Alla scoperta di Bruxelles

ALLA SCOPERTA DI BRUXELLES Siamo Angela, Matteo, Mersia e Silvia, quattro turisti per caso che ogni tanto amano partire alla scoperta di nuovi posti da conoscere e vedere. Durante il ponte del I° maggio la meta prescelta è stata la capitale del Belgio e d’Europa: Bruxelles! Ecco come abbiamo organizzato questo viaggio… 1 MAGGIO Partenza...
Partenza il: 01/05/2008
Ritorno il: 04/05/2008
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 500 €

ALLA SCOPERTA DI BRUXELLES Siamo Angela, Matteo, Mersia e Silvia, quattro turisti per caso che ogni tanto amano partire alla scoperta di nuovi posti da conoscere e vedere. Durante il ponte del I° maggio la meta prescelta è stata la capitale del Belgio e d’Europa: Bruxelles! Ecco come abbiamo organizzato questo viaggio… 1 MAGGIO Partenza all’alba per l’aeroporto di Treviso dove abbiamo preso il volo Ryanair delle 8.35; dopo neanche due ore eravamo in Belgio. Siamo atterrati all’aereoporto di Charleroi che è a circa un’ora di strada da Bruxelles ed è collegato alla capitale con dei bus navetta (noi abbiamo fatto il biglietto andata-ritorno da 22 €) che arrivano alla stazione Bruxelles-Midi, vicinissima all’hotel “Solis” dove alloggiavamo. Per raggiungere la nostra stanza quadrupla dovevamo salire tre rampe di scale molto ripide e strette (salire e scendere con i nostri valigioni è stata un’impresa degna di Messner!!!).Comunque, considerando che la stanza ci è servita solo per dormire e fare la doccia non possiamo lamentarci.

Sistemati i bagagli siamo subito partiti alla scoperta del centro della città che abbiamo raggiunto con i “tram-metropolitani” (il biglietto giornaliero per 2 persone costa 4€).Ci è voluto un po’ per capire i collegamenti tra le varie linee visto che non abbiamo trovato una piantina chiara dei percorsi di bus e tram. La nostra prima meta è stato il cuore di Bruxelles: la Grand Place, molto bella, circondata dagli edifici che ospitavano le antiche corporazioni (qui trovate anche l’ufficio turistico).Dalla piazza abbiamo proseguito lungo Rue de l’Etuve, via ricca di negozi di souvenirs, cioccolate e waffels caldi (gnam gnam, buonissimi!!!), alla fine della quale si arriva ad uno dei simboli di Bruxelles, Manneken Pis, la famosa statuetta del bambino che fa pipì che, come abbiamo letto in altri racconti di viaggio, possiamo confermare essere proprio molto piccola. La nostra passeggiata è continuata fino a Place de la Chapelle e nel quartiere du Sablon, ricco di case tipiche e scorci molto belli, dove visitiamo la chiesa di Notre Dame des Victories e gli adiacenti giardini del petit Sablon, molto belli. Da qui a Place de l’Albertine il tragitto è breve. Siamo poi andati fino al Palais Royal per una foto davanti alla dimora dei reali del Belgio, all’adiacente Parc de Bruxelles, alla Cattedrale, alla Galleria Saint Hubert per poi finalmente cenare in Rue des Bouchers, la via dei ristoranti, dove i camerieri fanno a gara per trascinarti nel loro locale.

