Attraversando la panamericana cilena, tra poesia e profumo di vino

Dove andiamo quest’anno?!? Africa, Asia, Sud America? Un piano di viaggio inizia sempre cosi, con la scelta della destinazione di un mondo talmente ampio da scoprire da avere sempre una lista lunghissima dei luoghi dei sogni.

Diario letto 753 volte

  • di Valerytravels
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Il 18 Febbraio si parte da Roma Fiumicino con un volo diretto Alitalia di 15 ore, uno dei voli diretti più lunghi che partono dall’Italia. Il volo è piacevole e non si sente quasi per niente il peso di tutte quelle ore seduti, ma questa è la partenza e pur di viaggiare non sarebbe un problema nemmeno stare in piedi!

Qualche turbolenza passando per le Ande ci avvisa che siamo quasi arrivati.

Il 19 Febbraio si arriva all’aeroporto di Santiago del Cile dove ci rilasciano una targhetta di viaggio che servirà per pernottare nelle strutture di tutto il Cile.

Per questo stato del Sud America nel 2019 non era richiesto un visto ma è bene sempre controllare in caso ci siano dei cambiamenti.

Ritiriamo gli zaini e prendiamo un taxi che ci porta a uno dei pochi hotel che abbiamo prenotato da casa, l’Hotel Capital, poco fuori dal centro di Santiago, ottimo ed economico.

Un caffè al bar della hall e usciamo alla scoperta della città.

Per tre giorni gireremo Santiago a piedi, sarebbe inutile prendere la macchina.

A Santiago è una bellissima giornata di caldo.

La prima tappa è al cerro Santa Lucia, una collina da cui si gode la vista di tutta la città. La passeggiata su e giù per la collina impiegherà qualche ora e alla fine della mattinata giungiamo al centro di Santiago, passeggiando per Plaza del Armas, pranziamo con le prime empanadas di questo viaggio. Scopriamo una città nuova, ordinata, pulita, giovanile e altamente attrezzata. L’aspetto delle città, da regione a regione, varierà tanto nel corso dello stato cileno.

Nel pomeriggio decidiamo di assestare il nostro jet lag trascorrendo qualche ora di relax nella piscina dell’hotel, situata nella terrazza all’ultimo piano, mangiando un fetta di anguria fresca e godendo del tramonto sulla città.

La nostra prima cena sud americana è al ristorante Azul Profundo. La sala è ambientata da una vecchia prua di una nave e sirene ovunque, illuminata solo da candele. Luci soffuse, ottimo cibo di pesce fresco, un buon bicchiere di vino cileno e la voglia di scoprire tutto il bello che questo paese può offrire renderanno perfetto l’inizio di questo viaggio.

Seconda giornata a Santiago.

Il sole splende alto, colazione abbondante perché siamo sicuri che ci serviranno tante energie per camminare per tutta la città. Ci dirigiamo presso la prima casa di Pablo Neruda, famoso poeta e attivista cileno. Il Cile conta ben 3 case del poeta, tutte visitabili. La Chascona, così è chiamata la casa di Santiago, è un tripudio di ricordi e colori, di oggetti provenienti da tutto il mondo. Lo scrittore era un grande collezionista e attraversando le stanze noterete souvenir di ogni genere. La casa si può scoprire attraverso un audio guida che vi sarà data all’ingresso ma non si possono scattare fotografie. Finita la visita, la prossima destinazione è “il polmone verde di Santiago” una vera e propria area verde immensa e immersa nel cuore della città. Quest’area permette ai cittadini di godere anche di qualche giornata lontani dal traffico cittadino, immersi nella natura in aree relax. Dopo aver acquistato il biglietto, si può accedere attraverso funivie e cabinovie. Ci sono vari percorsi per la salita e ci si può fermare o continuare a salire. Il polmone verde conta uno zoo (che non consiglio), un’area picnic e relax, tantissimi prati e alberi, un’enorme piscina stile stabilimento balneare e vari chioschi e ristoranti. Man mano che si sale attraverso le funivie si possono notare le differenze della città: da una parte palazzi moderni, piscine e strade asfaltate, dall’altro lato baracche fatiscenti e strade polverose, le due facce del Sud America

  • 753 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social