6 giorni a Parigi

E’ sempre difficile dare delle informazioni che non siano già note su una delle capitali più belle e famose del mondo, ma cercheremo di farlo mettendo in luce gli aspetti più autentici e singolari che hanno connotato la nostra (Giuseppe e Ilaria) visita a Parigi. 1° giorno: Ste-Chappel, Notre-Dame, Quartiere Latino Dopo l’arrivo a...
 
Partenza il: 15/03/2007
Ritorno il: 20/03/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

E’ sempre difficile dare delle informazioni che non siano già note su una delle capitali più belle e famose del mondo, ma cercheremo di farlo mettendo in luce gli aspetti più autentici e singolari che hanno connotato la nostra (Giuseppe e Ilaria) visita a Parigi. 1° giorno: Ste-Chappel, Notre-Dame, Quartiere Latino Dopo l’arrivo a Parigi con volo Easy-Jet Ciampino-Orly, partito con 1 ora di ritardo (niente rispetto a quello che capiterà al ritorno…) , il viaggio in taxi fino al centro di Parigi e la sistemazione dei bagagli in albergo (Pavillion-Montagne un 3 stelle con ottimo rapporto qualità/prezzo posto proprio alle spalle degli Champs Elysees a 150 metri dalla fermata della linea 1 Roosvelt), decidiamo di uscire subito per un primo giro alla scoperta della città. La prima sosta la facciamo al Disney store degli Champs Elysees per acquistare immediatamente i biglietti per Eurodisney dove andremo il giorno successivo, approfittando di quella che le previsioni dicevano sarebbe stata una bella giornata. Ci dirigiamo poi verso la Ste-Chappel che merita una visita per ammirare le fantastiche vetrate, bisogna andare però quando c’è molta luce, altrimenti perde praticamente tutto il suo fascino . La tappa successiva è Notre-Dame, la cattedrale è armoniosa ed imponente, non è difficile capire perché rappresenti una delle costruzioni gotiche più celebri del mondo, anche se Ilaria ritiene che Chartres, Reims e Rouen non abbiano nulla da invidiarle. Scattiamo subito qualche foto e rimaniamo affascinati dai grandiosi portali che meritano la giusta attenzione. Ormai è quasi sera e ci concediamo una passeggiata nel quartiere Latino, alla ricerca di un ristorante per la cena, il quartiere brulica di ristoranti di ogni genere e nazionalità e di negozi. Ci facciamo parecchie risate di fronte allo spettacolo degli imbonitori collocati davanti ai ristoranti, ce ne sono per tutti i gusti, ma gli imbonitori dei ristoranti greci con la loro pratica di rompere i piatti a terra per attirare l’attenzione sono di certo i più industriosi, comunque attenzione a non farvi fregare, leggete sempre bene i menu prima di entrare! Alla fine la nostra scelta ricade su un ristorantino francese, è la nostra prima sera a Parigi e preferiamo mangiare il cibo locale, dopo una gustosissima zup à l’oignon ci incamminiamo subito verso l’albergo, stasera a letto presto perché domani si ritorna bambini! 2° giorno: Eurodisney, Tour Eiffel Il tempo è coperto e meno male che le previsioni mettevano sereno… ci dirigiamo ugualmente felici verso il parco dove si arriva con la RER C, dopo un comodo viaggio di circa 40 minuti, dove incontriamo gruppi di adolescenti con gli zaini che evidentemente al compito in classe avevano preferito un po’ di sano divertimento. All’uscita della RER incontro la prima difficoltà, le porte che mi dovevano consentire l’uscita non si aprono, avevo obliterato male il biglietto e le porte elettroniche non mi permettevano di passare, così dopo 10 minuti di smadonnamenti vari ho dovuto utilizzare un nuovo biglietto. Conviene sempre arrivare qualche minuto prima dell’apertura, come abbiamo fatto noi, per evitare le code e se possibile evitare i giorni festivi. Il parco è molto grande e bellissimo, la cosa più stupefacente è la sua atmosfera fiabesca che ci riporta indietro nel tempo e poi tutte quelle melodie che ti accompagnano ovunque…Sembra davvero di essere nel paese delle meraviglie, girando poi puoi incontrare davvero anche Alice e il bian coniglio(questo l’ha voluto scrivere Ilaria visto che io di bian coniglio conosco solo quello alla cacciatora), insieme a tutto il resto dei personaggi disney. Le attrazioni sono tutte molto divertenti, l’unica forse eccessiva è lo Space Mountain II, che non è decisamente per bambini, ma Ilaria lo ha trovato magnifico, io all’uscita mi sono sentito piuttosto sottosopra, quella giostra ti spara nel buio più completo a velocità pazzesche, sconsigliata ai deboli di stomaco e anche ai deboli di cuore. Complice la mattinata coperta le file sono quasi inesistenti (tranne che nelle giostre dei più piccoli che sono stracolme) quindi ne approfittiamo per girarle tutte, inutile stare a menzionarle una ad una, diciamo pure che tra le tante quella che più ci colpisce è i Pirati dei Caraibi, non ci si stanca mai di girare da una giostra all’altra inframmezzando con la visita alle decine di negozi che vendono tutti le stesse cose allo stesso prezzo, ma non è impresa facile farlo capire a Ilaria che non se ne perde uno. Nel frattempo il tempo è anche migliorato e la giornata scorre veloce fino al primo pomeriggio in cui il parco sembra fermarsi per quella che è l’attrazione più attesa da grandi e piccoli: la parata! Questa allegra sfilata di carri con i principali personaggi della Disney si può definire in una sola parola: coinvolgente. Al termine della parata “decidiamo” di dedicarci ad un po’ di shopping, quindi eccoci di nuovo nei soliti negozi che vendono le stesse cose allo stesso prezzo, poi, visto che sta facendo buio ci dirigiamo verso la RER per far ritorno in albergo. Doccia, mezz’ora di riposo e poi, nonostante la stanchezza, di nuovo fuori: destinazione Tour Eiffel. La torre di sera è eccezionale, e passandoci sotto ci rendiamo conto di tutta la sua imponenza. Stanchi della giornata e vista la fila per salire con gli ascensori decidiamo di goderci lo spettacolo delle luci (ogni ora) sdraiati sul prato al Trocadero e al termine del giro d’orologio magicamente la Torre prende vita. Visto il tutto ci fermiamo in un bistrot poco distante per la cena e poi a nanna.

