Capodanno in piazza a Cracovia

Feste di fine anno tra bancarelle di Natale, cultura e buon cibo. Visita anche della Miniera di sale di Wieliczka e della località montana di Zakopane

  • di 19Simone80
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Periodo: Dicembre 2017 – Gennaio 2018

Durata: 6 Giorni (30 Dicembre – 04 Gennaio)

30 DICEMBRE: CRACOVIA (ARRIVO)

La meta invernale scelta, per il ricorrente benvenuto all'anno nuovo, è Cracovia, seconda città della Polonia. Seconda solo per popolazione in quanto è stato un importante crocevia nei tempi antichi grazie alla sua posizione strategica, ed anche nell'Europa odierna è senz'altro al vertice nel proprio Paese sotto l’aspetto culturale, artistico e universitario. Con un volo della compagnia easyJet giungiamo dopo circa 2 ore all'aeroporto intitolato all'indimenticato ex-pontefice Giovanni Paolo II. Da qui optiamo per il taxi come mezzo che ci porterà alla struttura in cui soggiorneremo per le 5 notti della vacanza. Cambiamo circa €20 in aeroporto giusto per le prime spese, poiché non è molto conveniente rispetto al cambio offerto da diversi uffici presenti in città (consigliato l'ufficio cambi nella stazione dei treni). Prestare comunque attenzione al cambio offerto in città, perché i cartelli al di fuori dei numerosi uffici di cambio (Kantor nell'idioma locale) mostrano la tariffa Zloty -> Euro (ovvero la tariffa per acquistare gli Euro, esattamente il contrario da quella che interessa ai turisti che devono acquistare gli Zloty), quindi diffidare da cambi esposti superiori ai 4,25 (riferiti ad un cambio ufficiale di circa 4,2 Zl./€).

Con poco più di €10 a testa (tariffa fissa del taxi per il centro città 89 Zl. quindi €20) il taxi ci lascia davanti all'ingresso della struttura Cybulskiego Guest Rooms, non lontano dalle mura che contornano il centro storico di Cracovia (in zona ovest). Lo stesso tassita ci propone di ritornare con il suo taxi in aeroporto il 4 Gennaio (partenza del volo alle 10 del mattino, quindi ci accordiamo per le 7:30 davanti all'hotel), un servizio che abbiamo gradito perché così non abbiamo sbattimenti di dover chiamare e attendere il taxi oppure prendere il bus navetta verso l’aeroporto.

Giusto il tempo per sbrigare le pratiche in reception e sistemare i bagagli nell'appartamento, ci mettiamo subito alla ricerca di un posto dove mangiare. Il Cybulskiego Guest Rooms, è situato in una palazzina, il giovane personale della reception è molto cordiale e disponibile verso la clientela, si viene sempre accolti con il sorriso. Descrivendo in breve l'appartamento, c'è una prima porta di ingresso che dà sul corridoio che comprende anche un frigorifero e un angolo cottura, è comune alle 2 camere che completano l'appartamento, ovviamente l'ospite avrà le chiavi della propria camera, completa di bagno privato (camera pulita e semplice, ideale per brevi soggiorni). Come anticipato raggiungiamo in pochi minuti a piedi l'ingresso alla città vecchia, non lontano dalla famosa Piazza del Mercato (la più grande piazza medievale d'Europa) che affascina al primo sguardo.

31 DICEMBRE: CRACOVIA

La colazione, inclusa nel soggiorno, è continentale, modesta e semplice. Il locale è al piano inferiore della reception, caratteristico come fosse un'antica dimora con tanto di camino e accogliente. Come spesso ci capita chiediamo in reception consigli su come trascorrere la serata in attesa del Capodanno, se c’è qualcosa di organizzato nelle piazze della città. Speravamo in qualche concerto in piazza, e non rimaniamo delusi, infatti proprio nella Piazza del Mercato (Rynek Głowny) scopriamo che si esibiranno 3 giovani artiste di rilievo Nazionale (spettacolo denominato "Sylwester w Krakowie"). Non ci saranno invece fuochi d'artificio organizzati dal Comune, per ragioni di ordine pubblico. Di grande rilievo è l'incantevole Piazza del Mercato, attorno alla quale sorgono bellissimi palazzi dei secoli XVII e XVIII, alcuni dei quali di impronta veneta, la torre civica del Municipio, il grande Mercato dei Tessuti (Sukiennice), utilizzato come luogo di commercio sin dalla sua inaugurazione, e soprattutto la Basilica di Santa Maria, dalla quale ogni ora un trombettiere esegue la tradizionale melodia hejnal. La differenza di altezza tra le due torri della basilica si rifà alla leggenda di due fratelli che competerono nel costruire la più alta. La costruzione della Basilica di Santa Maria, durò quasi 200 anni, ma per mancanza di finanziamenti rimase incompiuta. L'altare principale accoglie una scultura del tardo medioevo, la più grande pala d'altare d'Europa.

Interessanti cimeli della storia cittadina, possono essere ammirati nei sotterranei della Piazza del Mercato. Il Museo Sotterraneo ha una superficie di circa 4000 mq. Con nostro stupore troviamo ancora le caratteristiche bancarelle del Natale, ideale per cercare qualche souvenir, e pregustare le leccornie offerte da numerosi gazebo, da particolari formaggi grigliati con pancetta o marmellata, a calde zuppe di carne e legumi, ma anche spiedini, stinchi e pollo, fritti e guarniti al momento

  • 1517 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social