Costiera e dintorni

Quattro giorni tra Positano e Amalfi visitando anche Ravello Maiori e Capri. Il fascino della costiera intramontabile anche fuori stagione. Una breve pausa di relax per rigenerarsi ed affrontare l'inverno in arrivo circondati da tanta bellezza.

Diario letto 13655 volte

  • di marcoa1974
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Quale migliore idea quella di spezzare la monotonia concedendosi una breve pausa in COSTIERA?

Ottobre 2010 decidiamo di trascorrere qualche giorno di riposo nella magnifica costiera Amalfitana, tra Postano e Amalfi. Il tempo è dalla nostra parte e l’idea di visitare questi posti in un periodo meno affollato risulta azzeccata. La costiera si mostra in tutta la sua bellezza e il minore affollamento rende i paesaggi ancora più emozionanti. Anche per questa vacanza decidiamo di non andare con la macchina ma di utilizzare i mezzi pubblici, senza pentirci affatto di questa scelta. Tutta la vacanza è vissuta in calma e tranquillità.

La partenza è per il giorno 16 ottobre in treno da Roma Termini fino a Salerno. In due ore e mezza raggiungiamo Salerno e nei pressi della stazione prendiamo l’autobus della SITA che ci porterà a Postano, la nostra prima tappa. L’autobus impiega circa 40 minuti per raggiungere Amalfi e lì ci aspetta un altro pulman che in circa 20 minuti ci fa raggiungere Positano. Inutile descrivere il viaggio lungo la famosa strada costiera. Io che soffro un po’ il mal d’auto mi sono premunito con l’apposita gomma da masticare, davvero utile. In alcuni punti la strada è talmente stretta che l’autobus è costretto a fare manovra e l’abilità dei conducenti quando incontrano un’altra auto in direzione opposta è sorprendente. A discapito della difficoltà della strada la velocità non è sempre moderata, molto probabilmente è la forza dell’abitudine di chi è nato e cresciuto in questi posti. Positano ci accoglie con un fantastico sole autunnale ed in pochi minuti raggiungiamo il nostro albergo, hotel Bouganville, in posizione centrale e dotato di tutti i confort. L’unica pecca il rumore nella camera da letto, troppo vicina all’impianto centrale di climatizzazione che ci fa passare la prima notte quasi tutta insonne. Dopo una breve passeggiata improvvisamente sopraggiunge un forte ma breve acquazzone che ci costringe a rifugiarsi in uno dei bar sulla spiaggia per un gradito aperitivo.

Decidiamo il giorno dopo di recarci a Capri e prenotiamo una delle tante escursioni giornaliere. Concludiamo la sera perdendoci per i vicoli di Postano e con una fantastica pizza margherita al ristorante la Valle dei Mulini che merita il dovuto bis. La mattina dopo ci avvisano che il tour per l’isola di Capri è annullato a causa del maltempo ed un po’ scoraggiati raggiungiamo il molo per ottenere il rimborso della caparra versata. Avevamo orami perso le speranze quando confermano un’unica partenza con aliscafo per Capri alle 10 e trenta e decidiamo al volo di andare. Ci sarebbe piaciuto il tour completo ma pazienza, sarà per la prossima volta. Il mare agitato rende la navigazione piuttosto movimentata, effetto montagne russe, non so se avete presente.

Anche in questo caso all’arrivo l’isola di Capri ci accoglie con una fantastico sole autunnale e di corsa prendiamo la funicolare per la mitica piazzetta. Anche l’isola è poco affollata e dopo un breve giro in piazzetta, davvero molto piccola, molto di più di quello che sembra in televisione, decidiamo di raggiungere Anacapri. I racconti dei conoscenti che prima di noi avevano visitato questi posti non si dimostrano sbagliati. Anacapri è un luogo fuori dal mondo, un’oasi di tranquillità in una natura stupenda, con panorami a dir poco strepitosi. Visto il poco tempo a disposizione scendiamo di nuovo a Capri dritti verso il belvedere di Tragara. I faraglioni si manifestano in tutta la loro maestosa bellezza e l’impressione è quella di poterli sfiorare con la mano. Il posto ci piace in modo particolare perché un pò fuori mano dal consueto percorso turistico e dal più gettonato belvedere Cannone, di gran lunga più a affollato di persone. Ci sediamo sulla panchina e rimaniamo lì, di fronte ai faraglioni, immersi nel fantastico panorama. Decidiamo, poi, di proseguire per il sentiero di via di Pizzolungo verso villa Malaparte per raggiungere un altro bellissimo punto panoramico che ci lascia senza fiato. Senza altri turisti vicino, circondati dalla natura e dal silenzio, con i caldi e piacevoli raggi del sole che ci accarezzano la faccia la sosta è d’obbligo, anche per scattare una serie di fotografie a ricordo della giornata. L’altezza del posto e la sensazione di vuoto che si percepisce dall’affacciata mettono a dura prova il nostro senso dell’equilibrio e la sensazione inevitabile di vertigine

  • 13655 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social