32 anni in provenza

11 agosto 2008 Oggi è il mio compleanno e lo festeggio in un modo che mi piace molto…con una partenza! Partiamo in macchina, come al solito da Forlì, il mio grande marito al volante, io navigatore umano…destinazione PROVENZA. La nostra prima tappa è Cabris a circa 6 km da Grasse dove ho prenotato un gite de France. Entrati in Francia...
 
Partenza il: 11/08/2008
Ritorno il: 18/08/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 500 €

11 agosto 2008 Oggi è il mio compleanno e lo festeggio in un modo che mi piace molto…Con una partenza! Partiamo in macchina, come al solito da Forlì, il mio grande marito al volante, io navigatore umano…Destinazione PROVENZA.

La nostra prima tappa è Cabris a circa 6 km da Grasse dove ho prenotato un gite de France. Entrati in Francia già parecchio provati abbiamo l’ingenua e infelice idea di tentare di vedere Cannes…Dopo circa 40 minuti di coda ai semafori arriviamo al mare ed è impossibile anche solo accostarsi per fare una foto, figuriamoci parcheggiare!Proseguiamo verso Grasse quando, all’improvviso, ci sorprende un temporale fortissimo con lampi dorati che compaiono all’orizzonte. L’inizio è ottimo, il morale è al massimo!!! Miracolosamente troviamo il cartello per Cabris e una volta arrivati facciamo pace col mondo. Il temporale è appena passato, il paesino ricomincia a muoversi. Una volta sistemati cominciamo a gironzolare e a scoprire i vicoletti caratteristici, la terrazza che offre un ampio panorama. Una visita richiederebbe al massimo un’ora, forse meno. Può essere una buona sosta per mangiare (ci sono vari ristoranti) e rilassarsi se di passaggio.

Abbiamo cenato per 2 volte mangiando bene e spendendo il giusto al LE FLAMBEAU.

12 agosto Giornata dedicata alla gole del Verdon. Partiamo in direzione Castellane, non la visitiamo ma proseguiamo seguendo le indicazioni per Moustiers Ste-Marie. Durante il percorso facciamo diverse soste scoprendo ogni volta un panorama più bello. La strada è stretta e bisogna prestare attenzione. Quando troviamo il bivio tra riva destra e sinistra decidiamo di percorrere quella di destra e poco prima di La Palud sur Verdon troviamo il cartello per la routes de cretes e lo seguiamo. Si inizia a salire ed i panorami si fanno ancora più spettacolari…Vediamo anche planare trasportati dal vento i “condor” che fanno tanto Canyon!!!! Il belvedere da cui si vedono meglio è quello del Pas de la Baou, che è forse quello più alto dopo di che si comincia a scendere e la strada diventa a senso unico. Non ci resta che proseguire e ci ritroviamo a La Palud sur Verdon, piccolo paesino dove si può fare una sosta per il pranzo o rifornimento carburante. Da qui proseguiamo dirigendoci verso Moustiers. Curva dopo curva ci appare il lago di St. Croix, verdissimo e perdiamo la testa!!! Dopo le immancabili foto dall’alto scendiamo verso il lago e facciamo una sosta per rinfrescarci …Solo i piedi perché ovviamente non abbiamo il costume. Ritorniamo indietro verso Moustiers ste- Marie (www.Ville-moustiers-sainte-marie.Fr). Dopo aver parcheggiato nella parte bassa del paese lo visitiamo e ne restiamo affascinati. La stella sospesa tra le 2 montagne, la cappella di Nôtre Dame de Beauvoir arroccata sul monte (che noi ammiriamo solo dal basso ovviamente) il fiume, le fontane, le case in pietra, i vicoletti. La passeggiata è davvero piacevole. Dopo una crepe cominciamo a rientrare e questa volta ci fermiamo a Castellane (www.Castellane.Org), che però non ci colpisce in modo particolare.

13 agosto Visita di Gourdon e Tourrettes sur Loup, vicino Grasse.

Arriviamo a Gourdon verso le 10 e ci sono pochissime persone. Il paesino è piccolo ma molto carino, persino i ristoranti e i negozi sono così caratteristici che meritano una foto. Dalla terrazza si scorge un panorama splendido sulla costa e sulla vallata. Dopo un’oretta ce ne andiamo e notiamo che il piccolo parcheggio (gratuito) comincia a riempirsi.

Ci spostiamo a Tourrettes sur Loup dove troviamo il mercato. Attraversiamo il paese con la macchina e andiamo a parcheggiare nel parcheggio delle scuole. Dopo pochi passi siamo in centro. Anche questo paesino è delizioso, nonostante il mercato sono poche le persone che lo stanno “esplorando” e anche qui ci perdiamo in foto. Pranziamo con la SOCCA comprata al mercato. E’ una sorta di crepe spessa cosparsa di sale e pepe e poi tagliata in modo grossolano. Abbiamo poi scoperto che è a base di farina di ceci ,è tipica di Nizza ed è buona! E’ giunto il momento di cambiare zona. Il prossimo gite de France ci attende a St.Etienne du Grès (dove non c’è niente, a parte dei campi di girasoli splendidi), vicinissimo a St. Rémy de Provence.

St. Rémy (www.Saintremy-de-provence.Com) la visitiamo col viaggio sulle spalle e forse non apprezziamo a dovere. Siamo infatti molto stanchi e concludiamo la serata con una cena al ristorante di St.Etienne, La marmite provençale dove mangiamo molto bene (menu unico 26 €).

