Un golfo sorprendente!

Dopo aver scandagliato su internet il Mediterraneo alla ricerca di un’isola che potesse riunire le nostre esigenze famigliari, inaspettatamente la scelta è caduta su Ischia. Due settimane a giugno così suddivise: due giorni a Napoli io e mio marito, una ...

Diario letto 9581 volte

  • di l.lea
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Dopo aver scandagliato su internet il Mediterraneo alla ricerca di un’isola che potesse riunire le nostre esigenze famigliari, inaspettatamente la scelta è caduta su Ischia. Due settimane a giugno così suddivise: due giorni a Napoli io e mio marito, una settimana ad Ischia con sua mamma e sua zia e infine quattro giorni io e lui soli nelle costiere Amalfitana e Sorrentina.

12.6 – Da Torino a Napoli Pochi giorni prima di partire abbiamo trovato un volo più conveniente del treno da Torino Caselle a Napoli Capodichino, 90 euro circa ciascuno per tratta. Andata con Air Italy e ritorno con Air One. I voli sono stati puntuali e poco affollati. Siamo atterrati nel primo pomeriggio a Napoli e dall’aeroporto abbiamo preso l’autobus n. 3S che portata in centro. A bordo abbiamo chiesto indicazioni per la fermata più comoda per Via dei Tribunali e, scesi, abbiamo percorso un tratto a piedi per raggiungere il Napoli Bed, un B&B contattato via internet. Prezzo: 30 euro a testa. Le immagini sul sito ritraevano delle belle stanze ampie con pavimento in legno e dipinte di fresco. Questo è ciò che abbiamo trovato all’interno, tuttavia abbiamo dovuto superare l’impressione decadente dell’esterno dell’edificio. Il proprietario simpatico ed accogliente ci ha regalato un cornetto come porta fortuna per la vacanza. Approdando a Napoli quasi completamente a digiuno di notizie sulla città, non potevamo sapere che il centro storico è un quartiere popolare, con ancora tante evidenti necessità, ma una personalità vivace e coinvolgente. Via dei Tribunali è un decumano ovvero attraversa la città romana da est a ovest, è stretta e lunga. Su di essa si affacciano alti edifici sgretolati, anche se a senso unico è percorsa da entrambi i lati da ogni sorta di veicolo. I pedoni devono fare costante attenzione al traffico, ai mezzi di trasporto posteggiati, agli espositori commerciali, ai passanti e ai turisti. Noi siamo rimasti affascinati, immediatamente catturati dall’atmosfera chiassosa e molto, ma molto pittoresca, come direbbero gli inglesi. La posizione si è verificata strategica per la visita della città. Prima tappa un’ottima pizza a I Decumani, a pochi passi dal B&B. Due margherite (con una mozzarellina fresca appoggiata al centro) birra e acqua 13 euro totali. Proprio lì di fianco, abbiamo visitato la Napoli Sotterranea. Una guida socevole e preparata ha accompagnato nella visita delle cisterne, e dei pozzi dell’acquedotto. Alcuni cunicoli li abbiamo percorsi a lume di candela. Soprattutto mio marito ne è stato entusiasta. La visita è durata 60 minuti circa. Consiglio alle freddolose come me di coprirsi adeguatamente poiché vi sono 16 gradi costanti tutto l’anno. Con la pizza appena mangiata e addosso solo una maglietta è stata dura.Ritornati in superficie ci siamo spostati verso il chiostro di Santa Chiara nell’omonima via al n. 49/c dove dal frastuono dei vicoli siamo passati ad un silenzio solo interrotto dai fischi delle rondini, avvolti dal candore delle maioliche e dalla bellezza delle volte. L’ingresso costa dai 3.5 ai 5 euro, la visita non è guidata ma imperdibile. Percorrendo a piedi via Toledo ci spostiamo verso il mare con l’intenzione di visitare il Maschio Angioino, quando arriviamo dopo le 18 purtroppo lo troviamo chiuso. Facciamo alcune foto alla facciata e ci spostiamo verso Piazza del Plebiscito. E’ grande, bella e da lì si vede il Vesuvio. In serata passeggiando nei pressi della basilica di S.Paolo Maggiore dalla quale provengono le voci di un coro. Ci avviciniamo e due ragazze ci invitano ad entrare, gratuitamente poichè a concento quasi terminato e rimaniamo incantati dalla voce del soprano del coro Ensemble Vocale Axia. Questo viaggio poco o nulla pianificato si rileva già ricco di sorprese. Ci sentiamo fortunati. Forse il cornetto funziona davvero

  • 9581 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social