Colombia e Perù

Viaggio in Solitaria per la Colombia con anche una settimana nella zona di Cuzco (Perù)

Diario letto 642 volte

  • di JKaci
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

4 Febbraio – 9 Febbraio: Cuzco e dintorni

Ritorno quindi a Cuzco il giorno dopo con il treno. Il mio alloggio è nel quartiere di San Blas che devo dire è davvero stupendo, con molti bar e ristoranti parecchi dei quali con terrazzo e vista panoramica sulla città. Consiglio di alloggiare in ogni caso in centro e magari esplorare la città a piedi. Ci sono molte opportunità come per esempio salire fino alle famose rovine di Saqsawayan , se siete allenati è una fantastica esperienza. Si può partire dal centro e salire per 2 km con circa 600m di dislivello ed arrivare più in su delle rovine più famose dove troverete altri tesori. Ci sono delle rovine “nascoste” ai più dove si può avere una completa visuale sulla valle di Cuzco, queste rovine sono raggiungibili tranquillamente anche dalla strada che porta a Saqsayaman. Da lì si scende per un altro km e mezzo per arrivare alle rovine principali che comportano l’acquisto di un ticket (30 soles) con cui potrete vedere altri 2 complessi di rovine oltre a quello principale. Non perdetevi assolutamente quest’attrazione, naturalmente è raggiungibile anche con mezzi pubblici. Il centro di Cuzco vi sorprenderà ad ogni angolo, potrete fare shopping di vestiti (un maglioncino fatto con lana di alpaca non può mancare), visitare il fornitissimo mercato dove potrete anche mangiare ad un prezzo molto economico, visitare il museo del cioccolato o della coca e tante altre attrazioni. Durante questi 4 giorni spesi a Cuzco ho anche visitato la Montana de Colores (Palcoyo) grazie ad un tour prenotato su AirBnb experience (38€). Ci sono due famosi complessi di Montagne colorate nell’area di Cuzco, la più visitata è la Montana Arco iris (Vinicunca). Ci si arriva con 2,30h di Bus e 1,30h di cammino totale ed è a Circa 5200m. Questa montagna è molto frequentata, nel mio tour ci siamo fermati a pranzo in un ristorante insieme a molti altri gruppi. Dopo mangiato 20 minivan sono andati a Vinicunca e solo in due a Palcoyo. La cosa che mi ha fatto propendere per Palcoyo è che il tragitto per arrivarci è quasi più bello dell’attrazione stessa. Passeremo infatti per paesini storici, lagune, grandi porte d’entrata alla capitale e fantastiche montagne con antichi terrazzamenti dove vivono migliaia di alpaca e dove passa un fiume di color rosso (dovuto alla colorazione dell’argilla al suo interno). Dopo 3,30h arriviamo a circa 5000m e lo scenario è da mozzare il fiato, una serie di montagne più o meno colorate. I visitatori erano pochi e posso godere a pieno del paesaggio, contrariamente a Vinicunca dove da come mi è stato detto bisogna quasi lottare per trovare lo spazio per una foto. Questa settimana è stato solo un assaggio di Perù ma sufficiente da poter capire molte cose della loro cultura e storia e per darmi la spinta per visitarlo più a fondo prossimamente. Il Cibo in Perù è molto buono, non potete non provare il “Sushi” peruviano chiamato Cheviche solitamente fatto con trota salmonata marinata in aceto e limone.

9/10 Febbraio: Bogotà/Medellìn

Il 9 pomeriggio mi reco all'aeroporto di Cuzco per prendere il mio aereo di ritorno a Bogotà dove alloggerò di nuovo nel quartiere affianco all’aeroporto El Dorado. Sono in un Beb gestito da persone molto disponibili e gentili (non ha un vero nome, su booking lo trovate come: “5 minutos de el aeropuerto”) come si dimostrerà del resto il 99% dei colombiani. Il giorno dopo ho l’aereo per Medellìn alle 11, la compagnia è la low-cost Vivair . Vi servirà ovviamente il check-in online ma contrariamente alle cattive recensioni non ho avuto nessun tipo di problema con questa compagnia. Dall’aeroporto potete decidere di prendere un bus che raggiunge Medellìn e impiega un’ora (14000 pesos) o un Taxy (100000 pesos contrattabili), tenetevi pronta la fotocamera perché il primo tratto è magnifico. Non fate il mio stesso errore di alloggiare in pieno centro, ovvero nei pressi di Plaza Botero o del quartiere Bombonà. Non avevo calcolato per questi primi due giorni a Medellìn che il centro di notte potesse essere pericoloso per i turisti. Il posto migliore dove alloggiare è il quartiere Poblado, in alternativa la zona Laureles nei pressi dello stadio anche è molto tranquilla. Esploro un po’ il popolare quartiere Bombonà e Plaza San Antonio in questo primo pomeriggio e prenoto un tour per il giorno dopo tramite Zippy Free Tour alla Comuna 13

  • 642 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social