Nel Top End australiano

Darwin, Litchfield, Katherine e Kakadu

  • di cla4902
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

1° giorno

Dopo essere stati a Kangaroo Island e aver passato una notte ad Adelaide, prendiamo il primo volo interno: Adelaide - Darwin; durata: circa 4 ore. Ci accorgiamo subito della differenza di clima e paesaggio, fa molto caldo e il paesaggio è molto arido, terra rossa e palme. Qua e là troviamo qualche piccolo incendio tra i boschi che si è appena spento.

Prendiamo la nostra auto a noleggio e dopo aver pranzato ci dirigiamo verso il nostro albergo: Batchelor Resort che si trova nelle vicinanze dell'ingresso del Litchfield National Park, il primo dei tre che visiteremo in quest'area. L'ingresso è gratuito.

Ci facciamo consigliare in reception quali sono i posti migliori da visitare all'interno del parco, visto e considerato che abbiamo a disposizione solo un giorno e mezzo e ci consegnano una piantina del parco con evidenziati i posti imperdibili.

La prima attrazione che troviamo sono le Magnetic Termite Mounds, grossi termitai posti ai lati della strada che conduce al parco. La più grossa tra queste è la Cathedral Termite Mounds che ha più di 50 anni e sarà alta circa 4 metri. Deviamo sulla destra e ci fermiamo al Buley Rockhole, una ruscello che termina in una piscina naturale, non scendiamo però a fare il bagno. Di strada proseguiamo fino a Florence Falls dove ci immergiamo per un bagno fresco. Qui rimaniamo per qualche ora ed è già pomeriggio inoltrato quando rientriamo in albergo. Ceniamo e andiamo a dormire, in giro non c'è nulla da vedere.

2° giorno

Oggi visitiamo le ultime due tappe del Litchfield per poi proseguire verso Katherine. Ripercorriamo la strada di ieri ma non deviamo a destra, continuiamo dritti fino alle Wangi Falls e infine alle Tolmer Falls (ci impieghiamo 1 ora per arrivare) che vediamo solo dall'alto, sono altissime. In entrambi i casi non facciamo il bagno perché non avremmo tempo per tornare indietro a cambiarci. Purtroppo qui nel Top End non è il periodo più adatto, essendo infatti la stagione secca le cascate non sono rigogliose d'acqua. In poco meno di 3 ore di macchina raggiungiamo il Pine Tree Motel a Katherine, ci sistemiamo e acquistiamo direttamente in reception i biglietti per il giorno seguente per la crociera nelle gole del Nitmiluk National Park: "Nit nit dreaming 2 Gorge Cultural Cruise" al costo di 84$ a testa per la durata di circa 2 ore. Non siamo riusciti a visitare le gole sempre per una questione di mancanza di abbondante acqua che permette il passaggio da una gola all'altra.

Il pomeriggio lo trascorriamo nei dintorni di Katherine, su suggerimento del proprietario del Motel che ci consiglia di visitare le Cutta Cutta Caves (delle grotte) e infine le Katherine Hot Springs, delle sorgenti naturali dove ne approfittiamo per fare il bagno e rilassarci. Ceniamo e andiamo a dormire.

3° giorno

Visitiamo le prime due gole del Nitmiluk National Park, qua e là vediamo anche qualche alligatore, il parco è davvero molto bello e imponente. Per passare da una gola all'altra ci fanno scendere e attraversare un pezzo a piedi dove vediamo la nostra prima pittura rupestre. Qui è consigliato portarsi cappello e occhiali da sole visto che fa molto caldo.

Ripartendo dal motel, in 10 minuti raggiungiamo le Edith Falls che però ci deludono. Proseguiamo infine verso il Kakadu National Park. Appena entrati nel parco troviamo un punto informazioni ma è già chiuso, c'è però un cartello che indica se le strade sono aperte o chiuse (a seconda delle condizioni metereologiche), essendo la stagione secca sono tutte aperte, alcune però sono percorribili solo se in possesso di un fuoristrada, infatti non riusciamo a vedere le rinomate Jim Jim Falls

  • 3678 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social