Il trionfo del Barocco Siciliano non è a Noto: il quartiere ‘basso’ di questa città è pronto a lasciarti senza parole per la bellezza

Stefano Maria Meconi, 24 Dic 2023
il trionfo del barocco siciliano non è a noto: il quartiere 'basso' di questa città è pronto a lasciarti senza parole per la bellezza

Immaginate di passeggiare in un labirinto di strade lastricate, dove ogni angolo svela una storia, ogni pietra parla di epoche passate. Questo è Ragusa Ibla, un gioiello incastonato nel cuore della Sicilia, dove l’arte barocca si fonde con la natura in un abbraccio che lascia senza fiato. Seduta maestosamente su una collina, questa città non è solo un luogo, ma un viaggio nel tempo, un’esperienza che vi porterà indietro nei secoli, alla scoperta di chiese, palazzi e giardini che raccontano di una gloria passata, ma mai dimenticata. Al termine di queste righe, avrete solo un desiderio: perdervi nelle stradine di Ragusa Ibla e lasciarvi sedurre dalla sua bellezza senza tempo.

Una città di storia e di incredibili monumenti

duomo di ragusa

Ragusa Ibla, parte della città di Ragusa, rappresenta il cuore antico della città. Ricostruita in grande stile dopo il terremoto del 1693, è un esempio eccezionale dell’architettura barocca siciliana, oggi riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. La sua storia è un intreccio di dominazioni e culture, dai Greci ai Romani, dagli Arabi ai Normanni, tutti hanno lasciato un segno in questa terra ricca di arte e tradizioni.

Cosa vedere a Ragusa Ibla

Passeggiando per Ragusa Ibla, vi imbatterete in meraviglie come la Cattedrale di San Giorgio, un capolavoro del barocco siciliano. Non meno affascinanti sono le chiese di San Giuseppe, Santa Maria dell’Itria e il Giardino Ibleo, un’oasi di pace con una vista mozzafiato sulle valli circostanti. Il Duomo, con la sua imponente facciata e scalinata, è un punto di riferimento e un’opera d’arte che incanta ogni visitatore.

Gastronomia locale: gli incredibili sapori della cucina siciliana

pasta alla norma

Pasta alla norma, uno dei piatti simbolo della cucina siciliana

La gastronomia di Ragusa Ibla è una vera e propria celebrazione delle tradizioni culinarie siciliane, arricchita da influenze locali che rendono i suoi sapori unici e inconfondibili. La cucina ragusana si distingue per l’utilizzo di ingredienti freschi e di qualità, frutto della generosa terra siciliana e del suo mare. Uno dei piatti simbolo della cucina siciliana è la “pasta alla Norma”, un connubio di pasta con salsa di pomodoro, melanzane fritte, basilico, e ricotta salata grattugiata. Questo piatto, che prende il nome dall’opera del compositore siciliano Vincenzo Bellini, rappresenta una perfetta sintesi tra gusto e semplicità.

Altro piatto da non perdere sono i “cavatelli con sugo di maiale“, un primo piatto ricco e saporito che riflette la tradizione rurale del territorio. La pasta viene abilmente lavorata a mano e servita con un sugo di carne di maiale, cotto lentamente per esaltarne tutti i sapori.

Ma la cucina di Ragusa Ibla non è solo pasta. Non si può parlare di gastronomia ragusana senza menzionare i formaggi, tra cui spicca il celebre Ragusano DOP, un formaggio a pasta dura realizzato con latte di vacca locale. Perfetto da gustare sia fresco che stagionato, è un vero piacere per il palato. Per quanto riguarda i dolci, i cannoli siciliani sono un must. Croccanti gusci di pasta fritta ripieni di ricotta dolce, arricchiti con gocce di cioccolato o canditi, sono la conclusione perfetta di ogni pasto. E non dimentichiamo i “cioccolatini di Modica”, famosi in tutto il mondo per la loro particolare lavorazione che conserva il sapore originale del cacao.

Eventi e curiosità

Ragusa Ibla è sede di numerosi eventi culturali, tra cui il famoso Ibla Grand Prize, una competizione internazionale di musica classica. La città è stata anche uno dei set principali della serie televisiva “Il Commissario Montalbano”, attirando fan da tutto il mondo.

Consigli utili per la visita

La primavera e l’autunno sono i periodi migliori per visitare Ragusa Ibla, grazie al clima mite e al minor affollamento. Per un’esperienza completa, si consiglia di dedicare almeno due giorni alla visita di questa perla barocca. Ragusa è raggiungibile in auto, a circa 1 ora e 30 minuti dall’aeroporto di Catania. In treno, la stazione di Ragusa collega la città con le principali destinazioni siciliane. Una volta in città, Ragusa Ibla è facilmente accessibile a piedi o con i mezzi pubblici locali.



Leggi ancheLeggi gli altri diari di viaggio