Le Cinque Terre a un anno dall'alluvione

Il miracolo ligure visto da semplici turisti per caso

Diario letto 4598 volte

  • di Davidoof
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ci eravamo ripromessi di trascorrere un weekend in Liguria prima che arrivasse l'inverno. L'occasione sembrava non arrivare mai in quanto le previsioni meteorologiche non erano mai tali da poterci garantire due giorni di bel tempo. Quando avevamo ormai perso ogni speranza ecco arrivare il fine settimana ideale. Seguendo il consiglio che Patrizio e Syusy hanno dato a noi, turisti per caso, nell'editoriale di qualche tempo fa, io, mia moglie Chiara e il nostro piccolo Gianluca (che ha già compiuto 2 anni: come vola il tempo!) siamo partiti in direzione delle Cinque Terre. A un anno esatto dall'alluvione che tanta distruzione aveva portato abbiamo potuto vedere con i nostri occhi come la gente, con grande forza di volontà, si sia rimboccata le maniche per poter riprendere in mano la propria vita. Abbiamo anche avuto il piacere di ascoltare diverse testimonianze che ci hanno fatto un po' vivere un evento che abbiamo visto solo in televisione. Soprattutto a Vernazza (forse la più bella delle Cinque Terre) i segni che ricordano quei giorni sono ancora tanti, percorrendo la strada che, da monte, scende verso il paese ci si rende conto di come la natura possa ribellarsi all'opera dell'uomo, portando con sé tutto quello che trova sulla propria strada. Anche nella vicina Corniglia ci sono ancora segni evidenti della catastrofe di un anno fa, la strada che la collega a Manarola e alla stessa Vernazza è ancora interrotta in diversi punti, oltre a essere costretti a viaggiare a senso unico alternato, si deve prestare molta attenzione: in alcuni tratti non è ancora stato possibile ripristinare il guard-rail. Nonostante tutto ciò, però, grazie allo straordinario lavoro di tutti, la bellezza di questi luoghi è ancora quella che amiamo.

Il nostro tour inizia da Riomaggiore, la più grande delle Cinque Terre e, probabilmente, anche quella con più saliscendi. Scherzi a parte la cittadina ha il suo punto più bello nel caseggiato vista mare, ma è salendo qua e là che si scoprono punti panoramici ogni volta sorprendenti. Nella parte alta sono da visitare la Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista e l'antico Castello che domina il centro storico. Essendo chiusa (per frana) la “Via dell'Amore” siamo costretti a riprendere la macchina (in alternativa c'è il treno la cui stazione è proprio nel centro del paese) per spostarci in quel di Manarola. Quest'ultima, più piccola rispetto a Riomaggiore, ha diversi angoli da scoprire, ma il panorama più bello (da cartolina) lo si può osservare dal mare: la cittadina sembra sospesa su un costone di roccia e le tipiche case-torri, addossate le une alle altre, offrono una visione indimenticabile. Nel centro storico il monumento più bello è sicuramente l'antica Torre campanaria, un tempo importante baluardo difensivo. Ultima tappa di giornata è Corniglia, l'unica delle Cinque Terre senza sbocco sul mare. La cittadina, abbarbicata sulla collina, è ricca di antiche costruzioni e strette stradine. Le case, basse e larghe, assomigliano più alle costruzioni presenti nell'entroterra che a quelle degli altri paesi delle Cinque Terre. Il monumento più importante è sicuramente la Chiesa di San Pietro, gotica come tutti gli edifici religiosi della zona, la cui facciata è impreziosita da un bellissimo rosone in marmo.

Dopo aver passato la notte a Vernazza (Rina Rooms, Via Ettore, 9) dove abbiamo anche gustato una prelibata cena (Trattoria Sandro, Via Roma 60) a un prezzo concorrenziale (considerando dove ci troviamo!), siamo pronti per ripartire all'arrembaggio. Lasciati i bagagli presso la struttura che ci ha ospitato, con il battello raggiungiamo Monterosso, la più grande delle Cinque Terre, nonché la località con maggiore ricettività turistica. La cittadina ha una parte moderna (dove si trovano la maggioranza degli alberghi e delle case-vacanza) e un caratteristico borgo ricco di graziosi e stretti Caruggi

  • 4598 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social