America: un sogno rimandato

Questo viaggio doveva essere il regalo di mio padre per il diploma di scuola superiore ma per un contrattempo è stato un po’………rimandato. Come al solito le nostre decisioni sono dell’ultimo momento ed i problemi si accavallano perché il tempo è poco ma poi il puzzle si compone e allora si parte. Destinazione: i parchi americani e...
 
Partenza il: 01/09/2008
Ritorno il: 18/09/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 2000 €

Questo viaggio doveva essere il regalo di mio padre per il diploma di scuola superiore ma per un contrattempo è stato un po’…Rimandato. Come al solito le nostre decisioni sono dell’ultimo momento ed i problemi si accavallano perché il tempo è poco ma poi il puzzle si compone e allora si parte. Destinazione: i parchi americani e le grandi città sul cammino.

Valigie semi-vuote come da consigli letti da esperienze fatte da altri, eccitazione tanta e poi un volo lungo, sempre di giorno, destinazione San Francisco con scalo a New York. Prenoto tutto tramite Internet attraverso la TUJ di Torino. Due pernottamenti a San Francisco e due a Los Angeles per il ritorno, affitto di un’auto economica con la ALAMO e tour di San Francisco, tutto il resto è libertà. Voglio dare anch’io il mio contributo ma più che sui posti visti, che è un giudizio personale, su piccoli problemi che si possono evitare sapendolo prima.

A New York, dove dobbiamo prendere la coincidenza per San Francisco, è necessario presentare il foglio per l’immigrazione, l’hostess della American Airlines sull’aereo non ha dato il modulo verde ma solo quello chiaro (anche agli altri) e quindi in fila, dopo un viaggio lungo circa 10 ore (6 ore di fuso in meno rispetto a noi) li compilo in piedi, sono ben organizzati e quindi veloci e la fila scorre, quando tocca a noi uno dei due fogli verdi non è completo. La persona che ci accoglie sembra proprio il poliziotto dei films americani: neppure un cenno di saluto, ci riconsegna i moduli e ci rimanda indietro per completare il tutto, che gioia. Poi, dopo il controllo dei moduli, ci prende le impronte digitali, in un ordine prestabilito, in una lingua incomprensibile, prima si posano le dita su un tampone umidiccio e poi su una specie di scatoletta. Alla fine ti fa pure una foto, non l’abbiamo vista ma penso che era molto espressiva.

Wao, finalmente siamo in America. Mi accorgo che nel trambusto dello scrivere ho dimenticato una borsa per terra, mio marito tutto sorridente ripassa davanti al poliziotto e la va a prendere. Attimi di terrore puro e incazzatura con me.

Prendiamo le nostre valigie e riusciamo a capire che dobbiamo fare un ceck in per quelli che come noi sono in transito, abbiamo la coincidenza dopo poco più di un ora per San Francisco. L’hostess prende i nostri biglietti, li controlla a lungo, stampa gli scontrini dei bagagli, emette due nuovi biglietti che ci consegna. Riusciamo a capire che il gate è al terzo piano e abbastanza distante. Quindi di corsa attraversiamo vari corridoi, ascensore occupato, ne cerchiamo un altro facendoci capire a gesti ed anche dall’espressione delle nostre facce, e finalmente arriviamo davanti al gate: vuoto. Non c’è nessuno. Siamo sconfortati, l’aereo è partito? Cerchiamo qualcuno per delle informazioni e finalmente troviamo un’hostess che parla spagnolo e riusciamo a capire che ci hanno cambiato il volo ed invece di partire alle 15 ora locale per San Francisco il volo c’è alle 17 e 30. Dopo tutto questo trambusto ci rilassiamo, mangiamo un hot dog e siamo contenti, la nostra post pay funziona. Abbiamo anche la carta di credito usata solo per gli alberghi e l’affitto dell’auto. Ma con la post pay (la prepagata delle Poste Italiane che ora si può caricare fino a 3.000,00 Euro) abbiamo fatto spese nei supermercati, negli outlet, nei ristoranti ed anche la benzina.

Arriviamo a San Francisco e le ore di fuso diventano 9, lì ci sono gli “Shuttle door to door”, sono dei pulmini collettivi, si pagano in base al percorso, e vieni accompagnato dove vuoi. Nel nostro caso in albergo. Doppio lettone matrimoniale, televisore mega di fronte e sonno che tarda ad arrivare.

Finalmente il giro comincia. Consiglio: il cellulare comprato da poco che fa anche da indicatore stradale, è completo di mappe italiane ma non di quelle americane, e all’ultimo momento c’è sempre un impedimento per scaricarle da internet. E’ meglio affittarlo in loco, altrimenti sarà una prova per tutto il viaggio e motivo di scassamento. E’ meglio consultare google map e confidare nella fortuna specialmente a Los Angeles. Il problema c’è solo nelle grandi città.

I parchi sono bellissimi, ognuno ha la sua caratteristica. C’è l’Arches National Park con i suoi archi, il Bryce Canyon con le sue guglie, lo Zion, il primo che abbiamo percorso, con dei bei sentieri, il Grand Canyon per la sua altezza, la Monument Valley, ecc. la Death Valley merita un discorso a parte.

