Liverpool, la città dei Beatles

Diario letto 90 volte

  • di travelale
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Molti quando si parla di città inglesi non possono fare a meno di riferirsi a Londra, la città più ecclettica e di tendenza di tutta Europa, una città che per certi versi ci fa pensare a New York, un luogo dove spesso non solo si arriva per diletto ma anche per cercare fortuna proprio come fosse una grande mela europea. Però le città inglesi sono tante e molte anche piene di fascino, sicuramente un'ottimo esempio è la città di Liverpool famosa non tanto per la sua architettura ma soprattutto perché ricalca il mito di uno dei gruppi musicali che maggiormente hanno segnato la storia del mondo intero, i fantastici e intramontabili Beatles. Liverpool è una di quelle città visitate prevalentemente dai fanatici delle loro canzoni che qui trovano un sacco di cose da visitare per comprendere meglio questa band mondiale e ovviamente anche per fargli omaggio. Nonostante io sia una fan di alcuni dei brani più celebri dei Beatles il motivo che mi ha spinto a visitare la città di Liverpool è stato proprio quello di capire se potessi trovare qualcos'altro d'interessante o tutto rimaneva legato alla musica e devo dire che dopo i miei 4 giorni di permanenza in città durante un dicembre di ormai qualche anno fa, le mie aspettative non sono state deluse e Liverpool si è lasciata scoprire anche per altri aspetti interessanti.

La zona portuale di Albert Dock è un quartiere davvero interessante dal quale iniziare la visita della città di Liverpool, questa zona un tempo era completamente abbandonata al degrado, qui sorgevano enormi capannoni usati per attività portuali e di altro genere che, caduti in disuso e abbandonati per tempo, sono stati poi perfettamente restaurati, diventando un polo d'attrazione molto gettonato tra visitatori e locali, dove si possono trovare negozi, caffetterie o fare una bella passeggiata. Proprio adiacenti ad Albert Dock sorgono due edifici in stile moderno che ospitano due musei eccezionali , il Liverpool Museum e la Tate Gallery entrambi con ingresso gratuito ed entrambi assolutamente pazzeschi, nei quali devo ammettere mi sono rifugiata diverse volte durante la mia visita della città. Il Liverpool Museum è un posto ideale dove portare i bambini, al suo interno infatti sono allestiti diversi spazi educativi nei quali ad orari prestabiliti della giornata vengono organizzate attività ludiche alle quali i bimbi possono partecipare sempre gratuitamente, laboratori di varia natura come la pittura o la fabbricazione di qualche oggetto usando cartone, colla e forbici per bambini, una bella opportunità quindi per tutte le famiglie. Il museo di Liverpool offre la possibilità di comprendere come la città sia stata nella storia uno dei principali attracchi degli uomini di pelle scura durante il tremendo periodo di tratta degli schiavi, a Liverpool arrivavano africani e sud americani impiegati nei lavori più umili in condizioni estreme, un periodo storico terribile che deve farci riflettere oggi più che mai. Una delle sezioni più interessanti del Liverpool Museum è quella dedicata ai trasporti, quelli che si svolgevano in treno sulla linea Liverpool Manchester, una delle più importanti di tutto il Regno Unito che permetteva il trasporto di generi di prima necessità e legname, davvero carina la copia in scala reale di una di quelle carrozze del treno che percorreva i binari tra le due città. Dal Liverpool Museum inoltre si può godere di una bella vista su uno degli emblemi della città, le Tre Grazie,3 edifici in stile gotico rinascimentale che i locali chiamano amichevolmente così e che attualmente sono la sede di organi istituzionali

  • 90 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social