A ovest della Thailandia

Thailandia, non solo mare... non ci farà male tutto questo relax?!
 
Partenza il: 19/03/2019
Ritorno il: 12/04/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Raccontare i nostri viaggi è oramai un appuntamento necessario, utile a noi per ricordare nel tempo le nostre avventure e speriamo utile agli altri per l’organizzazione delle vacanze senza sorprese.

Partiamo da Milano Malpensa alle ore 21.30 con volo di Oman Air per Bangkok con scalo a Muscat (872 euro A/R per due persone). Parcheggio auto al Green Parking, 65 euro per 24 giorni.

Il giorno dopo alle 17.40 arriviamo a BKK, volo ottimo, soprattutto il primo tratto fino a Muscat, aereo praticamente vuoto! In aeroporto a BKK acquistiamo solo qualche Baht, il necessario per la prima sera, perché lì il cambio è sfavorevole, meglio farlo in città, consigliamo all’ingresso della metropolitana. Prendiamo con facilità un treno (90 thb) e due metro (88 thb) e arriviamo alle 21, al Loft Hotel prenotato da casa, 1350 thb con colazione. Lasciate gli zaini in camera, tanto per entrare subito nel clima asiatico, andiamo a cena in un locale poco distante, tipico di strada con tavolini praticamente sul marciapiede e un menù di pesce vario e generalmente tra il piccante e il molto piccante. Mangiamo bene, il tutto accompagnato da ottima birra. (785 thb).

La mattina seguente sveglia alle 8, dopo un’ottima e abbondante colazione usciamo per cambiare altro denaro e acquistare una sim telefonica. Rientriamo in hotel dove prenotiamo con internet (hps.dop.go.th/reservation.php) un bungalow presso l’Erawan National Park, ci andremo tra qualche giorno ma la prenotazione agli uffici dei ranger va fatta in anticipo perché deve essere valutata e confermata dall’ufficio stesso e poi si dovrà effettuare il pagamento presso una specifica banca thailandese, cosa che faremo in seguito. A bordo di un taxi, raggiungiamo la stazione dei treni di Thomburi, arrivati sul posto abbiamo un’ora di tempo prima della partenza del nostro treno quindi decidiamo di andare a pranzo in un piccolo street food di fronte , dove prendiamo 2 ottime zuppe di noodols ( 80 thb… 2.5 Euro !!! ), è decisamente un luogo per una clientela locale, persino il gestore è stupito della nostra presenza e non sentendosi sicuro del suo inglese, per prendere la nostra ordinazione si fa aiutare da una giovane cliente. Il treno per Kanchanaburi (200 thb… prezzo per turisti) è già pronto sui binari, sembra un treno del far west, saliamo a bordo e alle 14, puntuale come un orologio svizzero, parte al suono di una campana. Siamo seduti sul lato sinistro perché i posti sono più ampi ma ci vengono dei dubbi sulla scelta quando notiamo che tutte le persone del posto si sono sedute a destra, infatti come esce dalla stazione, il lato sinistro è esposto al sole cocente. Il viaggio dura circa 2 ore e 30 min, che passano velocemente, ad ogni fermata salgono venditrici di frutta e carne fritta. Arrivati a Kanchanaburi prendiamo un tuk tuk per l’hotel (100 thb), il Good Time Resort, ottima camera e ottimo hotel con piscina, un po’ più caro della media ma lo consigliamo. Ceniamo nel ristorante dell’hotel (944 thb) dove mangiamo bene in compagnia di numerosi turisti, principalmente tedeschi e francesi, poi passeggiando tentiamo di raggiungere il famoso Ponte sul fiume Kwai ma a circa metà strada desistiamo rendendoci conto che ormai è tardi, le strade sono deserte e buie (piene di cani randagi) e la meta è ancora troppo lontana.