2 MAGGIO Abbiamo dedicato questa giornata alla visita di Bruges e Gand. Prendendo il treno dalla Gare du Midi con la tariffa “weekend”, andata-ritorno, abbiamo pagato 14,80 € a testa. Il viaggio fino a Bruges è durato meno di un’ora. Dalla stazione si può raggiungere il centro in pochi minuti: noi ci abbiamo messo invece circa un quarto d’ora perché abbiamo fotografato praticamente ognuna delle caratteristiche case con la facciata a gradoni che, come abbiamo poi scoperto, rappresentano gli edifici storico-artistici che compongono il centro e la periferia di questa bellissima città! La nostra visita è continuata verso il Markt, la caratteristica piazza del mercato con la torre del Beffroi e l’ufficio postale, il Burg, l’altra piazza con la basilica del Santo Sangue ed il municipio, e le suggestive viuzze che compongono il centro della città nelle quali tra canali, ponti ed edifici in pietra sembra di fare un passo indietro nel tempo. Cammina e cammina siamo arrivati ai due mulini a vento e da qui di nuovo in centro a visitare la chiesa di Nostra Signora, con la “Madonna con bambino ” di Michelangelo e per vedere le famose begijnhof, antichi monasteri laici. La nostra visita a Bruges è terminata a metà pomeriggio poiché volevamo vedere anche Gand che abbiamo raggiunto in treno in una ventina di minuti. Dalla stazione di Gand al centro abbiamo preso il tram (una corsa 1,20 €). Purtroppo i principali monumenti alle 17.30, quando siamo arrivati, stavano chiudendo quindi ci siamo dovuti accontentare di una bella passeggiata in centro vedendo solo dall’esterno la cattedrale di Sint Baafs e la torre di Belfort. Abbiamo cenato a Gand in un ristorante messicano per poi fare ritorno a Bruxelles in tarda serata 4 MAGGIO Giornata interamente dedicata a Bruxelles. Prima tappa alla Place de Luxembourg dove si trovano i palazzi del Parlamento Europeo; da qui ci siamo spostati al Parc du Cinquantenaire dove, dopo una passeggiata, abbiamo fatto una breve visita al museo dell’armeria reale(è carino e l’entrata è libera).La nostra meta successiva è stata nuovamente il centro di Bruxelles per visitare il MIM, il museo della musica che ci è piaciuto in maniera particolare dato che è interattivo (davanti ad ogni strumento esposto, grazie a delle particolari cuffie, si poteva sentire il suo suono caratteristico) e ospita una grandissima collezione di strumenti musicali da tutto il mondo. L’entrata costa 5€. Giornata di spostamenti, questa volta a nord della capitale, per vedere il quartiere dell’Heysel che ospita lo stadio omonimo, alcuni parchi a tema ed il famoso Atomium che abbiamo visitato. Il biglietto costa 9€ e comprende l’entrata nell’Atomium e la salita fino alla “molecola” più alta, dalla quale si può godere di un bel panorama sulla città. Una volta scesi abbiamo attraversato il parco di Laeken fino a raggiungere il Padiglione cinese e la Torre giapponese. Da qui abbiamo temporeggiato per aspettare l’apertura delle Serre Reali che, per nostra fortuna, aprono proprio in questo periodo (fine aprile-prima metà di maggio). Queste serre, veramente spettacolari per cura e bellezza dei fiori, ci hanno veramente lasciato a bocca aperta e le consigliamo vivamente a chi si trovasse in Belgio in primavera; il costo dell’entrata inoltre è irrisorio se confrontato ad altri monumenti o musei meno interessanti e molto più costosi, solo 2,50€. Soddisfatti abbiamo cenato nella Rue des Bouchers, da “Leon” dove abbiamo mangiato veramente bene ad un prezzo giusto.



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo

Città bellissima

città bellissima

L’Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

L'Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

Roma

Viaggio nella Città Eterna

Ottobre 2021, io e la mia ragazza avevamo da tempo deciso di prenderci una settimana di...

Leggi i Diari di viaggio su Belgio
Diari di viaggio

BELGIO

Come siamo arrivati a questo viaggio? Abbiamo fatto 'di necessità virtù' , il mio ragazzo si ritrasferisce in Italia dopo 3 anni di...

Diari di viaggio
Graslei e korenlei (4)

Gand, fascino delle Fiandre

Ho visto un servizio su Gand in una nota trasmissione televisiva di viaggi, mi sono informata et voilà... viaggio organizzato! Gand, o...

Diari di viaggio

Tre giorni nelle Fiandre a dicembre

In questo periodo dell’anno è possibile trovare brutto tempo in gran parte dell’Europa e quindi abbiamo optato per un paese che è...

Diari di viaggio

Tour dei mercatini di Natale in Belgio

Dopo la solita accuratissima indagine di mercato, questa estate io e Giò decidiamo di bloccare un volo Ryanair da Napoli direzione...

Diari di viaggio

Bruges, Gand, Anversa & Bruxelles

Lunedì 29 luglio 2019 Per due torinesi come noi poter partire dal “nostro” aeroporto di Torino Caselle è veramente una gran...

Diari di viaggio

Tour del Belgio tra Bruxelles e le Fiandre

Arrivati ad inizio luglio senza una meta precisa per le nostre vacanze ma con la voglia di visitare nuovamente un paese europeo,...

Diari di viaggio

Toccata e fuga in Belgio, tra Bruxelles, Gand e Bruges

Giorno 1: Arrivati all'aeroporto di Charleroi con 3 ore di ritardo (causa maltempo), appena fuori dall'aeroporto prendiamo il Brussels...

Diari di viaggio
Gent

A zonzo per il Belgio ed il Lussemburgo

Dopo avere visitato gran parte del mondo decidiamo, con mia moglie, di dedicare un po' del nostro tempo a quel resto di Europa che ancora...

Diari di viaggio
I amsterdam

Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

Anche quest'anno, come ormai da tradizione, ci tocca scegliere una grande città europea per la gita di primavera/estate. E finalmente,...

Diari di viaggio
10 ottimi motivi per visitare Bruxelles

Weekend invernale a Bruxelles

Nonostante gli impegni di lavoro, abbiamo voglia di una vacanza, così troviamo un’ottima offerta per la capitale belga, grazie ad...