Da Londra verso la Cornovaglia

Interessante giro itinerante nel sud-est dell'Inghilterra

  • di cicca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Il 10 agosto si parte verso Londra Gatwick da Linate. Avevamo precedente prenotato un'auto con la Hertz scegliendola tra le piu' piccole proposte visto che siamo solo in due e che avevamo letto di quanto siano strettine le strade in Cornovaglia.

La prima tappa la facciamo a Oxford -b&b The conifer lodge, in periferia, ma così è stato facile lasciare l'auto e utilizzare il bus che fermava proprio di fronte all'ingresso(a/r 4,50 pounds). Trascorriamo l'intero pomeriggio a visitare Oxford solo esternamente, rinunciando anche agli interni del Christ Church College per motivi di tempo vista la lunga coda. La cittadina ci piace molto, è vivace e ordinata con splendidi angoli sul fiume e lungo le vie pedonali. Numerosi i college sbirciati dall'esterno, erano in corso anche open day e tanti studenti affollavano le vie centrali.

Ceniamo al Thaikhun, ristorante thailandese che ci è molto piaciuto. In tarda serata torniamo con il bus al nostro b&b dove, grazie al silenzio e al letto molto comodo, ci ricarichiamo per il giorno seguente.

Dopo l'abbondante colazione ripartiamo destinazione Bristol. Lungo il percorso ci fermiamo nell'area delle Cotswolts in particolare a Bibury, Upper e Lower Slaughter, Chipping Campden, tutti i villaggi rimasti quasi inalterati nel tempo. In particolare suggerisco di raggiungere Upper Slaughter da Lower attraverso un bel sentiero nel verde.

Arriviamo a Bristol nel tardo pomeriggio. Avevo prenotato una camera presso un'abitazione tramite Airbnb dove mi è stato possibile anche preparare un'abbondante pasta al tonno evitando così di vagare alla ricerca di qualcosa di decente da mangiare.

La città non ci fa una gran impressione complice il tempo uggioso ed essendo una cittadina universitaria, l'assenza delle frotte di studenti che vivacizzano e animano positivamente queste anonime cittadine.

Il giorno seguente lo trascorriamo a Bath raggiungibile facilmente da Bristol, una piccola cittadina turistica nota particolarmente per le antiche terme lasciate dai romani, visita che consiglio. Numerosa la presenza di turisti e la giornata trascorre velocemente girandola piacevolmente a piedi graziati dalle piogge che erano previste abbondanti.

Il giorno seguente, prima di lasciare Bristol, gli dedichiamo un'oretta fotografando dall'alto il ponte sospeso di Clifton, da molti indicato come l'unica attrattiva della città.

Prossima tappa Torquay (hotel ThePalms), giusto un assaggio della costa inglese dove sole e cielo azzurro fanno sembrare la zona balneare anglosassone meno decadente di quello che a molti di noi appare, con pub, sale giochi e fish&chips ad ogni metro e l'immancabile luna park, tante coppie in evidente sovrappeso che trascorrono l'intero giorno a mangiare, bere e giocare. Suggerisco una tappa a Brixham e Plymouth molto più carini.

Dopo colazione partiamo velocemente destinazione Chacewater, un micro villaggio dove ho riservato un appartamento con Airbnb scelto appositamente per la sua posizione centrale così da poterci spostare da nord a sud al massimo in due ore.

Premesso che noi siamo dei gran camminatori e amiamo molto i costal path, in questi cinque giorni abbiamo cercato, leggendo le molte recensioni, di percorrere i più scenografici e caratteristici. Aiutati da questa eccezionale estate durante la quale le piogge sono state sporadiche e brevissime, da Lizard, St Ives, St Agnes, Porthcurno, Porthleven, Newquay, Marazion, Land's End, abbiamo cercato di vedere il più possibile camminando circa 20/25 km al giorno aiutandoci a volte con i bus per tornare all'auto

  • 5737 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social