L'integrazione culturale inizia viaggiando a occhi aperti

Patrizio e Syusy commentano l'attentato a Charlie Hebdo.

 

Sulla strage al giornale satirico parigino Charlie Hebdo noi, tutti, in quanto "turisti", dobbiamo fare mente locale, e cercare di dire la nostra, se è vero che abbiamo un punto di vista speciale e quindi abbiamo la responsabilità di contribuire. Il turista infatti, per definizione, in questi anni ha viaggiato. Se è curioso ha visto coi suoi occhi, ha avuto delle relazioni dirette con culture altre, con persone in carne ed ossa. Dovremmo poterci affrancare dall'altissimo rumore di fondo che si leva oggi dai media (che pure naturalmente ci danno notizie e anche commenti interessanti) per raccogliere viceversa qualche dato esperienziale diretto, vissuto. Noi turisti che siamo stati in Medio Oriente, in Tunisia, in Marocco, in Egitto, in Libia, in Siria, in Turchia, in Marocco, Mali, Niger e magari in Yemen o negli Emirati o anche alle Maldive, nei Mercati o nelle Moschee e che quindi l'Islam l'abbiamo visto "a casa sua", salvo poi incontrare (come tutti) tanti islamici a casa nostra, in fabbrica o nella bottega dei Pakistani, forse abbiamo qualche elemento in più per uscire da questo cortocircuito culturale in cui siamo finiti. Le immagini delle decapitazioni, le immagini dell'attentato a Parigi sollevano (naturalmente) un polverone in cui attecchisce - lo stiamo vedendo in TV - un impazzimento opinionistico in cui si sente di tutto. Ma noi - noi che ci siamo tolti le scarpe o coperti la testa per entrare in un luogo sacro islamico, noi che abbiamo festeggiato il Ramadam durante un viaggio, noi che abbiamo chiacchierato anche di religione e di filosofia spicciola con giovani mussulmani o anche con mercanti di tappeti, noi che abbiamo mangiato il cous cous con le mani assieme a tanti amici nel deserto oppure accolti nel "diwan" (salotto) di una casa mussulmana - noi forse qualche cosa in più la possiamo aggiungere su questo tema dell'integrazione culturale. E anche il tema della satira (che a noi che abbiamo fatto Cuore o Satyricon riguarda da vicino) rientra in quel grande tema della convivenza culturale e della libertà-di-relatività religiosa, linguistica, comportamentale che ogni fede assoluta tende a reprimere, anche a casa nostra. Noi turisti, se abbiamo viaggiato con gli occhi aperti, qualche cosa da dire, o almeno qualche domanda da fare, dovremmo averla. Noi ci proveremo nei prossimi giorni a raccogliere le idee, ma soprattutto voi potete farlo sulla nostra Agorà-turistica, Turistipercaso, che è sempre aperta e che è lì apposta.

Grazie!

Patrizio

Il problema non è solo l'Islam, il problema è che ci vogliono portare in guerra. A chi giova? Bisognerebbe sempre chiederselo. I giornalisti colpiti da questi assassini (nome coniato dalla "Setta degli assassini" legati al signore della montagna, l'ho imparato andando in Siria 5 anni fa a Crack de Chevalier) da chi sono armati?! A chi fa gioco questa strage e a chi giova il conflitto in Ucraina?

Chiediamocelo.