Devo dire che ero abbastanza impaurita dai resoconti che ho letto e forse per questo non me la sono goduta. E’ un posto sicuramente pericoloso e bisogna adottare degli accorgimenti per non trovarsi poi in seri guai. Ma noi li abbiamo presi troppo alla lettera. Fin dall’inizio dei nostri giri abbiamo comprato un contenitore di polistirolo dove mettevamo le bottigliette di acqua ed il ghiaccio che si comprava o si prende in albergo dove c’erano i distributori, è un ottimo sistema per mantenere al fresco qualsiasi cosa durante gli spostamenti. Per attraversare la valle ne abbiamo comprato un secondo. Ci siamo alzati alle 5 di mattina e una metà, per paura del caldo, l’abbiamo fatta di notte, senza incontrare nessuno, in un posto deserto e quindi non l’abbiamo vista. E’ spettacolare il sorgere del sole specialmente per i colori che prendono le rocce. La colazione si può fare alla fornace e poi noi abbiamo proseguito per Zabriskie Point. Alle 10 eravamo fuori, direzione Las Vegas. Di acqua ne abbiamo bevuta pochissima e solo nell’ultima parte abbiamo acceso l’aria condizionata in auto.

L’incontro con la polizia è veramente uno stress. Parco di Mesa Verde, limiti di velocità a 25 miglia, una macchina davanti a noi va pianissimo, dopo un po’ sentiamo un suono proveniente da dietro. C’è un fuoristrada della polizia. Noi in panico. L’autista davanti ci fa segno di passare, lo facciamo e la macchina della polizia dietro a noi che accostiamo. Ci parlano da fuori e noi naturalmente non comprendiamo, mio marito apre lo sportello e lo stesso autoparlante ci invita a chiuderlo. Mette le mani sul volante e si gira verso di me per chiedere il portafogli con la patente.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Las Vegas
    Diari di viaggio
    viaggio negli stati uniti: louisiana, grandi parchi e hawaii

    Viaggio negli Stati Uniti: Louisiana, Grandi Parchi e Hawaii

    Mi riconoscete? Sono proprio io, a 18 anni, durante il mio primo viaggio negli Stati Uniti, il mio primo vero viaggio. Un viaggio che per...

    Diari di viaggio
    viaggio di nozze on the road: california, nevada, utah, arizona da scoprire!

    Viaggio di nozze on the road: California, Nevada, Utah, Arizona da scoprire!

    (200 km)Monument Valley – Grand Canyon (280 km)Grand Canyon – Sedona (175 km)Sedona – Kingman (280 km)Kingman...

    Diari di viaggio
    da san francisco a los angeles, attraverso i grandi parchi dell'ovest

    Da San Francisco a Los Angeles, attraverso i grandi parchi dell’ovest

    DA CONEGLIANO A SAN FRANCISCO VENERDI 20/4/2019  Sveglia alle 5 del mattino, con un po' di difficoltà per aver dormito poco; alle 5:30...

    Diari di viaggio
    u.s.a. in viaggio con mamma: 3 settimane, 7 stati, 20 parchi nazionali

    U.S.A. In viaggio con mamma: 3 settimane, 7 Stati, 20 parchi nazionali

    Il mio terzo viaggio negli U.S.A. lo faccio insieme a mia mamma. Una coppia di viaggiatori abbastanza agli opposti quindi abbastanza...

    Diari di viaggio
    usa coast to coast: nyc-la

    USA coast to coast: NYC-LA

    L’esperienza americana nel sud est asiatico, leggasi, la guerra del Vietnam o la american war come la definiscono i Vietnamiti, è la mia...

    Diari di viaggio
    stati uniti: i parchi dell'ovest

    Stati Uniti: i parchi dell’Ovest

    Pronti, via! Venerdì 11 agosto il nostro volo Norwegian (circa 900 euro a persona, volo ottimo) ci porta prima a Copenaghen per poi...

    Diari di viaggio
    una famiglia globetrotter alla scoperta della west coast

    Una famiglia globetrotter alla scoperta della West Coast

    Eccomi qui a raccontare uno di quei viaggi che difficilmente avrei pensato di fare, soprattutto con Gabriele (5 anni) e Giulio (9 mesi)....

    Diari di viaggio
    usa coast to coast

    USA coast to coast

    DIARIO DI VIAGGIO USA - AGOSTO 2018 Abbiamo fatto un tour on the road in USA, partendo da LA, California, siamo passati per i parchi ed...

    Diari di viaggio
    california on the road con bambini al seguito di prima parte

    California on the road con bambini al seguito di prima parte

    il meraviglioso spettacolo di fontane del Bellagio e via a dormire in una delle camere più belle mai viste prima!Termino la prima...

    Diari di viaggio
    california e parchi della west coast

    California e parchi della West Coast

    Erano anni che rimandavamo ma, finalmente, quest’anno siamo andati negli States!Siamo molto soddisfatti dal nostro viaggio e...