Alsazia dream

Cinque giorni on the road tra Francia & Germania
 
Partenza il: 20/08/2013
Ritorno il: 25/08/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Partenza martedì 20 Agosto mattina all’alba, in macchina.

Dopo qualche ora, finalmente eccoci al confine Svizzero dove compriamo il tagliandino per le autostrade, costo 35 euro.

Proseguiamo il viaggio per la Svizzera e verso le 15 arriviamo finalmente a destino: Colmar.

Alloggeremo alla guesthouse Les Maraichers – euro 75,00 – senza colazione – prenotato tramite booking.

Il locale è carino, pulito, semplice e ha un ristorante ben trafficato al piano terra soprattutto da gente del luogo, il che ci fa ben sperare per la cena!

Il centro dista 15 minuti a piedi.

Andiamo a fare subito un giro, e in breve ci ritroviamo nel pittoresco quartiere di Little Venice.

Fiori, gente, rumori, ristoranti attivi e le barchette che vanno e vengono nei canali.

Sembra un paesaggio, quasi finto…

Curiosiamo per i negozi, prendiamo qualcosa per merenda e verso sera torniamo in hotel per riposare un po’e fare una doccia. Il clima è fresco, mangiamo in hotel, due piatti tipici, pesce per me e menù antipasto a buffet + piatto di carne per Marco. Buoni e sostanziosi, concludiamo con una bella fetta di torta, di quelle alsaziane, bella spessa e corposa.

Decidiamo di andare a fare un altro giro in centro per vedere il tutto by night.

Valutazione positiva dell’hotel e della cena, niente di chic, ma tutto pulito e funzionale. Unica pecca, non c’è l’ascensore, nel ns caso non è stato un problema, ma lo segnalo per chi invece avesse difficoltà.

Il giorno seguente (21/08) ripartiamo presto per un ultimo giro per Colmar, compriamo due panini in una charcuterie che li fa al momento, e poi ci avviamo alla volta del castello di Konigsburg che poco dopo vediamo già stagliarsi all’orizzonte.

La cosa meravigliosa sono stati gli stupendi paesaggi che abbiamo visto salendo verso il castello: filari di viti a non finire… meravigliosi. Foto, foto, foto!

Arrivati al castello, i parcheggi non mancano, e cosa incredibile, sono tutti gratuiti!

L’ingresso al castello costa 8 euro, ma c’è la possibilità di visitare anche solo l’interno delle mura e fare comunque un bel giro. Il costo è per entrare proprio nelle stanze, ma secondo noi non ne valeva la pena.

Passiamo un bel pomeriggio e dopo un po’ ripartiamo per Friburgo. Ripassiamo dalla splendida via del vino, passiamo il confine segnato dal Reno (dove c’è una piccola terrazza panoramica proprio sulla strada dove fermarsi a fare foto)

Arrivati a Friburgo, troviamo posteggio poco lontano dal centro e ci avventuriamo.

La città subito ci piace molto, bar e tavolini ovunque, molta gente, molti giovani in giro.

I famosi mille canaletti indicati dalla guida ci si presentano subito davanti, piccoli rivoli d’acqua che seguono il ns cammino fino al centro, alcuni in cui sono immerse paperelle di plastica e navi per la gioia dei piccoli.

Il centro è molto bello, la cattedrale, la bella piazza… complice il bel tempo caldo, ma secco ci godiamo lo spettacolo girovagando con in mano un bel frullato di frutta fresca.

Ci dispiacciamo di non aver deciso di sostare lì per la notte, e a malincuore ci avviamo alla macchina, con un’ultima tappa in un bel parco.

Per la notte alloggeremo in un’altra guesthouse: Landhotel restaurant Zur Krone a Gottenheim – a conduzione famigliare.

Anche qui, camere e ristorante insieme. Camera spaziosa, molto stile “tedesco”, pulita e con 2 caramelle haribo in omaggio trovate sul letto.

Essendo ormai quasi ora di cena, ci facciamo una doccia, e scendiamo per cena. Anche stasera, optiamo per menù tipici di pollo e maiale. Concludiamo con un dolce e ce ne andiamo a letto dopo una veloce passeggiata per il paesino che però non ha molto da offrire.

Nel prezzo di 75 euro questa volta c’è inclusa la colazione, che offre frutta, cereali, yogurt, formaggi e salumi e zero dolci.

Ripartiamo presto perché la giornata prevede di andare al famoso Europa Park di Rust… un gran parco divertimenti, la Gardaland tedesca per intenderci.

Costo 39 euro a persona presi via internet per evitare le lunghe file alle casse. Il parco è immenso, guardiamo la cartina all’ingresso e ci domandiamo se mai ce la faremo a visitarlo tutto!!!