Syusy

Parole chiave
  • 1946 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Mariaitalia
    , 14/1/2015 08:45
    Non sono io che aizzo ,ma sono io che vorrei italiani più consapevoli che troppa immigrazione non siamo in grado di reggerla e che avendo una sola vita vorremmo tutti viverla serenamente e senza eccessi di sacrifici e di rinunce . Che i troppo diversi da noi sono uno sforzo nel quotidiano continuo che alla lunga diventa stancante , che non sono nemmeno nell'igiene come noi,nelle abitudini e dovrebbero loro adattarsi alle nostre anche religioni per rispettarci se vogliono essere da noi accettati, perchè non siamo noi che li andiamo a cercare ,ma loro che vemgono per vivere bene a spese dei fessi ,perchè come una mia pessima cugina sono capaci poi di dircelo in faccia Abbiamo i room che ci tolgono soldi legalmente ed illegalmente e non siamo l'America ,che pure ha problemi di violenza inaudita e corruzione abenorme ed ora anche disoccupazione Le ideologie ,le religioni, i principi che anche io spesso seguo cozzano a volte troppo contro la realtà Cristo morì a 33 anni per i peccati degli altri e non credo tutti desiderano fare la sua fine Maria de Gennaro
  2. Mariaitalia
    , 14/1/2015 08:36
    Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire e di chi non sa sentire . Certo che il dialogo aiuta le convivenze ,ma con i pazzi ,con gli assassini non si può dialogare. Non si può essere troppo idealisti ,ed anche se il mio cattolicesimo e la mia sensibilità mi porta spesso ad agire da troppo buona ,ricordiamo a noi stessi che fine fecero i cretesi dando al valore dell'ospitalità troppo rispetto e credendo che gli altri si comportassero da civili come loro Più sono ,più chiederanno in casa nostra ,come spesso avviene persino tra parenti ,che non sono scelti ,libertà e spazi e spese per loro e meno per noi che già non stiamo certo bene ,(tranne i ladri e gli imbroglioni che cominciano però ad essere scoperti e puniti ),grazie a tutti questi politicanti che manteniamo per fare il nostro continuo danno Ma sono pessimista ,i cretini ,i fetenti che pur di guadagnare qualcosa fosse anche qualche tessera o dare qualche dispiacere a qualcuno si attivano al contrario
  3. Tiziano
    , 11/1/2015 21:41
    No, caro Patrizio stavolta non riesco a essere d'accordo con te...anche io ho viaggiato in paesi mussulmani, non tanto quanto te e non in tali e tanti paesi come te, ma comunque qualche esperienza di viaggio in questi paesi l'ho fatta. E come tutti i miei viaggi l'ho fatta cercando di essere viaggiatore piu' che turista quindi ammirando, RISPETTANDO, e cercando di seguire usi e costumi locali.
    Cosi e' accaduto che sono stato costretto a malomodo a togliermi un piccolo crocefisso che portavo ad una catenella che nemmeno si vedeva.....e ho sempre rispettato i luoghi religiosi, quindi togliersi le scarpe, niente schiamazzi o gesti idioti.
    Ma quello che proprio NON E' GIUSTO e non riesco ad accettare e' che lo stesso crocefisso, mio simbolo religioso in cui credo, qui in Italia a casa mia deve essere tolto perche' offende la religione degli immigrati mussulmani!!! e i nostri bimbi non possono aver un presepio!!! e senza parlare di questi individui che pisciano sulle porte delle nostre chiese!!!
    non sono d'accordo con Salvini ma veramente qui sembra che a essere troppo buoni si fa la figura dei co.lioni!!!

    E ancora...:una volta con mia grande sorpresa mi sono sentito dire da una ragazza irachena (mussulmana), ingegnere laureata in Inghilterra, che noi siamo deboli e che e' appunto la nostra debolezza a fregarci.....! quindi il nostro accettare tutti e tutto con il buonismo piu' forte e' visto da questi come debolezza da schiacciare???
    Sono rimasto stupito, deluso, amareggiato da questa dichiarazione...non ho avuto la forza di rispondergli ma credimi era da dire: ma tu chi devi ringraziare per il fatto che sei ingegnere e quindi hai studiato?? era da dire: lo sai che se restavi in irak forse adesso pascolavi le capre e le capre avevano piu' valore di te???
    e ancora: lo sai che tante donne nei paesi arabi non possono lavorare, vestirsi come gli pare, guidare e fare le cose piu' elementari che invece a te non mancano?! Gia te hai invece anche l i-phone.....


    NO Cosi NON VA....


    Certamente tanti ma tanti mussulmani sono delle bravissime persone, ma devono DEVONO ESSERE LORO STESSI i primi a rispettare le leggi e le usanze e Credo locali e DEVONO essere loro stessi a farli rispettare anche ai loro compagni !

    .....la speranza e l'ultima a morire ma intanto la gente muore....

