Alla scoperta del Montenegro… dal mare alle montagne

Due settimane percorrendolo in lungo e in largo, in auto, in coppia. Pro e contro di questo paese così vicino ma anche così diverso dal nostro
Partenza il: 04/08/2016
Ritorno il: 19/08/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Avendo un budget non particolarmente alto, in Agosto 2016 abbiamo deciso di andare in vacanza in Montenegro, alternando giorni al mare ad altri in montagna. Tirando le somme, quest’area dei Balcani ci ha piacevolmente stupito sotto certi aspetti ma un po’ deluso per altri.

Iniziamo dai lati negativi riscontrati, per poi dedicarci unicamente alle esperienze soddisfacenti. Per cominciare, se state valutando di andare in Montenegro e passare del tempo al mare (specialmente se in Luglio o in Agosto), io vi consiglierei vivamente di cambiare meta! Il Montenegro ha una lunga costa che confina a Nord con la Croazia e a Sud con l’Albania: di tutte le località di villeggiatura che si susseguono, ci è sembrato che solo un paio fossero degne di nota. Il mare e le spiagge che possono reggere il confronto con quelle dell’Italia meridionale si contano sulle dita di una mano: per il resto sono peggio delle nostre romagnole o venete. A Sud (da Bar in giù) si trovano spiagge e mare uguali a Rimini ma peggio attrezzate. A Nord, lungo le belle Bocche di Cattaro, le spiagge sono quasi inesistenti e le rare piattaforme di cemento a bordo del mare sono prese d’assalto. L’eccessivo affollamento delle località balneari è un problema diffuso un po’ ovunque in Luglio e Agosto in Montenegro, con picchi che sfiorano l’invivibilità. In alcune spiagge piccole e carine si recano ogni giorno così tante famiglie (quasi tutte con tanti bambini) da non riuscire nemmeno a trovare lo spazio per stendere un asciugamano. E se pensate di trovare scampo dalla folla in acqua, vi accorgerete presto che i primi 100 mt dalla spiaggia sono delimitate da boe oltre le quali non si può nuotare poiché regno delle numerose moto d’acqua che sfrecciano e rombano da mattina a sera. I fiumi umani (per lo più di gente locale, russi, serbi e albanesi), che inondano le spiagge di giorno, di sera si trasferiscono sul lungomare o nelle stradine principali dei paesi. La scelta è tra seguire con piccoli passi il lento procedere della folla fra negozietti e ristoranti, oppure risalire la corrente come un salmone. A questo va aggiunto che in tutta la costa Montenegrina si mangia medio-male e c’è poca varietà (zuppa, insalata, cevapi e hamburger con patate fritte sono una costante). Per noi Italiani abituati alla buona cucina, non è facile sentirsi appagati nemmeno nei ristoranti più votati.

Sia chiaro che i luoghi degni di nota ci sono anche in Montenegro ma, tornando indietro, vi dedicherei meno giorni e opterei invece per qualche giorno di mare veramente bello in Croazia.

Detto questo, passiamo agli aspetti positivi del nostro viaggio e al racconto di cosa abbiamo visto e come.

BARI-BAR

Per raggiungere il Montenegro, abbiamo optato per la traversata notturna della Montenegro Lines, con il traghetto Sveti Stefan II. Abbiamo preso una cabina da 2 con bagno andata e ritorno, più l’automobile, e abbiamo speso 450€ prenotando con largo anticipo su Directferries.com. La nave è vecchiotta e malandata. Molta gente ha passato la notte dormendo lungo i corridoi (nel caso, portatevi un materassino morbido e un piccolo cuscino) ma noi abbiamo preferito un minimo di comodità e privacy in più. Le cabine sono molto semplici ma per una notte vanno bene: ci sono anche lenzuola, cuscino e un asciugamano. Il bagno non è certo il massimo, ma ci si accontenta. Il vero problema della Montenegro Lines sono i costanti ritardi (almeno un paio d’ore è la norma) e le lunghissime attese. Ci vuole più di un’ora per fare il check-in, poi ti lasciano ad aspettare l’imbarco incolonnati in auto per altre 2 ore. E invece che attraccare a destinazione alle 7 di mattina, prima delle 9/9:30 non si raggiunge la terra ferma. Portatevi anche qualcosa da magiare perché c’è solo un ristorante poco fornito a bordo e non accettano carte di credito.

