ALAGNA VALSESIA e la cultura Walser

ALAGNA VALSESIA E LA CULTURA WALSER Partenza: 23 luglio 2007 Rientro: 28 luglio 2007 Percorsi: Km. 449Dal contenuto del pieghevole distribuito presso il museo Walser di Alagna (frazione Pedemonte): BREVE STORIA DELL’INSEDIAMENTO WALSER A SUD DEL MONTE ROSA In epoca medioevale si produssero in Europa spostamenti di...
 
Partenza il: 23/07/2007
Ritorno il: 28/07/2007
Viaggiatori: in coppia

ALAGNA VALSESIA E LA CULTURA WALSER Partenza: 23 luglio 2007 Rientro: 28 luglio 2007 Percorsi: Km. 449

Dal contenuto del pieghevole distribuito presso il museo Walser di Alagna (frazione Pedemonte): BREVE STORIA DELL’INSEDIAMENTO WALSER A SUD DEL MONTE ROSA In epoca medioevale si produssero in Europa spostamenti di popolazioni sotto la spinta di un notevole incremento demografico. La conquista di nuove terre da coltivare, unitamente alla garanzia di possedere un proprio fondo, fu alla base di questo flusso migratorio: l’allargamento dei diritti civili diede la possibilità a gruppi di coloni di passare da una condizione di asservimento alla gleba, retaggio del mondo feudale, ad una nuova condizione di libertà e autonomia.

In questo quadro di rinato interesse per l’agricoltura, con libertà di decidere e programmare il miglior utilizzo del proprio territorio, va inserita anche la migrazione dei “Walser”, popolo di lingua alemanna, che già prima del X secolo si era stabilito nell’alto Vallese (da cui probabilmente trasse il nome). La loro colonizzazione avvenne in concomitanza al profondo rivolgimento durante il quale i Valsesiani riuscirono a liberarsi dalla tirannia dei Conti di Biandrate, svincolandosi così dagli ultimi legami col sistema feudale; furono gli stessi signori che avevano in feudo gli altri territori a promuovere lo sfruttamento dei pascoli di alta quota, affidandolo a questo popolo di lavoratori della terra, che per primo riuscì a sopravvivere con le sole risorse della montagna. Dal primitivo stanziamento, il gruppo etnico si mosse in direzione del versante italiano delle Alpi, dela zona dei Grigioni, del Liechtenstein, del Voralberg e del Tirolo. Quando le testate delle valli di queste aree furono stabilmente occupate dai Walser, cessarono anche le continue scorrerie da parte dei predoni della Valle Anzasca, soliti a razziare le greggi, soprattutto in alta Val Grande e nella vale di Gressoney.

All’inizio del XIII secolo risalgono i primi insediamenti Walser oltre i confini del Vallese; in quest’epoca furono fondate, tra le altre, le colonie di Gressoney in Valle d’Aosta, di Rimella, Rima e Alagna in Valsesia, di Macugnaga in Val d’Ossola. L’occupazione avvenne in modo graduale e poco avvertibile, anche per il ato che i nuovi venuti non instaurarono subito rapporti di scambio con la popolazione locale.

All’inizio essi si rifornivano direttamente dal Vallese per i generi di prima necessità, acquistando via via sempre maggiore autosufficienza, fino ad approvvigionarsi al mercato locale, scambiando i prodotti della loro economia.

Le comunità composte da pastori, si organizzarono in casolari sparsi sulla montagna, trasformando i boschi in pascoli produttivi, dissodando e coltivando i terreni fino sui versanti più alti, costruendo acquedotti per il recupero delle acque del disgelo, perfezionando tecniche e strumenti di lavoro fino allora sconosciuti, diffondendoli di valle in valle e tramandandoli di padre in figlio. Da questa economia, fondata sul duro lavoro della terra, i Walser trassero nuove ragioni di libertà personale e di autonomia comunitaria – un benessere non comune, inusitato per i contadini del tempo – uomini affrancati dalle imposte e dal peso della servitù: ne sono uno specchio fedele gli statuti di quelle antiche comunità di “Freie Walser” (Liberi Walser), come furono chiamati già nel XIV secolo).

Straordinaria è l’architettura delle loro case, predominante è l’uso del legno, come in tute le regioni boscose, ma a differenza che altrove, le abitazioni sono tutte contornate da un loggiato di notevole ampiezza, che conferisce all’insieme un’estrema eleganza: l’equilibrio delle forme e l’originalità delle soluzioni richiama, più che l’opera di pastori montanari, quella di sapienti costruttori. Molti discendenti degli antichi coloni, infatti emigrando dalla Valsesia in tutta Europa, diventarono famosi come architetti di chiese ed edifici civili, pittori e scultori in legno.

Le donne, da parte loro, durante le pause dei lavori di campagna, impegnate nella tessitura e nel ricamo, seppero produrre opere raffinatissime, come mostra la ricchezza dei costumi femminili.

Fra le testimonianze ancora vive della loro civiltà è rimasta la lingua, un tedesco arcaico che quasi ovunque ha resistito, nell’isolamento delle montagne, ad ogni influenza delle parlate circostanti e all’evoluzione del tedesco moderno.

Nel museo Walser di Alagna si può ammirare una grande varietà di oggetti del loro artigianato, frutto di una sorprendente arte popolare: ogni manufatto ha dietro di sé secoli di storia ed è la testimonianza preziosa dell’epoca in cui fu realizzato.

Lunedì 23 luglio (Santena – Alagna Valsesia) Dopo una settimana di sosta rieccoci in cammino per trascorrere qualche giorno in montagna. Questa volta abbiamo scelto come meta la Val Sesia ai piedi del massiccio del Monte Rosa, zona che non abbiamo ancora avuto modo di conoscere.

Alle 9 siamo partiti da casa per raggiungere Alagna Val Sesia centro turistico e di villeggiatura estiva ed invernale situata a 1.200 metri di altezza s.L.M. Dopo poco più di tre ore, percorrendo autostrada fino a Romagnano Sesia e poi una bella strada comoda siamo giunti a destinazione e ci siamo agevolmente sistemati nel campeggio “ALAGNA” situato proprio all’ingresso della piccola cittadina e a pochi minuti dal centro.

Questa volta abbiamo scelto la sistemazione in campeggio perché sarebbe nostra intenzione effettuare alcune escursioni nei dintorni di Alagna che ci costringeranno a lasciare il camper anche per delle mezze giornate, per cui ci sentiamo più tranquilli se la nostra casa viaggiante è in un luogo protetto e custodito.

Purtroppo il tempo non è dei migliori e grossi nuvoloni neri consigliano di non allontanarsi troppo. Per questa sera è prevista pioggia e poi nuovamente bel tempo. Così dopo pranzo, come nostra consuetudine, siamo partiti per un giro di perlustrazione del paese e per assumere alcune informazioni circa le possibili escursioni da effettuare. All’Ufficio del turismo abbiamo trovato gentilezza ed un sacco di materiale come anche alla stazione della cabinovia. Alcune gocce di pioggia ci hanno poi indotto a far ritorno al camper dove abbiamo visionato il materiale raccolto e stilato un piccolo programma. Ora speriamo veramente che la perturbazione sia realmente passeggera perché posti da vedere ce ne sono molti soprattutto quelli ove è possibile ancora vedere villaggi Walser originali, di cui questa zona è molto ricca.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...