Belgrado: una capitale dell'est dove trovare storia e quartieri bohémien

Capitale della Serbia, Belgrado è una città ricca di monumenti e con tante possibilità di vivere la vita serale, prendendo un aperitivo lungo il fiume Sava e terminando con una cena tipica nel quartiere bohémien di Skadarlija

Diario letto 823 volte

  • di travelale
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Le capitali europee mi affascinano da sempre, ancora di più se parliamo di quelle che fanno parte dell'Europa a Est dell'Italia e che stanno guadagnando terreno anche turisticamente. Quindi proprio con l'idea di scoprire città poco conosciute dalla massa, decido che la mia destinazione di metà febbraio doveva essere Belgrado, la capitale della Serbia e sulla quale avevo visto molti anni fa un servizio in televisione molto interessante. La scelta per giungere a destinazione era da prima un bus diretto da Bologna per la durata di circa 15 ore e mezza al costo di 70 euro a persona, poi purtroppo, per problemi di tempo, sono stata costretta a dirottare su un volo con scalo a Francoforte che fortunatamente mi costò 140 euro per un biglietto di andata e ritorno.

Per raggiungere il centro città dallo scalo aeroportuale basta prendere il bus A1 che con un biglietto di 300 dinari serbi, l'equivalente di 2 euro, in circa mezz'ora giunge alla Autobuska Stanica, la stazione dei bus dalla quale si raggiunge il cuore nevralgico della città di Belgrado in una decina di minuti a piedi. Belgrado, come molte delle città situate in Europa dell'Est, sono abbastanza economiche e si possono trovare soluzioni alberghiere a partire dai 30 euro a notte, con inclusa colazione, oppure si può scegliere di fermarsi in un Boat hotel, una specie di motonave ormeggiata lungo il fiume Sava che attraversa la città e che regala splendide passeggiate tra la natura. Questa soluzione di alloggio è davvero interessante ed anche a buon mercato, si dorme in una cabina a volte arredata in legno e ci si risveglia cullati da un impercettibile movimento dell'acqua, unico inconveniente è la posizione nella quale sono ubicati queste navi, perché rimangono un pò decentrate e necessitano di una camminata di circa 40 minuti oppure di servirsi giornalmente dei bus che comunque sono abbastanza frequenti; potrebbe essere un giusto compromesso quello di trascorrerci almeno una notte, preferibilmente quella prima dalla partenza, per concludere in maniera sublime la permanenza in città.

Una visita alla città di Belgrado non può che iniziare dal suo castello, un'antica fortezza costruita dal II al XVII proprio nel punto in cui il fiume Sava incontra il Danubio. La sua posizione leggermente sopraelevata divide la città alta da quella bassa, mentre il parco Kalemegdan fa da contorno a questo pezzo di storia e qui i locali vengono a fare jogging o semplicemente a prendere un pò di aria buona.

La Fortezza di Belgrado ospita un museo militare molto interessante nel quale comprendere meglio la missione difensiva del maniero nella storia, l'ingresso a questa mostra museale costa 200 dinari circa 1.20 e a meno che non siete fissati di questo genere di attrazioni, come lo è il mio compagno,un'oretta sarà sufficiente per visitare questo luogo. Continuando la passeggiata attraverso ciò che resta di questa fortezza bisogna assolutamente fermarsi nella piccola cappella di St Petka edificata nel 1867, pare che proprio nel punto in cui sorge questa deliziosa e mistica chiesetta sia avvenuto un miracolo ma ad oggi ancora non ci sono molte informazioni a riguardo.

La via dello shopping di Belgrado è sicuramente Knez Mihailova, questo bellissimo viale è un susseguirsi di palazzi liberty perfettamente conservati come quello che ospita la l'Accademia serba delle arti e delle scienze. Spostandosi praticamente dalla parte opposta a Via Mihailova si arriva in un altro simbolo della città, ovvero il Sava Temple, un vero e proprio gioiello architettonico dove rimanere incantati. Si tratta di una chiesa ortodossa costruita in onore di Sava durante il regime ottomano nel 1954, il suo interno è purtroppo in restauro durante la nostra visita ma ci vuole poco per rendersi conto che questa chiesa all'interno è davvero un capolavoro, dipinti raffiguranti storie di santi e candelabri dalla luce intensa non fanno altro che esaltare la bellezza degli ambienti sopratutto nella sala al piano interrato. Dal Sava Temple è d'obbligo un salto in Piazza Slavja, dove si trova il Palazzo dell'Assemblea Nazionale utilizzato per celebrare eventi istituzionali

  • 823 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social