Passiamo la giornata tra le attrazioni, le code lunghissime, i bei luoghi magici, i giochi da fare e dato che il parco chiude alle 19,30 usciamo un’oretta prima per evitare lunghe ed estenuanti file all’uscita.

Nel complesso il parco ci è piaciuto, è diviso per stati: Italia, Germania, Francia, Russia etc etc e in ogni area ci sono varie attrazioni, teatri, piazzette con negozi etc.

La mattina la situazione era vivibile, nel pomeriggio la gente era tantissima, sulle attrazioni di maggior impatto (quelle acquatiche e le montagne russe nuove) le file erano di minimo 1 ora e mezza.

Su altre invece, erano più veloci e sopportabili.Meno male poi non c’era il caldo milanese…

Partiamo per la nostra ultima tappa: Strasburgo.

Arriviamo per le 20, facciamo subito check in all’hotel IBIS LES HALLES – 60 euro a notte per 3 notti colazione esclusa – sempre trovato su booking.com.

L’hotel è vicino allo snodo di vari mezzi pubblici, e praticamente accanto al centro commerciale les halles.

La distanza dal centro è minima. L’hotel è molto semplice, niente sfarzosità… per intenderci camera semplice, niente frigo bar, niente tea facilities.

Per il resto però tutto ok, è pulito e il letto è stato decisamente uno dei più comodi sul quale abbiamo mai dormito!

Siamo molto stanchi e per cena di accontentiamo di qualcosa di veloce trovato nel primo bar/ristorante aperto.

Il giorno dopo come prima cosa entriamo nel centro commerciale “sotto” all’hotel e abbiamo l’imbarazzo della scelta per cosa mangiare di colazione… assaggiamo croissant alla cannella e un dolce al cioccolato.

Camminiamo mangiando fino al centro per vedere ed entrare nella cattedrale dove restiamo una mezzoretta (strapiena di turisti) e poi giro per la piazza e le vie limitrofe. giriamo poi senza meta, in clima vacanza.

Guarda la gallery
alsazia-w9n4f

ALSAZIA DREAM



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Alsazia
    Diari di viaggio
    alsazia, un mondo da fiaba

    Alsazia, un mondo da fiaba

    Mentre organizzavo il mio viaggio on the road nella Foresta Nera sono venuta a conoscenza dell’Alsazia, una piccola regione della Francia...

    Diari di viaggio
    ognissanti a strasburgo e colmar

    Ognissanti a Strasburgo e Colmar

    E rieccoci qui... sperando di potervi essere utili con le nostre informazioni... Avevamo programmato da Settembre che per il week end dei...

    Mercatini di natale in Alsazia 2

    Si sa, l’atmosfera natalizia rende qualsiasi luogo magico ma per gli appassionati di mercatini c’è una tappa da non perdere:...

    Diari di viaggio
    tour lungo la valle del reno

    Tour lungo la valle del Reno

    passeggiare per le sue strade guardandone le case, le torri e le mura che la circondano.Finalmente il giorno dopo torna il sole e il...

    Diari di viaggio
    alsazia, benvenuti in un mondo di fiaba

    Alsazia, benvenuti in un mondo di fiaba

    sua vita.A seguire facciamo visita alla Basilica di Saint Remi, una delle principali chiese cittadine. Basilica romanico-gotica...

    Diari di viaggio
    alsazia, terra con due anime e due cuori

    Alsazia, terra con due anime e due cuori

    Il mio primo approccio con l'Alsazia risale ormai a qualche anno fa, una rapida visita per i mercatini di Natale della quale conservavo un...

    Diari di viaggio
    vacanza rilassante tra strasburgo e dintorni

    Vacanza rilassante tra Strasburgo e dintorni

    Quattro amici e una bassottina in luoghi da riscoprire Strasburgo. Già, un viaggio programmato dallo scorso anno quando quattro copie...

    Diari di viaggio
    in alsazia tra colmar e strasburgo

    In Alsazia tra Colmar e Strasburgo

    5 dicembre 2015: Colmar Partiamo in pullman da Viareggio prima dell’alba. Direzione Colmar. Il viaggio dura circa 10 h (soste...

    Diari di viaggio
    un tour tra alsazia e belgio

    Un tour tra Alsazia e Belgio

    Il Belgio è bello e divertente. L’anno scorso siamo andati in aereo a Bruxelles e poi in treno a Gand e Bruges. Ci è piaciuto così...

    Diari di viaggio
    germania del sud on the road, passando per svizzera e alsazia

    Germania del sud on the road, passando per Svizzera e Alsazia

    Dopo 4 anni decidiamo di tornare in Germania per le vacanze di giugno; avevamo già visitato le città di Hannover, Brema e Amburgo e...