A Cuba nessuno muore di fame

Sole, spiagge, palme, ballerini e ballerine, musicisti, la salsa, l’allegria e… luoghi comuni ne abbiamo più? Cuba è anche questo, ma non solo
Scritto da: meridiano307
a cuba nessuno muore di fame
Partenza il: 05/08/2018
Ritorno il: 21/08/2018
Viaggiatori: 3
Spesa: 4000 €

Avvertenza: quello che ho scritto, probabilmente un elenco senza fine di luoghi comuni e banalità, è tutto frutto dei miei pensieri, della mia esperienza e di tutto ciò che mi è stato raccontato da autoctoni e non. Ovviamente non pretendo che questa sia la verità assoluta, anzi sarei ben felice se qualcuno mi smentisse in toto.

Sole, spiagge, palme, Havana 7, ballerini e ballerine, musicisti, la salsa, l’allegria e… luoghi comuni ne abbiamo più? Cuba è anche questo, ma NON SOLO QUESTO.

Uno parte per Cuba con gli occhi e i pensieri pieni di queste immagini, con l’idea di tuffarsi in acque cristalline, magari standosene in santa pace sopra al fenicottero rosa gonfiabile, con in mano una Piña Colada e puntando il morone/a di turno che fa sfoggio di muscoli/curve mozzafiato. Eh, che paradiso che è questa Cuba? Non è vero? Boh, noi saremo un po’ controcorrente, decisamente particolari, ma questa è la nostra personale visione dell’Isola…

Da sempre svilita, usata, conquistata, barattata, sfruttata, Cuba è un paese violato, una fucina di ideologie fallite, di promesse mai mantenute, di sogni tramutati in incubi, di vite sospese tra lo sbarcare la giornata e una sorsatina di rum. Si vive nel ricordo della rivoluzione che ha portato la libertà sull’isola, o meglio, si vive nell’illusione che questa famigerata libertà un giorno possa arrivarci per davvero su questo carcere di Isola.

A Cuba nessuno muore di fame, ma non esiste altro. Non ci sono insegne, pubblicità o vetrine; niente souvenir unico e inimitabile da riportare a casa, nessuna cosa tipica se non rum o sigari. Cuba puzza. Cuba puzza di tutti i puzzi del mondo: smog, gasolio, escrementi, muffe, cibo andato a male, decomposizione, fogna, alcool…; per tutti e 4 i giorni a L’Avana, il nostro punto di riferimento per ritrovare la casa particular era una testa di maiale, delicatamente appoggiata per terra in prossimità di alcuni cassonetti, confido che sia ancora lì a far da guardia a quell’incrocio.

A Cuba nessuno muore di fame, però la fanno. Grazie alla libreta possono ritirare alcune razioni di cibo ma non è detto che siano sufficienti a coprire i borbottii della pancia; mentre i turisti si pappano delle meravigliose aragoste, perdendo il conto dei cin e dei Cuc spesi durante la serata.

La nostra guida a L’Avana ci raccontava che negli ultimi periodi stavano avendo delle grandi difficoltà nel reperire il pollo… strano, sulle nostre tavole dire che abbondava è riduttivo… ah già, ma mica siamo del posto noi! E allora che si fa? Si prova a fregarli questi turisti; e sia chiaro che lo farei anche io, è sopravvivenza. Così ogni scusa è buona per “assaltarti”, per provare a portarti nel locale ggiusto dove suona la musica ggiusta; nella bottega in cui si vendono i sigari – dove venghino signori venghino, solo per oggi Cohiba a offerta speciale; nel ristorante più in voga del momento; a bere el mejor mojito; a fare l’escursione che ti giuro bella come questa non ti ricapita più.

Nessuno parla di politica o se lo fanno ti vendono una versione light in cui tutto sommato traspare che ok, il sistema è questo, noi non autoctoni non possiamo capire e alla base nemmeno loro ci riescono, però, dai, alla fine ci si abitua e in fondo potrebbe andare anche peggio, potrebbe pure piovere.

