2 settimane fai da te in Thailandia, tra Bangkok, Ayutthaya, Sukhotai, Chiang Mai e Phuket.

2 settimane alla scoperta della Thailandia, dei suoi siti archeologici, la sua cultura e i suoi templi.
 
Partenza il: 22/12/2019
Ritorno il: 04/01/2020
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Dopo un volo della Oman Air (compagnia aerea che consigliamo vivamente) partito da Bologna per Bangkok, con scalo a Muscat, atterriamo in mattinata parecchio provati dal jet lag, quindi, dopo aver comprato una sim thai in aeroporto (molto utile per comunicare tramite email/whatsapp in loco e muoversi nelle città facilmente), con un taxi ci facciamo portare al nostro hotel Tara Place, vicino al centro storico della capitale, in zona Phra Sumen Fort, per riposare un po’. La posizione sarà poi strategica per raggiungere le maggiori attrazioni della città a piedi o via fiume, visto che il molo Phra Arthit dista pochi minuti a piedi. Nel pomeriggio visitiamo da fuori il forte Phra Sumen e su consiglio di un thailandese (essendo facilmente individuabili come turisti, a noi è capitato spesso che locali ci fermassero per aiutarci o darci consigli, senza chiedere niente in cambio) prendiamo il battello per goderci il tramonto sul Wat Arun, dove facciamo una breve sosta per vederlo da fuori e illuminato di sera. Prima di tornare in hotel a dormire ceniamo in un ristorante molto turistico ma vista fiume, dove assaggiamo per la prima volta il Pad Thai. Il secondo giorno inizia con il nostro shock per il caldo umido di Bangkok. In teoria dicembre/gennaio sono i mesi più secchi, ma noi il caldo l’abbiamo patito comunque molto, e finché non siamo arrivati a Chang Mai, abbiamo sempre dovuto dormire con l’aria condizionata. Ci facciamo forza e grazie al servizio gratuito di tuktuk dell’hotel ci facciamo accompagnare al Palazzo Reale, dove passiamo tutta la mattinata sotto un sole cocente (l’obbligo di maniche corte e pantaloni/gonna lunga non aiutano) ma ne vale la pena perchè gli edifici e le bellezze del quartiere reale sono davvero imperdibili. Dopo la visita al palazzo andiamo a visitare il tempio Wat Pho, dove rimaniamo ammaliati dalla maestosità e bellezza del famoso Buddha sdraiato. La fine della giornata la passiamo a visitare Kaho San Road, la famosa via dello street food (a nostro parere troppo turistica) e a cenare in un ristorante lì vicino.

Un po’ provati dal caldo patito il giorno prima, il terzo giorno decidiamo di ripararci dalle ore più calde visitando il National Museum e facendoci fare un massaggio thai al Perception Blind Massage del quartiere Siom, che raggiungiamo in taxi passando per Chinatown, che ci godiamo solo dalla macchina visto che passandoci non ci attira granchè per via della confusione e del traffico. Perception Blind Massage è un progetto che permette a ragazzi/e non vedenti di lavorare come massaggiatori, formandoli e fornendo loro un impiego. Il costo è un po’ più alto della media ma almeno i soldi sono per una buona causa (e sono comunque 25 euro per un 1h di massaggio professionale!). Rinati dal massaggio e passate le ore più calde, decidiamo di tornare nel centro storico per fare una lezione gratuita di meditazione al tempio Wat Mahathat, un grande tempio molto frequentato che si rivela un’oasi di pace nel traffico della città. Dopo la meditazione, andiamo a visitare il Wat Arun per godercelo anche dall’interno e alla luce del sole. Dopo una cena vicino al nostro hotel, prendiamo un taxi per andarci a godere l’ultima notte a Bangkok dallo Sky Bar del Moon Bar, un hotel lussuoso nella parte moderna della città. Dal suo bar posto al 59esimo piano si gode una vista mozzafiato su tutta Bangkok. Prezzi dei cocktail europei (15 euro cadauno) ma il prezzo vale la vista e l’esperienza. L’ingresso è gratuito e il dress code non è troppo restrittivo (abbiamo visto ragazzi in scarpe da ginnastica).

Il quarto giorno ci alziamo presto per andare a prendere uno dei minivan che partono da Morchit Bus Terminal per Ayutthaya. Dopo un’attesa un po’ lunghina per far riempire il minivan, partiamo e in 1h30 arriviamo ad Ayutthaya dove abbiamo già un B&B prenotato per una notte. Aspettiamo le 15:00 per far passare le ore più calde e goderci la visita dei templi del sito archeologico con la luce calda del tramonto, e nel frattempo prenotiamo tramite il nostro B&B il minivan che il giorno dopo ci porterà a Sukothai. Le varie visite dei templi le facciamo con la bicicletta noleggiata in hotel e in mezza giornata riusciamo tranquillamente a visitarli tutti. Rimaniamo affascinati dalla grandezza e decadenza dei templi, immaginandoci quanto dovessero essere ancora più belli durante i tempi in cui Ayutthaya era la capitale. La sera ceniamo al ristorante Burinda vicino al nostro B&B, dove mangiamo il Pad Thai più buono di tutto il nostro viaggio.