3° giorno: Museo D’Orsay, Giardini del Luxemburgo, Pantheon Anche oggi il tempo sembra essere coperto e allora scegliamo il Museo d’Orsay come prima tappa. Il museo colpisce per la quantità, ma soprattutto per la qualità dei capolavori che ospita, e anche chi non è un intenditore riesce ad apprezzarne la bellezza, questo museo è il vero tempio dell’impressionismo. Passiamo qui tre ore senza neanche accorgercene. All’uscita, dopo una meritata pausa per gustarci una baguette, facciamo una passeggiata attraverso i giardini del Luxemburgo. Il parco è molto bello anche se la temperatura esterna non ci permette di gustarcelo a pieno. La visita prosegue attraverso le affascinanti vie di Parigi fino al Pantheon, da fuori sembra bello ma decidiamo di non entrare visti i prezzi del biglietto. Da menzionare nei pressi è anche la chiesa di Sant’Etienne du Mont che merita sicuramente una visita. Per la cena scegliamo un ristorante della catena Ippopotamus le cui recensioni su internet mi avevano convinto già prima di partire, la scelta si rilevela infatti talmente buona che torneremo a mangiare nello stesso posto tutte le sere successive, ottima carne ed un imperdibile profitterol formato gigante.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Francia
    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 2022

    Normandia e Bretagna 2022

    Diario di viaggio in Normandia e Bretagna (Francia)Considerazioni generali e info utiliPersone: 2 adulti Spesa finale: circa 1400...

    Diari di viaggio
    la lavanda in provenza

    La lavanda in Provenza

    La lavanda fiorisce in Provenza da metà giugno e raggiunge il culmine solitamente verso la metà di luglio, dopodiché viene tagliata e...

    Diari di viaggio
    provenza: go camping

    Provenza: Go Camping

    Descrizione pratica di un viaggio di due settimane on-the-road (9/14 agosto 2021), itinerante e un po' barboneggiante nella regione...

    Diari di viaggio
    da parma a annecy, nancy, stoccarda: un viaggio fai da te come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, Stoccarda: un viaggio “fai da te” come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico WuilliNoi e la nostra passione "viaggi in auto fai da...

    Diari di viaggio
    provenza, svizzera francese ed italiana in tenda

    Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

    Premessa: i protagonisti del viaggio sono una coppia di ragazzi di 25 anni, un’auto ed una tenda canadese. Eravamo alla ricerca di una...

    Diari di viaggio
    la traversata longitudinale della alpi: da trieste a nizza in bicicletta

    LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

    24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno.Pedaliamo fino alla...

    Diari di viaggio
    il medoc delle meraviglie

    IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

    Non ero mai stata in Médoc e l'occasione giunge andando a trovare un amico innamorato delle sue foreste e del suo oceano. Ho vissuto...

    Diari di viaggio
    un grazioso fine settimana a nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza (spendendo poco)Quando si pensa alla Costa Azzurra vengono i mente i festival del cinema il lusso...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 3

    Normandia e Bretagna 3

    Le piccole case a graticcio di Rouen, le impressionanti falesie bianche e i panorami mozzafiato di Fecamp ed Etretat, il brutalismo di Le...

    Diari di viaggio
    jumieges: le rovine più belle di francia

    JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

    Partecipanti: la sottoscritta insieme al maritoPRIMA DI PARTIRE Victor Hugo le definiva “le più belle rovine di Francia” ed in...