E ci sarebbe quasi da crederci se poi, per strada, non ti elemosinassero una caramella, una penna, un canottiera rossa in cambio di qualsiasi articolo si desideri tra la paccottiglia esposta sul banco della venditrice ambulante.

Cuba es libre pero los cubanos no son libres.

È abbastanza noto che ai cubani non sia assolutamente consentito uscire dal paese a loro piacimento, ma non tutti sanno che queste limitazioni valgono anche in patria. Ad esempio, se hai la sfortuna di nascere fuori dalla capitale, avrai bisogno di un particolare permesso per poterti trasferire; stesso discorso se una mattina ti alzi con la voglia di andare a fare il bagno in un paradisiaco Cayo… beh, il passaporto ce lo hai vero? Nooo?! Ma che sfiga, allora scordati il mare. Ah dimenticavo, sei cubano? E allora non puoi nemmeno salire in barca… eh che ci vuoi fare, così funziona la libertà da queste parti.

Al momento, grazie a tutta una serie di privatizzazioni e aperture politico-commerciali, la situazione sta lentamente evolvendosi. Ad esempio, al giorno d’oggi, per i pochi cubani che possono permetterselo è possibile andare al mare soggiornando negli stessi resort dei turisti. Però, sopratutto a L’Avana, difficilmente avrete la fortuna di intraprendere lunghe-simpatiche-costruttive conversazioni con gli abitanti del luogo, perché esiste il serio e concreto rischio di veder spuntare la polizia a bloccare il vostro interlocutore, interrompendo così i vostri discorsi.

Leggenda vuole che uno arrivi sull’isola e magicamente riesca a spostarsi da una parte all’altra su mezzi di fortuna (tipo i carretti trainati da cavalli), condivisi oppure in autostop, niente di più sbagliato; o meglio, non è impossibile che questo accada, solo che magari dovrai aspettare 3 o 4 ore prima di riuscire a trovare la persona giusta che “accetti il rischio” di farsi vedere in compagnia di uno straniero. Ricordate, siete Cuc ambulanti, il sistema non può permettersi il rischio che possa succedervi qualcosa, di conseguenza nessuno può importunarvi, tanto meno parlarvi della vera vita-vissuta dell’isola.

E così ti trovi a girovagare tra la tua voglia di sapere, capire, conoscere e i mezzi sorrisi degli isolani, che in quanto a “sibillinità” non sono, quasi, secondi a nessuno.

Il concetto di noi e di loro è tangibile: lo vedi, lo senti, lo percepisci e lo respiri pure. Il nostro profumare di shampoo e bagnoschiuma delicati, non allergenici e auto-scrubbanti, assieme il nostro alito mentolato al sapor di colgate, fa da contrasto all’odore delle loro saponette e dentifrici… sì, proprio quelli considerati beni di lusso e per questo irreperibili negli scaffali dei negozi.

Salvo casi più unici che rari, non ci spostiamo nemmeno con gli stessi mezzi: noi seduti sui comodi taxi, possibilmente cadillac rosso fiammante anni 50, loro in carri da bestiame convertiti a bus collettivi.

Guarda la gallery
cuba-y5442

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-gca5v

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-ssacp

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-equgs

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-narf9

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-vj6fg

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-umbqd

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-p4pqe

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-u1e8t

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-hnhgt

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-1tak3

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-2whek

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-gtqfe

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-3wsff

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-y11tc

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-xy3jy

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-zct37

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-wvbyb

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-ac94p

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-jmacp

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-tezjg

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-b1hpj

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-xns7x

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-wh74b

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-27r84

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-r93n1

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-e66su

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-wdf7u

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-2k5u2

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-58j9p

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-cmuhh

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-kp17w

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-2rq7d

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-vnv3d

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-pax5a

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-bskua

A Cuba nessuno muore di fame

cuba-8r9hc

A Cuba nessuno muore di fame



    Commenti

    Lascia un commento

    Cuba: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari