Ai piedi della Regina delle Dolomiti, la Marmolada

Trekking di 4 giorni, nelle bellissime Dolomiti, con un saluto finale a lei, la maestosa Marmolada
 
Partenza il: 23/07/2015
Ritorno il: 26/07/2015
Viaggiatori: 5
Spesa: 500 €

Un breve trekking di 4 giorni, nelle bellissime Dolomiti, con un saluto finale a lei, la maestosa Marmolada. Il nostro itinerario ha toccato tre rifugi diversi: il rifugio Fuciade, il rifugio Contrin e Malga Ciapela.

1°giorno

Il primo giorno, siamo partiti alla mattina presto da Padova, e ci siamo diretti a Malga Ciapela dove abbiamo lasciato lì la macchina, per poi ritrovarla alla fine del nostro trekking. Da Malga Ciapela, abbiamo preso l’autobus alle 11.38 e dopo un’oretta siamo arrivati a Falcade, e da lì è iniziata la nostra avventura (nel sito www.marmolada.com trovate gli orari degli autobus – costo del biglietto 5,00€). La passeggiata da Falcade fino alla conca di Fuciade inizia dalla piccola chiesetta di S.Romedio, e il sentiero da seguire è il 694. Il percorso è abbastanza facile, una stradina forestale, particolamente pianeggiante con qualche leggera salita. Si segue integralmente la stradina e si arriva alla Baita Flora Alpina, che si trova nella località Valfredda. Da qui un’altra oretta, con una passeggiata sempre molto semplice si arriva al rifugio Fuciade (1982m).

Il rifugio è una piccola perla del paesaggio dolomitico, è incastonato in una conca naturale ed è maestosamente sovrastata del Cima dell’Uomo. Nel rifugio sono presenti 7 stanze, ma noi abbiamo alloggiato nella baita a 10 minuti a piedi dal rifugio. La baita è qualcosa di unico e magico, si trova ai piedi delle montagne, in mezzo al nulla. Durante la 1°guerra mondiale, era una postazione di primo pronto soccorso, ovviamente ristrutturato da allora, ma molto suggestiva l’idea di dormire in un posto che ha fatto parte della nostra storia. Intorno a noi regnava il silenzio, interrotto solamente ogni tanto delle urla delle simpatiche marmotte. Al rifugio abbiamo sia cenato che fatto colazione e devo dire che era tutto divinamente squisito. www.fuciade.it mezza pensione + pernottamento 75,00€

Difficoltà percorso : facile

Tempo: 3/4 ore

Rifugio Fuciade: voto 10 e lode, è davvero fantastico

2°giorno

Dopo aver fatto un’abbondante colazione, ci siamo messi subito in cammino, per raggiungere il prossimo rifugio, il sentiero da seguire è il 607 passo Cirelle.

La prima parte della camminata è particolarmente facile, tutta in salita e si arriva a metà della montagna, dove pochi giorni fa è stata messa una targa in onore del centenario dalla 1°guerra mondiale. Da lì si può ammirare un fantastico panorama, sulla vallata del rifugio Fuciade e vedere in lontanza le Pale di San Martino, in più se si stà molto attenti, si possono trovare le stella alpine.

Da lì all’ulitmo tratto di salita, il percorso diventa davvero molto difficile, perchè è un ghiaione, e a tratti il sentiero era sparito, causa delle forti piogge dei giorni precedenti, e c’erano sassi ovunque, quindi bisogna stare davvero molto attenti. Durante la salita si possono vedere alcuni residuati bellici della Grande Guerra, come filo spinato e scatolame vario. Una volta arrivati su al passo Cirelle posto tra la Punta omonima e la Punta Cigolè, si può trovare addiritura un piccolo ghiacciaio. Al passo (2686 m), compare verso nord-est la rocciosa ed inconfondibile parete sud della Marmolada ed un panorama spettacolare sulle più vicine Cima Ombretta e Sasso Vernale mentre a sud-ovest la vista è interrotta dalla Cima dell’Uomo.

Si prosegue sempre per il sentiero 607, e con una discesa abbastanza facile più o meno di un’ora e mezza si arriva al rifugio Contrin. Noi lungo il percorso, abbiamo trovato una famiglia di stambecchi con i cuccioli, davvero una emozione unica.

Il rifugio Contrin (2016m), situato nella Cima omonima “Val Contrin” a Canazei, si trova ai piedi del Gruppo della Marmolada, con diverse vette di oltre 3000m che spiccano al suo cospetto, tra queste il Gran Vernel, Piccolo Vernel, Cima Ombretta e Cima dell’Uomo. Il suo panorama spazia a 360° sui gruppi della Marmolada e Sassolungo, facenti parte anche loro del Patrimonio dell’Unesco.

Il rifugio offre anche il pernottamento sia con camere private con lenzuoli, sia in camerate. Noi abbiamo preferito una camera da 6 persone con lenzuola (www.rifugiocontrin.it) mezza pensione + pernottamento 60,00€.

