Cipro, oriente e occidente tra mille spiagge e una storia millenaria

Da Paphos, in scooter (200 cc) e poi col quad (150 e 360 cc), abbiamo girato l'intera isola

Diario letto 6971 volte

  • di mirkos il greco
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Vacanza molto on the road con punte di 200 km e poi 400 km in una sola giornata, roba da pazzi! Ma l'isola merita di essere visitata tutta, città comprese. Con zone militarizzate da turchi o ciprioti. Basi Unesco con simboli e frasi di pace con intorno torrette militari, mitra e fili spinati. La dogana turca, le capre lungo il percorso stradale e dietro le spiagge, i due laghi salati immensi, i diversi locali chiusi causa crisi, pochissimi italiani e tanti inglesi, la guida a sinistra, le ottime cene a base di piatti tipici! E Akamas, into the wild, off road sul quad, spazi deserti, con la spiaggia di Lara bay dove le tartarughe marine depositano le loro uova.. .Tutto questo in una sola parola, Cipro!

Quest'estate abbiamo scelto Cipro e vi anticipo che è stata una scelta ben ripagata dall'isola! Il perché è presto scritto: isola dalle mille spiagge, ricchissima di storia antica e più recente, un'isola divisa in due dal '74 con una sorta di muro fatto anche di reti da letto a separare in due la capitale Nicosia, un'isola sia orientale che occidentale, il tutto con un volo davvero low cost con la Ryan Air che ci ha portato in un Paese da quel che ho visto ancora relativamente poco turistico salvo qualche zona, con tante parti e tante spiagge semideserte!

Partiamo col la descrizione del viaggio e quindi con l'arrivo all'aereoporto che dista 10 km da Pafos, città patrimonio dell'Unesco, per me la più bella città di Cipro. Ricca di scavi e di siti archeologici gratuiti o con ingresso a 1,70 euro (così come nel resto dell'isola). Tra questi davvero impedibili le "Tombe dei Re". Noi abbiamo alloggiato all'Hotel Pyramos prenotato tramite il sito Booking e ci siam trovati benissimo, situato in ottima posizione a due passi dal porto e all'inizio della via dei locali serali. La passeggiata lungo il porto è lunga e piacevole, con sullo sfondo il Kastro, il castello di Pafos che di notte è davvero notevole! Da Paphos partono i pullman che portano un po' per tutta l'isola quindi per chi volesse risparmiare e non si volesse cimentare con la guida a sinistra (dopo poco ci si abitua, ma sempre massima attenzione alle rotatorie!) potrebbe essere una buona soluzione. Noi però abbiam preso uno scoooter 200 di cilindrata e poi il quad per l'off road di Akamas, ma va detto che sia le macchine che le jeep hanno prezzi molto bassi ed accettano persino la Postepay anzichè le carte di credito, sarà la crisi! Crisi che si vede molto bene a Paphos dove nella via dei locali di cui sopra circa uno su tre è chiuso e abbandonato. Ma fa storia (molto recente) anche questo, ricordiamo tutti la crisi cipriota di pochi mesi fa con i prelievi forzosi nei conti correnti! Cominciamo il racconto dell'avventura molto on the road sulle due e quattro ruote, si parte in direzione Nord! Vicinissima a Pafos, percorrendo la strada costiera, c'è Coral Bay, una splendida spiaggia di sabbia bianca e mare trasparente in un ampia e suggestiva baia, il cui neo è che è affollata e ha un bar dietro la spiaggia che spara musica a tutto volume tutto il giorno. Ma vale un bel bagno! Proseguendo verso Nord merita un salto anche la spiaggia di San Giorgio, una piccola baia adibita anche a porticciolo per piccole barche a vela, dominata dall'alto dalla Chiesa di San Giorgio appunto. Mare buono per lo snorkeling malgrado il cartello di divieto di balneazione causa attracco barche!

Proseguendo verso Nord si arriva alla meravigliosa penisola di Akamas, che da sola vale il viaggio a Cipro per me! Penisola lunga e incontaminata, senza costruzioni, con una strada sterrata che scorre tra il mare e le colline verdi. Strada dove divertirsi col quad come abbiam fatto noi, per poi però riposarsi nella spendida Lara Bay, la spiaggia dove le tartarughe marine depositano le loro uova in buche scavate nella sabbia. Buche protette da recinti in metallo ben visibili lungo la lunga spiaggia. Ma Lara Bay non è solo questa lunga spiaggia fatta di sabbia soffice, ha anche una sorta di baia nella baia formata da una parete di gesso che declina verso il mare, parete di gesso dove nella parte finale ci si puo' sdraiare con il telo da mare. Negli ultimi metri inoltre si trasforma in piccole mini spiagge personali, è da vedere con i propri occhi e da godersela una giornata intera! Altra tappa verso Nord ma percorrendo un'altra strada, questa volta interna e non costiera, si raggiunge Polis, a 40 km da Pafos. Da Polis andando verso sinistra al bivio di ingresso alla città, quindi verso il Tempio di Afrodite (da non confondere con la spiaggia di Afrodite a sud di Pafos) passerete per la cittadina costiera di Latsi, con una ampia e carina spiaggia. Ma l'ottimo lo troverete proseguendo ancora un po' fino alla fine della strada asfaltata. Vi imbatterete in una piccola baia di cui non ho trovato neanche il nome ma scovata “a fiuto”! Mi son detto: “Akamas è bellissima, se proseguo dritto fino a che non arrivo ad Akamas (questa volta dal lato Nord) non potrò non trovare una spiaggia splendida”. E così è stato! La si raggiunge dopo una breve discesa a piedi tra le piante e vi apparirà come per magia un mare trasparente ideale per lo snorkeling, puntellato qua e là da degli isolotti facilmente raggiungibili a nuoto; e sulla destra potrete ammirare il panorama della grande baia di di Chrysochou. Vista e goduta questa meraviglia, ripercorrendo la strada per Polis, tranquilla cittadina di mare con un bello ma piccolissimo centro storico, proseguiamo in direzione Nord-Est fino al confine turco, a Kato Pyrgos

  • 6971 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social