Guarda la gallery
Rijeka Crnovica

Rijeka Crnovica

Affluente del lago Skadar

Affluente del lago Skadar

Sveti Stefan

Sveti Stefan

Perast

Perast

Petrovac

Petrovac

Kotor

Kotor

Crno Jezero

Crno Jezero

Perast

Perast

Bocche di Cattaro

Bocche di Cattaro

Crno Jezero

Crno Jezero

Manastir Ostrog

Manastir Ostrog



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Villaggio di Nosy Komba

Villaggio di Nosy Komba

Villaggio di Nosy Komba in Madagascar

Scuola in Madagascar

Scuola in Madagascar

Scuola in Madagascar

Vita da villaggio in Madagascar

Vita da villaggio in Madagascar

Vita da villaggio in Madagascar

Leggi i Diari di viaggio su Balcani
Diari di viaggio
Mini tour dei Balcani

Mini tour dei Balcani

Il viaggio è cominciato con un volo Bologna – Podgorica della Ryanair, che offriva un buon prezzo nonostante la prenotazione solo un...

Diari di viaggio
Albania in Vespa... verso le Meteore

Albania in Vespa… verso le Meteore

Dopo tre ore di guida sulla statale Adriatica, arrivo sulla circonvallazione di Ancona a bordo della mia vecchia Vespa PX, che sta...

Diari di viaggio
Tappa in Kosovo: la giovane Pristina

Tappa in Kosovo: la giovane Pristina

missionaria. La nazione albanese, l’unica in Europa ad essere in larga maggioranza di tradizione musulmana, è presente in vari Paesi...

Diari di viaggio
Il viaggio continua attraverso Montenegro e Kosovo

Il viaggio continua attraverso Montenegro e Kosovo

fa parte anche della Lista del Patrimonio Mondiale in Pericolo a causa delle condizioni instabili nell’AP Kosovo e Metohija. È un luogo...

Diari di viaggio
Tappa in Serbia, da Belgrado a Novi Pazar

Tappa in Serbia, da Belgrado a Novi Pazar

culturale di questa zona che passa anche attraverso aspetti 'minori' dell'intera valle del fiume Ibar" - il cibo o gli abiti tradizionali,...

Diari di viaggio
Attraverso la Serbia verso Belgrado

Attraverso la Serbia verso Belgrado

forma un delta che si unisce al Mar Nero, dopo la bellezza di 2.850 km. Dopo aver ammirato il confluire dei due fiumi riparto ,più mi...

Diari di viaggio
Da Sarajevo a Srebrenica,

Da Sarajevo a Srebrenica, “City of Hope”

Memoria. Una rinascita conquistata fianco a fianco da chi vive qui, non importa se di etnia o religione diversa, che da vita a progetti...

Diari di viaggio
Alla scoperta della Serbia, oltre Belgrado!

Alla scoperta della Serbia, oltre Belgrado!

giardino zen e una trattoria tirolese, un po’ Osho e un po’ Heidi, ma in salsa Balcanica! Notizie utili La cucina tipica serba è...

Diari di viaggio
Sofia, capitale dai mille volti

Sofia, capitale dai mille volti

La periferia è cupa, grigia, e desolante Appena ci arrivi, vorresti già scappare. Il tragitto dall'aeroporto al centro città non è...

Diari di viaggio
Viaggio nella Terra delle Aquile

Viaggio nella Terra delle Aquile

Non è la destinazione, ma il viaggio che conta. Questo aforisma, spesso abusato, sposa perfettamente la mia ultima esperienza...