Difficoltà percorso: medio facile, tranne il ghiaione che è davvero difficile, secondo me è solo per persone allenate ed esperte, e non per bambini e anziani.

Tempo: 3/4 ore

Rifugio Contrin: voto 8

3°giorno

Alle 8.00 di mattina eravamo già pronti per partire, perchè oggi c’era la camminata più lunga da fare, più o meno 12/13 km, dal rifugio Contrin ad arrivare a Malga Ciapela, sentiero da seguire è il 606 inizialmente, poi il 610 passo Ombretta.

Lasciata alle spalle la piccolissima chiesetta, si inizia la passeggiata tra ampie praterie e pascoli, ma poco dopo il sentiero che costeggia a destra la Malga Contrin, diventa sempre più ripido e l’erba lascia spazio a rocce, ghiaia e sfasciumi. Il sentiero si alza ripidamente permenttendo di godere una straordianaria vista sulla Val Contrin e più oltre verso il Passo Nicolò e il Val Ombert. Proseguendo sempre più in alto, sembra che le pareti di Cima d’Ombretta e della Marmolada si vogliano toccare, formando una gola dove l’atmosfera tra il silenzio della montagna e i banchi di nebbia diventa molto suggestiva, quota 2704m. Una volta arrivati al Passo Ombretta, si trova il bivacco Dal Bianco e numerose postazioni militari, a sinistra si nota una trincea, e sulla destra una capanna rossa con 9 posti letto e un tavolo dove poter mangiare.

Poi da lì inizia la ripida discesa sul ghiaione, dove si raggiunge il rifugio Falier (2080m).

Una breve sosta al rifugio, dove si incontrano delle simpaticissime caprette, e poi da lì inizia una bella camminata, molto tranquilla tra verdi praterie e fitto bosco ombroso, e su un comodo sentiero si raggiunge Malga Ciapela (1450m).

Noi abbiamo pernotatto al’Hotel Garnì Roberta, che si trova esattemente ai piedi della Marmolada (www.garniroberta.com solo colazione, tra l’altro molto buona e pernottamento 40,00€)

Difficoltà percorso: medio difficile, soprattutto la discesa nel ghiaione

Tempo: 5/6 ore

Hotel Garni Roberta: voto 8



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Dolomiti
    Diari di viaggio
    itinerario della val comelico (dolomiti) in un giorno

    Itinerario della Val Comelico (Dolomiti) in un giorno

    Custodita fra le magiche cime delle Dolomiti, la Val Comelico è una vallata veneta in provincia di Belluno, all’estremo confine italiano...

    Diari di viaggio
    in giro per il trentino...

    In giro per il Trentino…

    accontentare di vederlo da lontano. Non capisco molto questa decisione di tenere chiusi i musei e i castelli di lunedì nel periodo estivo:...

    Diari di viaggio
    sei giorni sulle dolomiti con base in val badia

    Sei giorni sulle Dolomiti con base in Val Badia

    Dopo tanti anni all’estero e nell’intenzione di non cedere all’odioso ricatto del pass verde per i viaggi oltreconfine la nostra...

    Diari di viaggio
    rifugi nel cuore del catinaccio

    Rifugi nel cuore del Catinaccio

    La scelta delle vacanze in Alto Adige è stata dettata da una ragionevolissima gran voglia di spazi aperti e di poca confusione, le due...

    Diari di viaggio
    pedalando tra laghi e montagne

    Pedalando tra laghi e montagne

    PEDALANDO TRA LAGHI E MONTAGNE Dal 01 al 15.08.2020Km 864Mt dislivello 12.685Viaggio in coppia spesa totale euro 2.421,56 -...

    Diari di viaggio
    pinzolo e la val rendena

    Pinzolo e la Val Rendena

    Sono anni che frequentiamo Pinzolo e dintorni perché mio marito ha parenti qui, è sempre un piacere tornarci, e questa volta è stata...

    Diari di viaggio
    le dolomiti bellunesi, un week-end di emozioni

    Le Dolomiti Bellunesi, un week-end di emozioni

    Ci sono luoghi che non si dimenticano, posti in cui si torna sempre volentieri, paesi in cui si lascia il cuore: è così per molti di noi...

    Diari di viaggio
    val di sole: laghi, fiumi, cascate e segherie

    VAL DI SOLE: Laghi, fiumi, cascate e segherie

    Da qualche anno fuggiamo dalla calura del mese di Agosto rifugiandoci ad alta quota. Ogni volta scegliamo una zona diversa per vedere...

    Diari di viaggio
    tra palladio e canova verso i monti pallidi

    Tra Palladio e Canova verso i Monti Pallidi

    La meta è Longiarù un villaggio di poche case al termine di una amena piccola valle tra i Monti Pallidi della Val Badia. Dobbiamo...

    Diari di viaggio
    weekend tra i laghi della val pusteria

    Weekend tra i laghi della Val Pusteria

    Quando per la prima volta ci si trova di fronte alle Dolomiti, la sensazione di bellezza unita alla maestosità di questa roccia tanto...