All’avventura in Etiopia

Siamo stati in Etiopia nell'autunno scorso, il viaggio è stato come al solito nel miglior spirito "Lonely Planet" e quindi solo biglietto aereo e poi totale improvvisazione. VIAGGIO Ho viaggiato con la Lufthansa e pertanto via Francoforte e devo dire che tutto è andato perfettamente e la spesa è stata di circa 900€, un po' caro ma essendo...
 
Partenza il: 23/10/2006
Ritorno il: 06/11/2006
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Siamo stati in Etiopia nell’autunno scorso, il viaggio è stato come al solito nel miglior spirito “Lonely Planet” e quindi solo biglietto aereo e poi totale improvvisazione.

VIAGGIO Ho viaggiato con la Lufthansa e pertanto via Francoforte e devo dire che tutto è andato perfettamente e la spesa è stata di circa 900€, un po’ caro ma essendo una meta poco turistica è piuttosto normale pagare un po’ di più nonostante il periodo di bassa stagione.

TRASPORTI INTERNI Nelle città il mezzo migliore per muoversi è sicuramente il taxi, sono molto economici e numerosissimi, una buona alternativa, ma solo ad Addis Abeba e a Bahar Dar, sono i minibus blu, è impossibile non trovarli.

Voglio segnalarvi, riguardo ad Addis Abeba, il nome di un tassista: Degene, il cellulare è 0911/671446, è veramente una persona straordinaria, per favore segnalatelo! Durante i giorni che ho trascorso nella capitale è stato un perfetto compagno di viaggio e pure un’ottima guida. Per quanto riguarda i trasporti più lunghi, la situazione è molto critica. Quando dovevo prendere l’aereo da Addis a Lalibela solo al quarto tentativo mi è andata bene! I motivi sono i più disparati: uno perchè sono arrivato tardi in aereoporto per colpa del traffico, il secondo perchè l’aereo era pieno e il terzo perchè ero l’unico passeggero!!! Comunque a parte questi problemi la Ethiopian Airlines è un’ottima compagnia.

Se dovesse capitare una cosa del genere la cosa migliore è mettersi l’animo in pace e farsi un giro per la città e godersi la vacanza! Da Lalibela a Bahar Dar abbiamo preso un autobus e lo sconsiglio a chiunque. E’ stato estremamente pericoloso, gli autobus sono vecchissimi e le strade sono in alta montagna e senza guard rail. Prima siamo rimasti senza benzina e abbiamo dovuto aspettare 4 ore, poi siamo rimasti impantanati nel fango, poi siamo usciti di strada (fortunatamente e per davvero in una zona pianeggiante), poi abbiamo proseguito con un camion assieme a 2 uomini e 2 donne dal belgio, ma ci hanno lasciati in un paesino a 10 km da Bahar Dar… Da li abbiamo proseguito con una macchina che ovviamente si è rotta dopo 5 minuti e siamo stati molto fortunati, essendo quasi notte, a trovare un ultimo passaggio. Circa 200 km in 18 ore!! Ma sani e salvi e col senno di poi è stata una gran bella avventura!

PERNOTTAMENTO Ad Addis sono stato una notte al Bole International Hotel, i prezzi sono sostanzialmente quelli indicati da voi, ma purtroppo non funzionava la luce. Nel complesso per chi ha un aereo la mattina presto è una buona soluzione.

Al ritorno ho passato 1 notte al Wutma Hotel, e devo sconsigliarlo assolutamente: è pieno di gente che gravita li tutto il giorno e cerca in modo molto invadente di proporvi qualcosa da fare. Visto il normale atteggiamento degli etiopici era tutto molto strano e seccante.

La notte successiva sono stato al Baro Hotel, sicuramente molto spartano, ma per i veri viaggiatori è come una manna dal cielo: fantastico! Ho persino ritrovato tutti quelli che avevo incontrato nel nord, compresi i belgi! Ci sono dei tavolini all’esterno dove ci si ritrova per raccontarsi le proprie esperienze nel paese e anche per disegnare i prossimi itinerari, con tanto di mappe e torce per illuminarle, il tutto accomapgnato da fiumi di birra locale e dagli stessi gestori che rimangono fino a tardi a chiaccherare con gli ospiti. Il padrone mi ha addirittura prestato il suo cellulare per un giorno per farmi chiamare la mia ragazza visto che il mio non funzionava più. Veramente uno splendido albergo.

A Lalibela siamo stati prima al Seven Olives Hotel, camere piccole ma tutto sommato accoglienti e piuttosto pulite. Anche qua c’è una buona atmosfera soprattutto all’aperitivo e durante la cena. La terrazza è meravigliosa e sui prezzi basta contrattare se proprio necessario.

Poi siamo stati Blue Lal Hotel, anche qua ci siamo trovati bene, anche se manca del fascino del Seven Olives.

A Bahar Dar siamo stati al Ghion Hotel, molto bello specialmente durante le giornate di sole per via dello splendido giardino in cui è inserito.

PASTI -Addis Abeba Finfine Adarash: buono, accogliente e ottimo rapporto qualità-prezzo.

