Cinque giorni tra Valencia e Alicante

Sei amici amici in giro per le due città spagnole (con 300 euro)

Diario letto 15649 volte

  • di nicorobin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Fino a 500 euro

25 Aprile 2012

La partenza è prevista da Venezia Marco Polo alle 12.05 con il volo di Volotea: destinazione Alicante, Spagna! Abbiamo scoperto in seguito che si trattava del volo inaugurale della tratta Venezia-Alicante quindi all'arrivo ci hanno atteso fotografi e un getto d'acqua (porta-fortuna?) dei pompieri. Il volo era il leggero ritardo ma sorprendentemente comodo e piacevole! Alle 16.00 eravamo già nella C8 noleggiata precedentemente da Alamo sul sito rentalcars (costo 92€ + 59€ per drop off diverso da pick up + 20€ benzina per ripristinare il pieno). La meta era Valencia ma abbiamo scelto di spezzare il tragitto fermandoci a Gandìa, a metà strada tra Alicante e Valencia procedendo per la via lungo il litorale. Abbiamo scelto di prendere l'autostrada, ma dato il costo elevato (12€ per circa 80km!) abbiamo optato poi per la strada senza pedaggio. Gandìa è una località turistica con un'ampia spiaggia e lungomare. Fino a qui nulla di particolare, se non fosse per il meraviglioso profumo di fiori d'arancio nell'aria! A Gandìa abbiamo sostato al 100Montaditos per approfittare della vista sul mare e... della promozione del mercoledì tutto a 1€! Sazi e felici abbiam ripreso la strada verso Valencia passando per il Parco Naturale di Albulefa. Dopo aver depositato l'auto presso la nuova stazione di Joaquin Sorolla, ci siamo avventurati per passare un cavalcavia per raggiungere l'hotel Senator 4 stelle prenotato su booking.com ad una tariffa molto vantaggiosa. Potrei consigliare l'hotel per la struttura in sè ma non per la posizione: con il senno di poi avrei preferito alloggiare in una zona più centrale. In serata abbiamo ripetuto l'esperienza a 100Montaditos a tutto 1€, questa volta in Plaza Reina Sofia, e poi tutti a concludere la serata all'Oktoberfest in Plaza de Toros! Incredibile ma vero... All'interno della struttura era stato ricreato lo stand della birra Paulaner!

26 Aprile 2012

Ci svegliamo con un sole spledente e una temperatura estiva che ci hanno accompagnato per l'intera giornata. La meta del giorno è La Ciudad de Las Artes y Las Ciencias con strutture futuristiche progettate dall'architetto Calatrava (lo stesso che ha progettato il famoso ponte di Venezia che collega la stazione Santa Lucia con la fermata degli autobus Piazzale Roma). Lungo il tragitto abbiam fatto tappa per la colazione nel bar Goxoa Pintxos in Av. Peris y Valero: con una ventina di euro abbiam fatto un'abbondante colazione in sei a base di giganteschi croissant e muffin, discreti cafe corto e zumo de naranja. Ci siam fermati poi al parco con scivoli e giochi dedicato a Gulliver per poi andare verso la "Ciudad". Abbiamo scelto di visitare solo l'Oceanogràfic: l'ingresso è piuttosto costoso (21€ studenti, 25€ intero) ma ne vale la pena! Consiglio di approfittare anche del diventente spettacolo dei delfini, oltre ai vari e spettacolari "padiglioni" con pesci e animali da diverse parti del globo. Prima di tornare in centro abbiam fatto una deviazione (lunghetta per la verità) verso l'ex area dell'American's Cup. Nulla di particolare ma perlomeno abbim visto il mare! Con la metro verde abbiamo raggiunto Plaza Colòn e girovagato per negozi finchè non è arrivata la voglia di provare le tapas: quindi ci siamo diretti verso Lizarran in Plaza Ayuntamiento (si paga in base agli stuzzicadenti nel piatto, in base alla forma si paga da 1,25 a 1,90 al pezzo. alla domenica c'è una promozione vantaggiosa, mi sembra che sia tutto a 1€ o poco più)

  • 15649 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social