Alsazia fra Strasburgo e Colmar

Cantine, Mercatini di Natale e paesaggi meravigliosi
 
Partenza il: 04/12/2010
Ritorno il: 07/12/2010
Viaggiatori: 25
Spesa: 500 €

La mattina dopo ce la prendiamo comoda. E’ il giorno della partenza, ma prima del rientro abbiamo ancora qualche appuntamento: Obernai, Gertwiller per la visita del Museo del Pan d’épices alle ore 11,00 per una visita e la degustazione. Il tempo non è bellissimo, piove, e la visita di Obernai, altro tipico paesino è un po’ veloce: certamente anche qui riusciamo a fare acquisti. Sheriff acquista un angelo di terracotta e Tessoroo una lanterna musicale illuminata da appendere alla finestra. Oppoorinaaa aveva già in precedenza acquistato un paio di cappelli insieme a Sheriff, mentre l’Ing, Pharma e il 12/09 con la Bettina si sono fatti prendere dall’acquisto selvaggio del pate d’oie che ha un costo parificato ai lingotti d’oro, oltre a Pistolet che dovunque va torna indietro con una cassa di bottiglie di vino (con sua moglie Dany che borbotta ogni volta!). Gertwiller è poco distante e la Maison du Pan d’épices ospita il negozio di Lips. Le sue facciate sono dipinte in trompe l’oeil decorate con pampepato e con i volti dei vari personaggi del racconto di Hansel e Gretel. Il museo del pampepato e arte popolare alsaziano si trova nella dependance, è un ex granaio datato 1756 che produce il pampepato secondo il metodo e i mestieri tradizionali da oltre 200 anni. Delizioso, veramente delizioso… Ci facciamo ingolosire tutti, tant’è che ci affrettiamo ad entrare nel negozio per fare acquisti e portare a casa un assaggio del famoso pan d’épises alsaziano. Anche qui, al termine del giro di acquisti, risaliamo sul pullman per dirigerci ad Eguisheim. Poco distante e sulla via del ritorno verso casa, vogliamo pranzare in questo paese che forse, fra tutti i visitati, è il più particolare. Sembra di passeggiare per le strade di un film di animazione: case a graticcio gialle, azzurre, rosa, verdi, di ogni colore… tutte perfettamente tenute e addobbate: un sogno. Ci dividiamo per andare a visitare qualche cantina (dove naturalmente acquistiamo vini a volontà) e per trovare un ristorante dove pranzare prima del rientro. Ce ne sono alcuni, tutti molto belli e caratteristici. Ci attirano da lontano con i loro addobbi e il profumo dei loro piatti ma… aiuto! Sono praticamente tutti al completo! Ci muoviamo in gruppetti di 5-6 persone e alla fine, tutti troviamo un tavolo dove poterci mettere sotto le gambe. Ora, ci siamo dilungati sulla bellezza e la straordinarietà di questo paese ma… la nota di demerito va alla incredibile, allucinante, interminabile attesa per essere serviti! Ci inviamo sms per comunicarci a che punto del pranzo siamo, e ci rendiamo conto che non si tratta di un ristorante invece che di un altro: tutti, ma dico tutti, necessita di almeno una buona mezz’ora dal momento che ti siedi al momento in cui la cameriera ti chiede che cosa vuoi ordinare e poi di ancora un’ora per avere il piatto sotto gli occhi. Opporina e Un-uomo-e-il-suo-uccello cominciano a guardare le gambe del tavolo e facciamo fatica ad impedirgli di rosicchiarle. Quando vediamo arrivare i piatti da lontano non ci sembra vero: sono enormi! Ogni porzione basta per tre persone ma… non ci facciamo pregare e mangiamo a quattro palmenti.. Al termine del pranzo, raggiungiamo il pullman che ci aspetta nel parcheggio stabilito e… risaliamo per fare rientro a casa. La strada è lunga, ma ci mettiamo comodi nelle nostre poltroncine e…dopo quella mangiata schiacciamo un pisolino praticamente tutti. Le soste ci danno la possibilità di sgranchire le gambe e di prendere un caffè, nonché di far riposare il ns Driver che è stato davvero messo a dura prova in questo viaggio. Cricri cerca di arginare il Guznag che fa di tutto per anestetizzare l’intera comitiva con i suoi “bisognini” da cavallo, mentre Jaden viene intrattenuta da un paio di partecipanti che mimano una fiaba… una vera catastrofe! Fortuna che la nipote Martina è una vera delizia e si dimostra attiva nel lavoro di controllore delle tessere di tutti i partecipanti, tanto da diventare davvero più temuta di un controllore ferroviario. In tarda serata arriviamo…stanchi ma felici.. Anche questa volta vogliamo ringraziare tutti per aver condiviso con noi l’emozione di scoprire luoghi magici, forse fuori dalle comuni mete, ma affascinanti. Di aver condiviso con noi l’entusiasmo e la curiosità dimostrando spirito di adattamento e simpatia. Non potremmo pensare di trovare migliori compagni di viaggio di voi! Grazie ancora, di cuore.

