Viva Cuba

Viaggio a Cuba in due alla ricerca di un pò di relax tra mare, sole, storia e...tanta buona frutta

Diario letto 2446 volte

  • di squalo78
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Finalmente un nuovo viaggio! Dopo un lungo e difficile anno si parte... io e mio marito... come sempre... destinazione Cuba.

Siamo partiti da Milano con la compagnia aerea Neos, volo confortevole e puntualissimo all'andata e addirittura atterrato in anticipo al ritorno. L'andata è stata un po' lunghetta perché è previsto uno scalo ad Holguin, città a sud di Cuba, prima di arrivare all'Havana, ma niente di drammatico.

All'aeroporto ci attendeva il transfer per raggiungere Varadero, la nostra base sull'isola. lontana un paio d'ore di strada dalla capitale.

Varadero non è per niente come mi è stata descritta in Italia, dove è stata addirittura definita la Rimini di Cuba... ora io mi aspettavo mare grigio, spiagge affollate e confusione invece niente di tutto ciò. Il mare è bellissimo, la spiaggia è lunga bianca e tranquilla, sarà stato anche il periodo non particolarmente pieno... certo è una cittadina turistica che poco ha a che fare con la realtà cubana, ma è un ottimo compromesso tra chi vuole rilassarsi in spiaggia e chi vuole girare un po' visto che si trova nella zona centrale di Cuba. Abbiamo alloggiato al Breezes, un complesso di villette a schiera molto bello, sorge su un tratto di spiaggia ampio, è immerso in un giardino tropicale meraviglioso e molto curato. La nostra camera era spaziosa, dotata di veranda, insomma buona, solo un po' vecchiotta (porte scrostate, rubinetteria ossidata), ma ho avuto modo di entrare in altre stanze ed erano più nuove... tutto tollerabile comunque. Non parlo dell'organizzazione del villaggio perché questa è stata la mia prima esperienza in una simile situazione e quindi non saprei cosa dire; in realtà ero un pò spaventata dalla presenza dell'animazione e di tutte quelle cose da villaggio turistico, invece... animazione discreta, nessuno ti rompe le scatole per trascinarti in giochi e cose simili, in spiaggia tranquillità assoluta senza musica a sfondarti le orecchie.

Cibo ottimo, grande varietà al buffet un pò meno nei ristoranti, eccezionali frutta e verdura! La mattina preparavano degli ottimi frullati con frutta fresca che potevi scegliere personalmente. Per i tanti italiani abitudinari c'era anche la pasta...io non l'ho mai presa perchè all'estero preferisco mangiare altro.

Veniamo ora alla vera Cuba, quella vista nelle tante ore passate su strada per raggiungere i luoghi che abbiamo deciso di visitare... dalle piantagioni immense, ai piccoli villaggi sulla strada, dalle facce ammiccanti di quelli che cercano di venderti sempre qualcosa, agli sguardi indifferenti dei vecchi seduti sulla porta di casa a prendere un po' di fresco. Tanti i contrasti riscontrati, la natura è lussureggiante, esplosiva, carica di frutti meravigliosi, nelle città tante le costruzioni svuotate e abbandonate, ridotte a catapecchie... in questo paese il tempo si è fermato sessant'anni fa e non ha più ripreso a scorrere.

L'Havana è affascinante e decadente, molto vitale piena di tante cose da vedere...mi hanno colpito il lungomare chiamato Malecon, Plaza de la Revolution, girovagare per le stradine del centro storico, la musica ovunque e il mojito! Non della Bodeguita del Medio ma dell'hotel dove alloggiava Hemingway, l'Ambos Mundos.

Trinidad, patrimonio dell'umanità, è invece una cittadina coloniale della regione centro-orientale, calda e silenziosa, bello il panorama che si gode dalla terrazza sulla torre del Palazzo Cantero. Le case, tutte dipinte con colori pastello sono una più bella dell'altra.

A Santa Clara merita una visita il Mausoleo dedicato al Che, vero eroe nazionale...io mi sono emozionata... soprattutto nel sentire come parlano i cubani di quest'uomo

Infine, da appassionata di natura, non poteva mancare una visita alla Penisola di Zapata, un'immensa palude che si può percorrere con delle lance che sfrecciano lungo i tanti canali, ricca di vegetazione e uccelli. Da queste parti abbiamo mangiato il mango più buono della nostra vita...e abbiamo anche fatto snorkeling nel Mar dei Caraibi (precisamente nella famosa baia dei porci) dove il fondale è pieno di pesci tropicali e coralli.

Cuba merita di essere visitata, non basta una sola volta (è lunga quanto l'Italia!), come per ogni viaggio è necessario sapersi adattare e lasciarsi andare... ma per questo si è aiutati dai tanti mojito, cuba libre, pina colada che si incontrano sul cammino!

  • 2446 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social