10 giorni in Cina secondo il classico itinerario da "principianti"

Breve ma intenso tour di 10 giorni in Cina, toccando le classiche atttrazioni imperdibili in un primo contatto con questo immenso paese

Diario letto 828 volte

  • di marti80
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Informazioni pratiche:

TRASPORTI: voli prenotati online con Opodo acquistati a inizio marzo per il periodo di aprile: andata con Austrian per Shangai e rientro con Swiss da Pechino (650€ a testa)

VISTI: ottenuti tramite la piattaforma online CHINA VISA DIRECT, caricando comodamente tutti i documenti necessari online (passaporto, piano dei voli e itinerario del viaggio con le prenotazioni dei pernotti) e risparmiandoci quindi il disagio di andare presso l’ambasciata o di dover pagare un intermediario. Questo tipo di visto è ok solo per viaggi brevi e per gruppi di viaggiatori (minimo 2 persone) e viene spedito a casa da Shangai tramite corriere internazionale qualche giorno prima della partenza. Costa meno del visto turistico tradizionale (in 2 abbiamo speso 178€). Unica nota: non è adatto a persone ansiose, dato che il visto deve necessariamente arrivare pochi giorni prima della partenza e non ha a che fare con un ufficio o persone in carne e ossa, ma solo con una piattaforma online. Io mi sento di raccomandarlo caldamente perchè è molto funzionale e il personale è sempre disponibile via mail (rispondono in tempi rapidissimi a qualsiasi domanda).

In fase di controlli alla partenza, va detto che il personale della nostra compagnia aerea ha dovuto fare qualche verifica ulteriore prima di farci imbarcare, poiché non erano a conoscenza dell’esistenza di questo tipo di visto. Ma credo che, man mano che aumenterà la diffusione, sarà sempre meno probabile che accada.

TOUR: per essendo viaggiatori abituati ad organizzarci autonomamente nei nostri viaggi, in questo caso ci siamo affidati ad un’agenzia cinese (Chinadiscovery.com), più che altro per sfruttare al massimo il tempo a disposizione e per avere maggiori garanzie di non avere intoppi con i trasporti interni (abbiamo preso un treno e 2 voli interni). Tutto sommato ci siamo trovati bene, anche se la formula del viaggio organizzato non fa proprio per noi.

Abbiamo speso 2.800dollari in 2 per un tour di 9 giorni comprensivo di: pernotti in hotel 3 stelle, transfer da/per gli hotel, 2 voli interni (Shangai-Guilin + Giulin-Xian), treno da Xian a Pechino, colazione, pranzo e cena, guida parlante inglese, ingressi alle attrazioni. Era esclusa la mancia per tutte le guide e gli autisti che abbiamo avuto nelle varie città (circa il 10%).

PERNOTTI: metà prenotati dall’agenzia locale sulla base dell’itinerario e metà prenotati autonomamente da noi su Booking.

DENARO: abbiamo prelevato valuta locale agli ATM e pagato tutto quello che non era già stato saldato in Italia (ad esempio agenzia all inclusive) in contanti

COMUNICAZIONI/INTERNET: prima di partire ci siamo scaricati varie applicazioni VPN, che ci hanno permesso di accedere a whatsup/facebook/instagram e google senza troppi problemi collegandoci ai wifi degli hotel/ristoranti.

Diario di viaggio

Sabato 20 aprile 2019

Piano di volo ci vede far scalo a Vienna e poi via verso Shanghai dove atterriamo alle 6 di mattino. All’uscita dell'aeroporto troviamo un autista che ci porta all’hotel in città (Holiday Inn express Zhabei). Essendo ancora presto usciamo a fare due passi nei dintorni e così preleviamo moneta locale da un atm e facciamo colazione in uno Starbucks. Rientriamo in hotel, saliamo in camera e poi alle 11.30 scendiamo nella hall perché passano a prenderci con un minibus per la gita di giornata. Dopo un’oretta di viaggio arriviamo a Zhujiajiao: cittadina acquatica che ricorda vagamente Venezia… Abbiamo un’oretta di tempo per esplorare le viuzze che costeggiano i canali, sgomitando con le tantissime persone presenti.

Rientriamo a Shanghai e ci portano al museo della seta: quello che noi definiamo “trappolone per turisti” ovvero uno shop con un sacco di cose da acquistare (in verità senza essere pressati in alcun modo). Alle 17.30 è ora di cena e così ci portano in un ristorante tipico sotto al Bund. Abbiamo poco tempo e alle 18.15 siamo all’imbarcadero per la crociera sul fiume Huangpu. Ci ritroviamo in centinaia di persone sul traghetto a fare foto allo skyline della città. Rientriamo in hotel alle 20 e ce ne andiamo a dormire

  • 828 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social