    tiziano
  4. Mariaitalia
    , 11/1/2015 11:04
    Purtroppo i terroristi non sono due balordi,ma tanti e da un fiammifero anche, facilmente scoppia un incendio enorme
    Mi piace molto viaggiare e tra i miei rammarichi c'è quello di non averlo fatto per lavoro . Ho conosciuto all'estero i musulmani ,ho mangiato in Giordania sotto il tendone loro cibi con piacere ma per igiene e per prudenza non ho fumato alla pipa della pace .Li ho conosciuti in Egitto dove sono stata cacciata dalla loro Moschea e persino allontanata dall'ambasciata dove per fotografarne l'edificio ,un palazzetto rosa delizioso , mi vidi un fucile puntato contro.
    Quello che gli evoluti, i perbene,i benintenzionati pensano non è quello che i violenti, i fanatici, i malintenzionati pensano e continuamente fanno.
    Le crociate secoli fa le abbiamo fatte pure noi ,in nome di Dio con la croce sulla scudo (un partito non dei peggiori lo aveva come simbolo) e sugli stendardi .Perciò non dovremmo meravigliarci ma difenderci
    Amare il prossimo spesso è mortale ,persino i parenti fratelli inclusi sono pericolosi ,come i condomini . Bisognerebbe imparare a difendersi ,a vivere nella triste consapevolezza di che cosa è il genere umano.
    Ci vorrebbe più sorveglianza , controlli maggiori ,anche se spesso molti si ribellano ai controlli e temono uno stato poliziesco ,anche perchè pure della polizia non ci si può sempre fidare e molti ne hanno fatto l'esperienza
    Sono pessimista ,ma spero che si decidano anche a ridurre l'immigrazione ,ad abbattere le moschee abusive (Fatto gravissimo, già l'abusivismo edilizio è un danno grave per il territorio aggiungiamo anche l'abusivismo religioso e figuriamoci) ed a convincerli ad adattarsi alle nostre istituzioni, alla nostra religione E' da saggi, da maturi cercare di vivere in armonia in una nazione che non li ha cercati ,sono loro che vengono in un territorio con storie ,tradizioni, civiltà e culture diverse che chiede rispetto della propria identità ed al massimo può accettarli .Ma con tanti problemi che alcuni politicanti squallidi non poco e tanti nostri connazionali fetenti non poco ci hanno creato possiamo con pazienza accettarli,ma non possiamo subirli più di tanto Già nelle scuole viene tolto il nostro crocifisso per non offenderli ,viene invece ammesso che la stampa offenda ogni tipo di religione Già molti bambini italianissimi non trovano posto nelle scuole pubbliche perchè ci sono graduatorie che danno spazio a chi ne ha più bisogno e lavoratori onesti devono metterle nelle private già alle asl se non sei proprio una poverella ti dicono che per visite specialistiche devi aspettare un anno e magari l'extracomunitario e simili le ha subito Giusto per far cacciar soldi agli onesti cittadini Salgono e scendono dai pulman senza biglietto si siedono loro ed i loro numerosi bebè e con il biglietto in mano cominciando a sentirsi cretina si resta in piedi E'tutta una contraddizione Premetto che sono per la libertà di stampa sacrosanta ,ma in certi momenti andrebbero evitati gli eccessi Maria de Gennaro
  5. malangela
    , 9/1/2015 22:35
    I terroristi della strage a Parigi, quelli di Boco Haram, l'Isis, Al Quaeda , seppure si professino mussulmani, non hanno nulla a che fare con tutti quei mussulmani che ho incontrato in Siria, in Yemen, in Mali, in Turchia, in Oman, in Mauritania, in Libia, ecc. Che nostalgia di tutti quei luoghi e di quelle genti. Credo che per combattere la follia dei terroristi islamici, i governi occidentali debbano dialogare con gli islamici moderati e coraggiosi.
    Je suis Hamed!
    Je suis Charlie!
  6. Annie Faganello
    , 9/1/2015 16:54
    DIO E' AMORE tre parole meraVigliose fondamentali per salvare l'ESSERE UMANO E IL MONDO parole che dobbiamo ricordare ogni giorno in ogni nostra azione e ne inostri rapporti con il PROSSIMO
  7. Alessandra Cella
    , 9/1/2015 15:17
    Condivido in pieno. Considerare tutti i mussulmani come dei terroristi, sarebbe come ammettere di non aver mai avuto a che fare con un mussulmano.
    Chi ama viaggiare, condivide la mia sete di conoscenza per il mondo e tutte le sue sfaccettature, con naturalezza si lascia contaminare dai sapori, gusti, colori, suoni e pensieri di nuove culture e modi di fare, per migliorarsi, per crescere, per condividere le cose belle che ci sono nel mondo. Tutto questo non può e non deve finire solo perchè quattro balordi, estremisti, invasati, decidono di fare alla guerra col mondo intero, prendendo per scusa la religione.
    Mi auguro che dalle immagini che si vedono sui media, la gente riesca a capire che la maggior parte dei mussulmani non farebbe mai cose simili.
    Abbiamo avuto anche noi le nostre crociate e ci sono sempre stati dei personaggi balordi nella storia e a volte le guerre hanno avuto luogo perchè la gente si è lasciata trascinare nel vortice delirante di questi personaggi.
    Ecco, io vi invito a considerare che aizzare l'odio contro tutti i musulmani non porterà nulla di buono a nessuno.
    Alessandra

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social