Dashen Restaurant: sicuramente buono, ma la cosa migliore è l’atmosfera che si respira. Il difficile è raggiungerlo, non è molto conosciuto dai tassisti e lungo la via è assolutamente anonimo, ma in alto sulla destra di un portoncino bianco c’è una piccola insegna. Non è aperto per la colazione e il pranzo si serve a partire dalle 11.

Addis Abeba Restaurant: buono ma niente di eccezzionale, merita tuttavia una visita se si vuole gustare un buon tej nella saletta fumatori vicino all’entrata.

Habesha Restaurant: molto buono e soprattutto gestito da simpaticissime signore.

-LALIBELA Blue Lal Hotel: si può anche mangiare qualcosa, ma non è niente di particolare.

Seven Olives Hotel: ottimo a cena, colazione e aperitivo.

UNIQUE RESTAURANT: èveramente difficile da notare. Si trova nella stessa strada dell’Asheton Hotel un po’ prima e sulla sinistra, sembra una bettola ma in realtà è veramente buono.

-BAHAR DAR Ghion Hotel: buono e comodo se soggiornate li e siete esausti dopo un viaggio indimenticabile! Eskutatash 2: Molto vicino al Ghion Hotel, ma dall’altra parte della strada, ottimo e il personale è gentile e alla mano.

COSA VEDERE E FARE Ad Addis Abeba sicuramente da visitare il Museo Nazionale dove è tenuta Lucy e molte altre testimonianze di come il Corno d’Africa sia la reale culla dell’umanità.

Il Museo Etnografico, la Cattedrale e il Merkato, di sabato, sono sicuramente da non perdere. Buona cosa visto che siamo italiani è anche lasciare un fiore nel cimitero della Resistenza etiopica ai Caduti durante l’aggressione fascista.

A Lalibela è superfluo dire che le chiese rupestri sono assolutamente da visitare, tuttavia vederle tutte e 11, se non siete appassionati, è forse eccessivo e stancante. Se si va di buon mattino alla Chiesa del Salvatore, dopo aver pagato il biglietto di 20 euro (!!!) troverete un arzillo vecchietto di 85 anni che vi guiderà in italiano, sarà sorprendente, ma fa più fatica un turista di 25 anni che quel signore ad arrampicarsi su e giù e a camminare a gattoni per i cunicoli scavati nella roccia. Ad ogni modo le chiese lasciano senza fiato.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Addis Abeba
    Diari di viaggio
    etiopia, crocevia dei popoli

    Etiopia, crocevia dei popoli

    Per gli Egizi, l’Etiopia era la “terra degli dei”, perché qui trovavano profumi come l’incenso, la mirra e tesori preziosi come...

    Diari di viaggio
    dancalia, un luogo da rispettare

    Dancalia, un luogo da rispettare

    Visitare la Dancalia era un sogno. Purtroppo l'ho realizzato con ritardo. Da almeno due anni la lava del vulcano Erta Ale è sparita...

    Diari di viaggio
    da nord a sud per 6.000 km lungo le strade dell'ethiopia

    Da nord a sud per 6.000 km lungo le strade dell’Ethiopia

    La scelta della meta di quest’anno è stata abbastanza elaborata, abbiamo già viaggiato per molti paesi, tanti sono anche quelli che...

    Diari di viaggio
    in etiopia sulle orme della regina di saba e dell’arca dell’alleanza

    In Etiopia sulle orme della Regina di Saba e dell’Arca dell’Alleanza

    Giovedì 25 settembre 2014 Arriviamo a Malpensa alle 18.15, tre ore prima del volo Ethiopian Airlines per Addis Abeba. Il volo fa scalo a...

    Diari di viaggio
    in etiopia per visitare la valle dell'omo

    In Etiopia per visitare la Valle dell’Omo

    12 GENNAIO 2017 Questo viaggio è nato un po' per caso: dove possiamo andare per 10 giorni in gennaio? Tramite il sito skyscanner dei...

    Diari di viaggio
    etiopia: la rotta storica e la festa del timkat

    Etiopia: la rotta storica e la festa del Timkat

    Storia, antiche leggende e tradizioni secolari, l’atmosfera religiosa della festa del Timkat, paesaggi suggestivi e sconfinati, un popolo...

    Diari di viaggio
    emozioni in togo

    Emozioni in Togo

    Solo ora, dopo quasi tre mesi dal mio rientro, decido di scrivere qualche riga del viaggio che più mi ha entusiasmato, emozionato e allo...

    Diari di viaggio
    viaggio in etiopia

    Viaggio in Etiopia

    Pungolato dall’articolo di una rivista, che illustra i festeggiamenti che si svolgono a Gondar in occasione della ricorrenza del Timkat,...

    Diari di viaggio
    etiopia zaino in spalla

    Etiopia zaino in spalla

    Dopo aver visto un documentario sui babbuini Gelada, mi son documentato meglio sull'Etiopia e dopo due mesi son partito con lo zaino. Tolto...

    Diari di viaggio
    la danza del fuoco

    La danza del fuoco

    La Dancalia non è un posto per tutti e per andarci non basta avere un forte spirito di adattamento, bisogna andare oltre. Le condizioni...