Cina fai da te? Certo che si può fare!

Quindici giorni a zonzo in treno: tutti i suggerimenti per organizzare in totale autonomia un primo assaggio della Cina.

Diario letto 1523 volte

  • di mque_mque
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Dopo anni di viaggi in Asia, la Cina era ancora una destinazione chiusa nel cassetto.. ma la primavera 2019, con un fantastico ponte da Pasqua fino al 1 maggio, decide per noi: si va! Ovviamente organizziamo tutto da noi... e ora lo possiamo dire: anche per la Cina è possibile muoversi in totale autonomia. Ecco alcuni suggerimenti rispetto ai dubbi che anche noi avevamo, prima di partire.

Non so il cinese. Come farò a farmi capire?

In Cina l'inglese è parlato (in genere abbastanza male) solo dagli operatori turistici; persino negli hotel di fascia medio-alta talvota non c'è personale che parli inglese. Ma la tecnologia viene in aiuto: tutti i cinesi hanno lo smartphone, e molti hanno un traduttore online dove, digitando la frase, si ottiene la traduzione. Anche voi ovviamente vi doterete di un traduttore, e il gioco è fatto. Scegliete bene l'app: innanzitutto deve funzionare offline, e poi tenete presente che alcune, sempre gratuite, hanno anche la funzione di tradurre inquadrando con la fotocamera: utilissimo quando si è in giro.

Il traduttore però non vi esime dall'esservi preparati: dovrete avere le idee abbastanza chiare su cosa vedere, che mezzi prendere ecc. perchè purtroppo un cinese non vi dirà mai "non lo so".. vi dirà lo stesso di andare a destra o di prendere il bus 15, anche se non ne ha la più pallida idea, facendovi perdere un sacco di tempo. Per prevenire queste situazioni, che comunque vi capiteranno, vi sarete scaricati un'app con la mappa della metro delle città che visitate (sceglietene una con le stazioni bilingue), e poi assolutamente maps.me, che funziona offline e contiene anche la localizzazione di tutti gli hotel di Booking. Portate poi sempre con voi il nome scritto in cinese della vostra destinazione, soprattutto se volete usare i taxi.

A Pechino, Suzhou e Shanghai la cartellonistica della metro è comunque bilingue, mentre a Xian ahimè no, nonostante che sia una destinazione super-turistica; poichè per fare il biglietto è di solito necessario sapere prima dove si vuole scendere, è fondamentale sapersi orientare in autonomia per poter usare i distributori automatici (allo sportello ovviamente parlano solo cinese).

Un altro aiuto può venire dallo scegliere gli ostelli come soluzione di pernottamento: il personale parla un buon inglese, e di solito sono disponibili molti servizi, sia gestionali (es. lavanderia, per chi come noi viaggia con bagaglio ridotto) che turistici (visite, serate a tema, trasporti) dal buon rapporto qualità/prezzo. Noi li abbiamo usati sia a Pechino, visitando con loro la Grande Muraglia di Mutianyu, che a Xian, dove siamo andati al sito dell'Esercito di Terracotta, con la comodità di essere presi e riaccompagnati in ostello senza il problema di organizzare in autonomia il transfer. A Xian in realtà era già in avanzata fase di costruzione una linea metro che porterà direttamente al sito dell'Esercito di Terracotta.

Per ottenere il visto devo andare al Consolato di Milano/Roma?

Non è sempre necessario. Se vi serve un classico visto turistico, siete almeno in due e condividerete tutto l'itinerario senza mai separarvi, allora potete richiedere un visto turistico di gruppo con una facile procedura online, per la quale si scannerizzano i passaporti, si compila una scheda coi dati del viaggio (è necessario avere già acquistato il volo e deciso dove pernottare) e si paga: il visto, che essendo di gruppo non viene apposto sul passaporto ma è su un modulo separato, arriva tramite corriere. Noi abbiamo utilizzato la piattaforma https://it.chinavisadirect.com/ perchè non ha intermediari: servizio impeccabile e tempistica perfetta, senza alzarsi dalla scrivania. Fatevi mandare il codice tracking del corriere, così saprete in ogni momento se il documento è in arrivo (negli ultimi giorni la nostra ansia pre-partenza era alta). Il visto viene inviato obbligatoriamente solo una settimana prima della data di ingresso nel Paese, quindi se fate un viaggio con altre tappe prima della Cina può non essere la scelta giusta.

In Cina verrete talvolta fermati per un controllo dei documenti: dovete quindi sempre portare con voi sia il passaporto che il visto. Chi vi ferma ovviamente parla solo cinese; potrebbe cercare il classico visto sul passaporto, senza trovarlo.. siate pronti: se inizia a sfogliare le pagine, tirate fuori il visto di gruppo e fate capire chi c'è compreso, oltre a voi

  • 1523 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social