Rotolando verso Nord: weekend a Copenaghen

Due giorni green a casa della Sirenetta. Unico mezzo di trasporto... le nostre gambe

Diario letto 9789 volte

  • di Ouagno's 89
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Il nostro weekend a Copenaghen comincia molto presto con la sveglia per raggiungere l’aeroporto di Bologna, l’atterraggio in terra danese è previsto alle 9 del mattino così abbiamo tutta la giornata a disposizione. Arrivati in aeroporto prendiamo il treno che in circa quindici minuti porta direttamente alla stazione centrale dietro la quale si trova il nostro hotel (City Hotel Nebo). Non andiamo neanche a fare il check-in visto che come bagaglio abbiamo solo uno zainetto a testa e usciti dalla stazione ci troviamo subito davanti il parco divertimenti Tivoli che decidiamo di saltare inizialmente per tornarci in un altro momento, quindi partiamo con la nostra passeggiata e arriviamo davanti alla piazza del Radhus, il municipio della città.

Da qui inizia lo Stroget, la via commerciale di Copenaghen che percorriamo fino all’altezza del Christiansborg Slot, sede del parlamento danese con la torre più alta della città che dalle undici del mattino apre ai visitatori e l’ingresso è gratuito quindi decidiamo di aspettare e saliamo(si arriva in cima direttamente con l’ascensore) così abbiamo subito una prima impressione dall’alto di tutta la città…la prima impressione è che in alto tira un vento gelido e fa freddissimo!

Una volta scesi dalla torre passiamo davanti all’edificio della borsa valori con la sua guglia a forma di quattro code di drago e percorriamo il ponte che ci porta sull’isolotto di Christianshavn , passiamo davanti alla Chiesa del Nostro Redentore con la sua particolare scala a spirale esterna che porta in cima al campanile e poi raggiungiamo la città libera di Christiania, la comunità indipendente di hippie che hanno occupato una vecchia base militare dove quasi tutto è lecito. Qui ci addentriamo nella famosa e famigerata Pusher Street dove l’hashish viene venduto liberamente nei chioschetti ai lati della strada dagli spacciatori coperti con passamontagna e occhiali da sole per evitare di venire ripresi dalle foto dei turisti (che comunque non sono ben accette come ricorda il cartello all’inizio della strada). L’odore dell’erba ci accompagna anche nelle stradine limitrofe alla via principale che a differenza di quanto letto in vari racconti non ci sembrano così artistiche così dopo un breve giro dei dintorni decidiamo di uscire da questa zona “libera” della città per continuare il nostro tour.

Percorriamo la zona dei canali fino al quartiere di Nyhavn, il porto con le sue caratteristiche casette a schiera colorate e arriviamo nella grande piazza di Kongens Nytorv dove ci fermiamo in un McDonald’s per il pranzo e per scaldarci dopo il freddo della mattina. Dopo pranzo ripartiamo verso l’Amalienborg Slot, la residenza ufficiale dei Reali danesi formata da quattro palazzi che racchiudono una piazza al loro centro, da qui si può vedere da una parte la Marmorkirken, la chiesa con la grande cupola e dall’altra parte del canale il moderno Operaen, il teatro nazionale dell’opera. Continuiamo a sfidare il vento gelido e proseguiamo verso l’attrazione più famosa (e più piccola) di tutto il paese, Den Lille Havfrue ovvero la Sirenetta protagonista della fiaba di Hans Christian Andersen, qui ci facciamo qualche selfie con la statua e poi andiamo a vedere anche la sorella più moderna posizionata un po’ più avanti ma decisamente più bruttina rispetto all’originale. Nelle vicinanze si trova anche l’edificio del Kastellet, una fortificazione militare a forma pentagonale delimitata tutto intorno dall’acqua, facciamo il giro della fortezza e poi ripercorriamo tutta la strada fatta in andata fino a Kongens Nytorv, ripassiamo per lo Stroget e andiamo in albergo stanchi, un po’ infreddoliti ma soddisfatti della nostra prima giornata danese

  • 9789 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social