Visto che parlo di ristoranti ecco dove abbiamo cenato (sempre a St. Rémy): Les Lavandes (sulla strada tra st.Etienne e st. Rémy) mangiato molto bene ma sono lentissimi…Isssimi! (menù da 17,50 e 23,50 €) La France in centro a st.Rémy abbiamo mangiato malissimo, tipici piatti di scarsa qualità e quantità studiati apposta per i turisti, evitatelo! LA FORGE Avenue de la Liberation 5 (st. Rémy centro) di questo ristorante scrivo anche l’indirizzo perchè ve lo consiglio caldamente. Non ha tavoli fuori, il locale è piccolo con un’atmosfera calda e intima, molto silenzioso. Abbiamo mangiato divinamente a prezzi onesti (menù da 17,50 e 23 €) La ragazza che serve ai tavoli cortese, attenta e sempre sorridente. Vi ho convinto??? 14 agosto Ci svegliamo con il sole, perciò…Giornata Camargue (www.Parc-camargue.Fr) Partiamo e appena raggiunto L’ Etang de Vaccarès il cielo si riempie di nuvole e addio sole!!! Non ci perdiamo d’animo e continuiamo il nostro giro…Praticamente costeggiamo tutto l’etang fino a poco oltre la Capeliére, punto informativo da dove partono anche delle escursioni. Forse inoltrandosi nelle paludi in bici, a piedi o a cavallo si può scorgere più fauna. Noi, facendo il giro in auto, abbiamo visto solo pochi gruppi di fenicotteri lontanissimi, qualche cavallo e dei tori semi-nascosti dalla vegetazione.

Un po’ delusi entriamo al parco ornitologico di Pont de Gau (ingresso 7 €) e lì davvero fenicotteri a non finire e anche un sacco di altri uccelli. (www.Parc-ornitho.Com) Decidiamo poi di andare a St. Maries de la Mer (www.Saintesmariesdelamer.Com), sconsigliata a ragione da un sacco di viaggiatori. Ci fermiamo per il pranzo e mangiamo un favoloso panino con kebab al Baraka chichi (consigliatissimo) che si trova sulla piazza Honoré Pioch. Con la pancia super piena andiamo verso la chiesa, ma c’è un sacco di gente, tanto rumore, per camminare nei vicoli del centro bisogna “strusciarsi” addosso alle persone per farsi largo ed è un continuo di donne gitane che cercano di attaccarti addosso delle spillette (e non aggiungo altro).La cittadina proprio non fa per me e così dopo 15 minuti di visita ce ne andiamo. Lungo la strada seguiamo le indicazioni per il Mas de Chacarel, che poi riporta a St. Maries de la mer. Avevo letto che era un percorso molto bello, ma invece non c’è nulla di particolare.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Camargue
    Diari di viaggio
    la magia della provenza: dieci giorni nella meraviglia

    La magia della Provenza: dieci giorni nella meraviglia

    Una destinazione da sogno L'anno scorso una mia cara amica del liceo, Giulia, mi ha proposto di fare un viaggio insieme nell'estate 2019,...

    Diari di viaggio
    la costa sud della francia, ma non solo

    La costa sud della Francia, ma non solo

    Partiamo da Mentone all’inizio di agosto e, dopo avere percorso tutta la costa mediterranea, seguiamo la base dei Pirenei fino a sbucare...

    Diari di viaggio
    tra i colori della provenza

    Tra i colori della Provenza

    Era da tempo che volevamo fare un giro in Provenza e quando con il mio amico Lorenzo siamo incredibilmente riusciti a far coincidere una...

    Diari di viaggio
    marsiglia e dintorni, la camargue e le gole del verdon

    Marsiglia e dintorni, la Camargue e le gole del Verdon

    GIORNO 1: Firenze-Marsiglia con stop per pranzo a Nizza Appena arrivate in città, visto tutto quello che avevamo letto sulla...

    Diari di viaggio
    ¡a ver! su due ruote dall'italia alla spagna

    ¡a ver! Su due ruote dall’Italia alla Spagna

    Da Savona a Castelfranco Veneto (km 411) Le 4 bottiglie di CAVA sono ancora integre, la “Beer-celona” è salva, il barattolo in vetro...

    Diari di viaggio
    il nostro viaggio nel sud della francia

    Il nostro viaggio nel sud della Francia

    Dopo aver passato vari giorni a leggere guide, siti internet, recensioni varie, aver consultato mappe e scrupolosamente calcolato le...

    Diari di viaggio
    provenza, camargue e costa azzurra

    Provenza, Camargue e Costa Azzurra

    La prima tappa della nostra vacanza estiva in Camargue è Arles all’Hotel Ibis, tra i pochissimi che ci permette di prenotare una stanza...

    Diari di viaggio
    provenza e dintorni

    Provenza e dintorni

    Era da qualche tempo che mia moglie ed io pensavamo di fare una vacanza un po’ fuori dagli schemi in Provenza e dintorni. Era nostro...

    Diari di viaggio
    fermarsi ad arles....

    Fermarsi ad Arles….

    Volendo visitare la Provenza, una sosta ad Arles è d'obbligo. La città è di origini che risalgono alla preistoria e fu abitata nel...

    Diari di viaggio
    tour de france

    Tour de France

    Settembre 2005 Come ogni anno, agosto è tempo di decisioni. Decisioni sulla meta delle nostre vacanze. Ed ogni anno ci sono sempre i...