Alla scoperta del Marocco

Sabato 19 marzo dopo un risveglio traumatico per le poche ore dormite, e il ritardo perenne che ci accompagna, alle 9:30 …… non proprio spaccate ( non è sempre colpa nostra il ritardo !!! ) sedute su un quasi comodo autobus partiamo da Granada con destino Algesiras. Il viaggio ( 4 ore e mezza ) purtroppo è breve visto che ero calata in un...
Scritto da: sisona
alla scoperta del marocco
Partenza il: 19/03/2005
Ritorno il: 25/03/2005
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 500 €

Sabato 19 marzo dopo un risveglio traumatico per le poche ore dormite, e il ritardo perenne che ci accompagna, alle 9:30 … non proprio spaccate ( non è sempre colpa nostra il ritardo !!! ) sedute su un quasi comodo autobus partiamo da Granada con destino Algesiras.

Il viaggio ( 4 ore e mezza ) purtroppo è breve visto che ero calata in un profondo sonno riparatore della nottata … un po spaesate ci dirigiamo a fare i biglietti del traghetto che ci porterà nella tanto amata e sospirata Africa ( quanto meno da parte mia ).

Alle 14 …Se non ricordo male …Ci imbarchiamo …Praticamente una nave da crociera …Io che mi aspettavo una cosa come il ferry che collega Shelly beach con Mombasa city … ho subito pensato di aver sbagliato nave …

Tempo 35 minuti e arriviamo a Ceuta, enclave spagnola in terra africana, dopo aver cercato per circa 20 minuti il famoso autobus numero 7 abbiamo optato per un comodo e economico taxi che ci ha portate sino alla frontiera.

La frontiera …Come spiegarla ??? … Una gabbia di ferro, con corridoi di ferro in cui bisogna passare, in cui sta entrando una mandria di marocchini con ogni roba in mano, sulle spalle, anche dei frigoriferi ..O forse erano lavatrici … ( Ceuta è porto franco e come in qualsiasi posto del mondo e in particolar modo un posto di frontiera esiste un mercato nero nel quale i marocchini fanno rifornimento di tutto ciò che possono ) … Finito il tunnel di ferro ci sono due direzioni che si possono seguire … Arrampicarsi su per una collina o passare la dogana … Ovviamente i marocchini seguono la strada sterrata sulla collina mentre noi dovevamo dirigersi verso la dogana …Ma dopo aver letto la guida che farebbe diventare timorosi gli stessi criminali marocchini se la leggessero … non davamo retta a nessuno, non ascoltavamo nessuno e non rivolgevamo parola a nessuno … e seguivamo la massa …Per fortuna non ci hanno sparato addosso dopo che per 5 minuti ci gridavano di andare dall’altra parte, di passare per la dogana.

La dogana … una coda di 3 ore per ottenere un timbro, ad un certo punto un responsabile è uscito e per sveltire le cose ha ritirato in blocco una 30ina di passaporti ed è sparito dentro un corridoio ( mi ha riportato al primo scalo al Cairo con Sr.Rita … ) … ovviamente il mio è stato uno degli ultimi ad essere pronto e incominciò anche a piovigginare !!!!! Ottenuto il timbro e cambiati i soldi ci dirigiamo verso il cancello, dopo circa 400 mt mettiamo piede in terra marocchina, a sinistra c’è il mare, a destra c’è una montagna molto brulla con una strada sbarrata e nel piazzale ci sono una 50ina di taxi blue, i taxi collettivi marocchini, tanto per intenderci una specie di matatu kenioti … sono tutti li che ci aspettano, sono tutti li che si offrono per portarci dove vogliamo o meglio dove loro fanno credere che noi vogliamo … un caos che mette un po in crisi le mie compagne di viaggio … a chi non sarebbe successo lo stesso ???? Si le mie compagne di viaggio perché in Marocco ci siamo andate solo in tre ragazze, nessun uomo al seguito, lo ammetto prima di partire ci sono stati mille dubbi, mille perplessità, mille paure … si va in un paese sconosciuto, un paese non tropo sicuro per la donna, un paese mussulmano … ma si va, si va perché non si può non approfittare di questa settimana di vacanza e la vicinanza del paese …Non si può, dobbiamo partire, e poi basta viaggiare con la testa …No non vuol dire farsi un viaggio con la droga marocchina … Vuol dire viaggiare in maniera responsabile !!!! ( U signur siete sempre i soliti mal pensanti !!! ) Prima tappa Tetouan, …Bha …Sarà stato il tempo, pioveva, la diffidenza che la guida ci aveva fatto crescere nel profondo delle viscere … E anche la chiacchierata con Marco il giorno prima …L’assenza di turisti … non è stata una bella esperienza, c’era poco da vedere, nella medina non ci siamo neanche addentrate, purtroppo, molto guardinghe abbiamo fatto un giretto molto veloce, abbiamo bevuto un tea con un dolcetto ( una tortina di pasta sfoglia ripiena di pistacchi,sesamo, zucchero e pollo !!!), comprato 4 cartoline, fatto 2 foto, aspettato Giulietta che faceva una chiamata e subito in albergo … Un alberghetto senza troppo pretese, molto economico, con il bagno in camera annessa anche una puzza micidiale … Uno dei migliori per quanto riguarda la pulizia soprattutto delle lenzuola … (comunque la federa me lo porto sempre da casina mia !!! esperienza insegna !!!!) Tuttavia non è stata una esperienza traumatica, non c’è successo niente , non ci hanno molestato troppo, si sguardi, molti sguardi … Confesso che nel paesino sui monti kenioti mi sono sentita addosso più occhi che in questa situazione … a parole non andavano oltre al “hola” , “ how are you?” … il grande vero rischio del marocco e in modo particolare di Tetouan sono i ladri, gli imbroglioni, un nostro amico 4 giorni prima di noi era stato vittima di un raggiro, il trucco è nel non chiedere informazioni, nel non attirare l’attenzione su di te dando l’idea di essere spaesato e senza una meta …Quindi mai guardare la cartina …E se qualcuno ti offre il suo aiuto e comincia ad accompagnarti non limitandosi a darti informazioni verbali allora bisogna fare in modo di “liberarsi” di quell’individuo che sicuramente alla fine se ti va bene ti chiederà una ricompensa per il servizio, alla mal e peggio ti porterà in un vicolo chiuso ti picchierà e ti deruberà … credo capiti al 2% di tutti i turisti del mondo … questi sono mezzi preventivi che bisogna adottare in qualsiasi posto del mondo, a Nairobi per me era lo stesso !!! … Non per essere razzista, che non me ne volgiano a male i tirati in causa, ma io a Napoli avrei lo stesso atteggiamento !!! Tuttavia questa situazione di mal fidenza generale ci ha portato alla non conoscenza dei locali , dei loro pensieri, delle loro opinioni su un po i problemi che ci sono in ogni angolo del pianeta.



    Commenti

    Lascia un commento

    Fès: leggi gli altri diari di viaggio