Da Skagen a Copenhagen: dalla natura incontaminata alla capitale danese

Non solo luoghi magici, paesaggi naturali sterminati e sorprendenti... ma anche storia: l’ordinarietà e l’ordine di un Paese così straordinario che non può far altro che rimanere nel cuore

Diario letto 23249 volte

  • di Eurienne
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Non solo luoghi magici, paesaggi naturali sterminati e sorprendenti.. ma anche storia: l’ordinarietà e l’ordine di un Paese così straordinario che non può far altro che rimanere nel cuore.

Abbiamo volato, all’andata da Orio al Serio con Ryanair in direzione Billund (circa 350 € in due) e al ritorno da Copenhagen con la Scandinavian Airlines (150 € in due) a Milano Malpensa. Il nostro aereo, con partenza da Bergamo verso le 8.30 del mattino, ci ha indotte a pernottare il venerdì sera al NH Hotel che si trova proprio di fronte all’aeroporto. La strada per raggiungere l’hotel non è segnalata bene (noi siamo arrivate all’aeroporto con i pullman che partono dalla Centrale) e nonostante non sia particolarmente distante (un 15 minuti a piedi) percorrerla con i bagagli non è proprio una passeggiata e la mancanza di una navetta dall’aeroporto all’hotel si fa sentire.

L’albergo (107 Euro colazione inclusa), molto pulito e decisamente bello (comunque nella norma quando si parla di una catena così conosciuta), ci ha permesso di passare una serata rilassante. La sera abbiamo cenato all’hotel e la cucina, seppur non propriamente economica, era ottima!

IN PILLOLE...

  • Le strade sono segnalate piuttosto bene. Lungo il tragitto vi capiterà sicuramente di incontrare dei segnali raffiguranti una margherita, si tratta, appunto, del Percorso Margherita: una serie di strade che vanno a costituire quelle più panoramiche e turistiche della Danimarca. Prima di partire, se interessati, potete richiedere gratuitamente la cartina al sito web: www.visitdenmark.com. Inoltre, già dall’autostrada, i punti di maggiore interessi sono segnalati da dei cartelli su sfondo marrone.
  • Noi abbiamo prenotato dall’Italia solo la prima notte a Skagen e le ultime due a Copenhagen, per il resto, abbiamo cercato in loco oppure lungo il tragitto con la macchina. Non ho notato una particolare affluenza di turisti e non abbiamo mai avuto particolari problemi nel trovare una camera libera (al contrario della Cornovaglia lo scorso anno). Quindi, personalmente, consiglio di organizzarvi giorno per giorno.
  • Il costo della vita, come è risaputo, è davvero caro (per due coni Ben & Jerry’s siamo arrivate a spendere qualcosa come 15 Euro!). Consiglio di non perdere tempo e soldi per il pranzo.. un panino al volo è più che sufficiente, potete sempre rifarvi e spendere qualcosa in più la sera.
  • Prima di partire ci siamo documentate in Internet (Turisti per caso in primis) e abbiamo acquistato la Lonely Planet, ci è stata estremamente utile.. nonostante non avesse una cartina (separata) dettagliata della Danimarca e nemmeno di Copenhagen.
  • Nonostante il sole, sono zone che rimangono sempre piuttosto arieggiate e fresche, vi consiglio quindi di portare con voi qualche maglia e, se possibile, una giacca a vento e una k-way (ci è capitato spesso di trovare pioggia, non scrosciante e duratura.. ma temporali di passaggio o pioggerelline lievi che sono comunque una scocciatura. E se dovesse piovere.. non demoralizzatevi, il paesaggio e il tempo cambiano tantissimo da un posto all’altro).

1° giorno: Billund – Alborg (Lindholm Hoje) - Skagen

Atterriamo a Billund in perfetto orario e, ritirati i bagagli, troviamo subito la nostra compagnia di autonoleggio, la Sixt. Il personale molto gentile e, dopo aver sbrigato tutte le pratiche, ci ha indicato dove trovare la macchina, una Citroen C3 (in questo caso senza un addetto che ci accompagnasse o che comunque ci spiegasse un minimo le funzioni della macchina). Dopo aver litigato con il portabagagli (che non voleva aprirsi!!) e mentre le prime gocce di pioggia cominciano a scendere ci mettiamo in moto in direzione di Skagen!

Lungo il tragitto ne approfittiamo, a nord di Aalborg, per fermarci a visitare Lindholm Hoje, un importante sito di sepoltura vichinga. E’ possibile visitare il museo, ricco di reperti ma soprattutto didattico e molto curato, e accedere poi, gratuitamente, alla collina dove si possono ammirare un’infinità di tumoli. Il luogo, non particolarmente assediato da turisti, si è rivelato davvero bello e rilassante

  • 23249 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social