La mattina del quinto giorno la passiamo a riposarci in camera, visto che purtroppo l’unico minivan disponibile parte al pomeriggio. Dopo 6h di viaggio parecchio scomodo (i loro minivan sono molto piccoli dentro, e noi molto alti), arriviamo a Sukhotai, dove abbiamo prenotato un B&B a pochi minuti a piedi dal parco archeologico. Passiamo la serata a goderci la tranquillità del Wat Traphang Thong, dove dei monaci stanno allestendo bellissime lanterne per festeggiare il capodanno che ci sarebbe stato qualche giorno dopo. Le lanterne riflesse sull’acqua e sui ponticelli che collegano il tempio alla città creano un’atmosfera davvero magica. Ceniamo in uno dei ristoranti turistici che ci sono di fronte. In due giorni mangeremo bene solo all’Historical Garden Restaurant, gli altri sono davvero da evitare.

Il sesto giorno noleggiamo le bici al B&B di buon ora e passiamo la giornata a visitare le varie rovine dei templi. Il parco archeologico è decisamente più grande di Ayutthaya e tenuto meglio, probabilmente grazie ai fondi essendo patrimonio UNESCO. Alle 17:00 ci aspetta una macchina prenotata tramite 12goAsia il giorno prima in quanto dalle ricerche non siamo riusciti a trovare nessun bus disponibile a causa dell’alta stagione e dell’esserci mossi tardi. La macchina alla fine si rivela una specie di BlaBlaCar thailandese (costo 100 euro in due, molto alto confronto al bus che sarebbe costato sui 20 euro a testa, ma purtroppo non avevamo trovato altre alternative) e ci facciamo le 4h di viaggio verso Chiang Mai in una bella auto in compagnia di due anziani thailandesi, con cui riusciamo a comunicare tramite il traduttore. Durante il viaggio vediamo una bellissima campagna e cominciamo a vedere le prime verdi montagne del nord. Arriviamo a Chiang Mai intorno alle 21:00, e dopo una cena a base di hamburger (dovevamo staccare un po’ dal riso…) andiamo subito in hotel.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Ayutthaya
    Diari di viaggio
    2 settimane fai da te in thailandia, tra bangkok, ayutthaya, sukhotai, chiang mai e phuket.

    2 settimane fai da te in Thailandia, tra Bangkok, Ayutthaya, Sukhotai, Chiang Mai e Phuket.

    Dopo un volo della Oman Air (compagnia aerea che consigliamo vivamente) partito da Bologna per Bangkok, con scalo a Muscat, atterriamo in...

    Diari di viaggio
    thailandia, paradiso all'improvviso

    Thailandia, paradiso all’improvviso

    Sono del parere che ci vorrebbero delle ferie per pianificare un viaggio, poi altre ferie per fare la valigia forse con un attimo più di...

    Diari di viaggio
    thailandia e cambogia 2020

    Thailandia e Cambogia 2020

    Scegliere questa meta per il nostro consueto viaggio di febbraio è stato abbastanza semplice: non avevamo a disposizione un budget...

    Diari di viaggio
    la nostra prima thailandia: nord, mare e bangkok

    La nostra Prima Thailandia: nord, mare e Bangkok

    24.12.19 VERONA Io e il mio compagno visiteremo per la prima volta questo paese. Partenza da casa nostra con l'ottimo servizio di Go-Opti,...

    Diari di viaggio
    amazing bangkok!

    Amazing Bangkok!

    Dieci giorni alla scoperta dell'incredibile capitale della Thailandia tra sapori, profumi, suoni e colori di una città che pur mantenendo...

    Diari di viaggio
    thailandia, tra religione, cibo e mare

    Thailandia, tra religione, cibo e mare

    Itinerario: 3 notti a Bangkok, 2 notti a Chiang Mai, 4 notti a Ko Phi Phi Spese: Voli intercontinentali: €630 voli interni €207...

    Diari di viaggio
    thailandia in occasione del loi krathong

    Thailandia in occasione del Loi Krathong

    Volo: L'Asia è il continente più facile ed economico da raggiungere e la Thailandia è forse il paese più semplice dove arrivare. Su...

    Diari di viaggio
    appunti di viaggio: thailandia in dicembre - ko chang, ayutthaya e bangkok

    Appunti di viaggio: Thailandia in dicembre – Ko chang, Ayutthaya e Bangkok

    Il volo è il nuovo diretto di Airitaly -10 ore no stop da Malpensa a Bangkok. All'aeroporto all’uscita 3 del piano arrivi ci attende...

    Diari di viaggio
    itinerario fai da te da bangkok a chiang mai

    Itinerario fai da te da Bangkok a Chiang Mai

    nel verde dei monti di Chiang Mai, la vista da lassù era davvero stupenda.CHIANG MAI: 23/02/2018 Tour Triangolo d’oro – White...

    Diari di viaggio
    thailandia per turisti fai da te

    Thailandia per turisti fai da te

    natura. Iniziamo la risalita verso la montagna, nel distretto del Mae Taeng e, nella giungla, affrontiamo un’oretta di tranquillo e...