In giro per la Croazia

Dalle bellissime spiagge fatte di ciottoli rotondi bagnati da un mare azzurro che abbaglia, al Parco di Plitvice dove 18 km di passerelle di legno danno al tragitto a pelo d'acqua un fascino unico, passando per i centri storici di ...

Diario letto 40476 volte

  • di Modasa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Sabato 11 giugno

Sono le 14 circa e si parte in macchina (Sara ha detto noooooooooo) alla volta della Croazia, la prima tappa sarà a Lovran (680 km 7 h) dove prevediamo di arrivare verso le 22, tempo permettendo. Le previsioni non sono buone, quest'anno piove molto e l'estate sembra ancora lontana. Il viaggio è buono, è sabato pomeriggio e non c'è tantissimo traffico. Dalle parti di Trieste ci fermiamo a fare benzina (30 €) e mangiare un panino (14,70 €) prima di attraversare il confine sloveno. Usciamo dall'autostrada (Borghetto S.S. - Trieste 46,80 €), attraversiamo la frontiera e prendiamo la statale E61 che ci consente di attraversare la Slovenia (30 km) senza pagare la famosa vignetta autostradale. Intanto il cielo si fa sempre più scuro. Alla frontiera con la Croazia ci mettiamo in una antipatica e scortese poliziotta che ci controlla i documenti senza proferire parola e saluto e poi ripartiamo, inizia a piovere e a pochi km dall'arrivo la pioggia diventa un fortissimo temporale con tuoni e fulmini. Arriviamo all'Hostal Link (Šetalište maršala Tita 9 - 464,30 Kn circa 62 € per una notte) sotto il diluvio, sono da poco passate le 22, siamo in pieno orario, eravamo un po' in apprensione perché la reception chiude alle 23. Il posto è molto carino ma avremo modo di vederlo meglio domattina, siamo molto stanchi e andiamo a dormire

Domenica 12 giugno

Facciamo una veloce colazione e lasciamo l'albergo, si tratta di una struttura nuovissima, ostello solo di nome...... hanno finemente ristrutturato una delle tante ville di questa parte dell'Istria trasformandola in un hotel con affaccio sul mare. Mettiamo le valigie in macchina e facciamo un pezzo della famosa e deliziosa passeggiata di 12 km che va da Lovran a Volosko passando per Opatija, (Abbazia in Italiano, da noi soprannominata Topazia). A picco sul mare e fiancheggiata da ville del secondo ottocento e primo novecento circondate da giardini e parchi, peccato per il tempo, inizialmente è solo grigio ma poi comincia a piovigginare. Dopo avere prelevato 1700 Kn (236,45 €) e recuperato la macchina ci dirigiamo a Volosko, un piccolo e caratteristico borgo di pescatori dove ci fermiamo a pranzare da Moho (Obala Frana Supila 8 - 194 Kn - 26,92 €) dove mangiamo discretamente, fanno una buona pizza nel forno a legna. Torniamo a Lovran, facciamo benzina (276 Kn - 37,50 € - circa 1,20/l) e ci dirigiamo verso Brestova per prendere il traghetto per l'isola di Cres (160 Kn - 21,58 €). Ha smesso di piovere, è uscito un po' di sole, la traversata dura una ventina d minuti e ci vuole un quarto d'ora di macchina per arrivare a Cres capoluogo. Arriviamo intorno alle 17 all'Apartament Livia (Šetalište 20. travnja 50c - 130 € per due notti), un meraviglioso appartamento con due stanze da letto, enorme soggiorno e terrazza, nuovo e molto bene arredato. Il proprietario parla italiano, è molto gentile e ci da qualche dritta sul posto e su dove mangiare. Usciamo a fare una passeggiata per farci un'idea del posto, la cittadina è carina anche se molto piccola, andiamo a vedere le spiaggette e durante la camminata ci facciamo ingolosire dalla simpatica insegna di un ristorante e decidiamo di cenare alla Konoba Kumpanija (Melin 1 - 400 Kn - 54,35 € - voto 5,5) un posto anonimo, caro e con cibo scarso. Una passeggiata e un gelato (industriale e non certo eccellente) e torniamo a casa per la notte

  • 40476 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social