di metri ma molto caratteristica. Attraversiamo il Distretto Finanziario, il Benjamin Franklin Parkway e la notevole porta cinese a...

    Diari di viaggio
    indian summer nel new england e québec

    Indian Summer nel New England e Québec

    parte sterrata ricca di curve e abbastanza ripida. Dopo aver parcheggiato, passeggiamo in vetta, con un tempo che continua a cambiare, e...

    Diari di viaggio
    alla scoperta degli states per festeggiare 50 anni

    Alla scoperta degli States per festeggiare 50 anni

    Ad agosto compio 50 anni e voglio regalarmi un viaggio in USA. E' da bambina che ho questo sogno nel cassetto e mi sembra arrivata l'ora di...

    Diari di viaggio
    canada orientale e new england

    Canada orientale e New England

    Il nostro terzo viaggio in America si è svolto tra Canada Est e New England. Abbiamo potuto fare un viaggio di soli 16 giorni e questo è...

    Diari di viaggio
    states fai da te

    States fai da te

    VIAGGIO A NEW YORK, WASHINGTON E BOSTON MERCOLEDÌ 14 SETTEMBRE Partenza dall'Aeroporto Marco Polo di Venezia alle ore 13.25. Arrivo al...

    Diari di viaggio
    a spasso negli usa

    A spasso negli Usa

    è veramente unica e assolutamente da visitare, per la sua mescolanza allegra di stili e una realtà completamente originale.10...