Nel nostro primo giorno intero a Kanchanaburi noleggiamo una moto (due giorni 600 thb), prima tappa la banca centrale per pagare la prenotazione del bungalow ad Erawan perché nel frattempo ci è arrivata la e-mail di conferma da parte della direzione del parco. Avevamo tentato di fare questa prenotazione da casa ma la procedura ci era sembrata un po’ complicata e priva di certezze. Proseguiamo in un caldo infernale sotto un sole cocente, con la visita al cimitero di guerra, al museo cittadino ed infine il famoso Ponte sul fiume Kwai, certamente bello ma è la sua storia che lo rende eccezionale. Ci uniamo a numerosi turisti e anche noi passeggiamo sui binari e scattiamo le foto di rito. Sul ponte, in gran parte costituito da travi di metallo il caldo è opprimente ma ci si rende conto che quello è un luogo speciale che vale la pena visitare, tutto attorno tanti ristoranti sul fiume e bancarelle che vendono di tutto. Nel pomeriggio rientriamo in hotel per rinfrescarci un po’ in piscina. Usciamo nuovamente in moto verso le 17 quando il caldo diventa più sopportabile e andiamo a visitare un tempio a circa 15 km dalla città. Spostarsi in moto, in tranquillità, per strade quasi prive di traffico, attraversando piccoli centri abitati con tutto attorno i colori dell’imminente tramonto è anche questo un bel momento, se poi il tempio non è quello che ci aspettavamo, pazienza… almeno si trova in cima ad una collina e questo ci offre l’occasione di ammirare un bellissimo panorama. Prima di rientrare in Hotel ritorniamo al Ponte, per poter ammiralo anche con il sopraggiungere della sera, d’altra parte è la Star del posto! Per cena decidiamo di affrontare una nuova esperienza, un luogo che avevamo notato la sera prima durante la nostra passeggiata… non è propriamente un ristorante, innanzi tutto è frequentato principalmente da persone del luogo, i pochi turisti si notano perché, un po’ spaesati, cercano di capire il funzionamento del locale aggirandosi tra i tavoli. In pratica è tutto a buffet si trova in uno spiazzo aperto, piuttosto grande, dove sono posizionati numerosi tavoli in cemento, ci si accomoda e subito una ragazza viene a posizionare due bracieri, uno sul tavolo e uno più grande a lato. A questo punto si inizia a servizi di tutto quello che è esposto al buffet in grandi tavoli o vasche in cemento: carne, pesce (anche vivo) verdure, e ognuno provvede nel suo braciere alla cottura. Al buffet vi sono mucchi di gamberi, granchi e altri crostacei a noi sconosciuti ognuno può servirsi quanto vuole, il limite è dettato unicamente dall’orario, cioè ad una determinata ora, le 22.00 tutto chiude, se si considera che ogni piatto deve essere cotto al tavolo, per abbuffarsi diventa necessario arrivare presto e darsi subito da fare! Si paga alla fine, il prezzo è unico a persona, bevande escluse (658 thb in due), è un posto veramente particolare anche se non si può dire che abbiamo mangiato bene a causa della nostra inesperienza all’uso di quei bracieri, probabilmente la prossima volta che ci andremo sarà migliore.

Guarda la gallery
bangkok-1gs7b

A OVEST DELLA THAILANDIA



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Ayuttaya
    Diari di viaggio
    a ovest della thailandia

    A ovest della Thailandia

    Raccontare i nostri viaggi è oramai un appuntamento necessario, utile a noi per ricordare nel tempo le nostre avventure e speriamo utile...

    Diari di viaggio
    amazing bangkok!

    Amazing Bangkok!

    Dieci giorni alla scoperta dell'incredibile capitale della Thailandia tra sapori, profumi, suoni e colori di una città che pur mantenendo...

    Diari di viaggio
    il nostro viaggio in thailandia del nord

    Il nostro viaggio in Thailandia del Nord

    Abbiamo trovato un volo per Pattaya con la Qatar Airways, per 500 euro a/r . Faremo 13 giorni, dal 1° al 13 ottobre. Dopo vari...

    Diari di viaggio
    tre settimane in thailandia

    Tre settimane in Thailandia

    con tutti i mezzi, i migliori sono il bus o il treno. Una volta arrivati si può noleggiare una bici o un tuk tuk privato.In bici si...

    Diari di viaggio
    thailandia zaino in spalla e fai da te

    Thailandia zaino in spalla e fai da te

    Siamo atterrati a BKK giovedì sera, dopo un giorno di viaggio, volando come veri Signori con Emirates. Il modo più rapido e decisamente...

    Diari di viaggio
    thailandia zaino in spalla di low cost

    Thailandia zaino in spalla di low cost

    Trasporto: OmanAir-Thai Airways Data: 20 gennaio 2017 - Durata:9 gg. 1° giorno: venerdì...

    Video Itinerari