Guarda la gallery
francia-avyps

Alsazia fra Strasburgo e Colmar



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Colmar
    Diari di viaggio
    alsazia, un mondo da fiaba

    Alsazia, un mondo da fiaba

    Mentre organizzavo il mio viaggio on the road nella Foresta Nera sono venuta a conoscenza dell’Alsazia, una piccola regione della Francia...

    Diari di viaggio
    ognissanti a strasburgo e colmar

    Ognissanti a Strasburgo e Colmar

    E rieccoci qui... sperando di potervi essere utili con le nostre informazioni... Avevamo programmato da Settembre che per il week end dei...

    Mercatini di natale in Alsazia 2

    Si sa, l’atmosfera natalizia rende qualsiasi luogo magico ma per gli appassionati di mercatini c’è una tappa da non perdere:...

    Diari di viaggio
    alsazia, benvenuti in un mondo di fiaba

    Alsazia, benvenuti in un mondo di fiaba

    sua vita.A seguire facciamo visita alla Basilica di Saint Remi, una delle principali chiese cittadine. Basilica romanico-gotica...

    Diari di viaggio
    francia on the road di parte seconda

    Francia on the road di parte seconda

    ristorante e l’albergo riusciamo anche a vedere una parte del centro di Lille, carina e tranquilla cittadina della Francia.Il...

    Diari di viaggio
    in moto nel cuore dell'europa

    In moto nel cuore dell’Europa

    Quest’anno vogliamo tornare a viaggiare in moto nella vecchia Europa, e per il mese di luglio abbiamo deciso di arrivare fino ad...

    Diari di viaggio
    alsazia, terra con due anime e due cuori

    Alsazia, terra con due anime e due cuori

    Il mio primo approccio con l'Alsazia risale ormai a qualche anno fa, una rapida visita per i mercatini di Natale della quale conservavo un...

    Diari di viaggio
    vacanza rilassante tra strasburgo e dintorni

    Vacanza rilassante tra Strasburgo e dintorni

    Quattro amici e una bassottina in luoghi da riscoprire Strasburgo. Già, un viaggio programmato dallo scorso anno quando quattro copie...

    Diari di viaggio
    in alsazia tra colmar e strasburgo

    In Alsazia tra Colmar e Strasburgo

    5 dicembre 2015: Colmar Partiamo in pullman da Viareggio prima dell’alba. Direzione Colmar. Il viaggio dura circa 10 h (soste...

    Diari di viaggio
    colmar, foresta nera, cascate del reno

    Colmar, Foresta Nera, cascate del Reno

    Cosa occorre fare per riprendersi dopo una settimana di languido e monotono dolce far niente in un bel villaggio italiano all-inclusive a...

    Video Itinerari