Carinzia in camper

Un delizioso viaggio nella verde Carinzia cambiando destinazione ogni giorno

Diario letto 68425 volte

  • di Lidius
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Quest'anno avevamo solo una settimana di ferie ad Agosto e purtroppo proprio quella di Ferragosto. Ovviamente non avevamo assolutamente voglia della calca e del caldo italiano anche per il fatto che sono incinta di più di 6 mesi. Chiacchierando con i colleghi, a mio marito hanno parlato della Carinzia che, dopo un paio di valutazioni, ci è sembrata una destinazione abbastanza vicina a Verona e accessibile da fare in camper e ci dava l'impressione di non essere né troppo calda né troppo affollata.

Ho cercato di studiare un itinerario abbastanza vario, che ci consentisse di visitarne più zone possibili anche se ci siamo concentrati sull'area più a sud. Gran parte delle tappe sono state determinate dalle attrazioni previste dalla Kärnten Card, una tessera acquistabile in moltissimi punti vendita austriaci che da diritto all'accesso gratuito a moltissime attrazioni della regione, oltre a sconti in numerose altre. Noi abbiamo acquistato quella valida 1 settimana ( esiste anche da 2 settimane e 5 settimane) al costo di 36€ a testa, costo che non solo abbiamo ammortizzato, ma ci ha consentito un risparmio globale di ulteriori € 82 circa a testa, consentendoci di apprezzare svariati luoghi e attrazioni della Carinzia. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito http://www.carinzia.at/ e http://www.kaerntencard.at/it. Disponibile anche un app per smartphones per verificare i dettagli durante il viaggio.

VILLACH E DINTORNI

Abbiamo viaggiato il venerdì notte partendo dopo il lavoro per evitare il traffico e a mezzanotte siamo arrivati effettivamente all'ultima area di sosta presso il Tarvisio dove, grazie ad una rigenerante pioggerellina, abbiamo trascorso la notte gustandoci già la temperatura decisamente più leggera dei 37°C lasciati in Pianura Padana.

L'indomani abbiamo acquistato presso l'autogrill la Vignette austriaca al costo di 8,30€ valida 10 giorni: il bollino è obbligatorio per circolare su autostrade e superstrade in Austria.

Il cielo era ancora un po' nuvoloso ma non minaccioso e, vista la vicinanza al confine, abbiamo deciso di fare la prima tappa a Villach parcheggiando presso un posteggio vicino alla stazione situato in Volkendorfer Strasse e a soli 200mt dal centro. La cittadina è molto piccola e graziosa, straordinariamente pulita come tutte le località che abbiamo comunque visitato in questa vacanza e questa caratteristica balza sempre ai nostri occhi.... Abbiamo acquistato subito la Kärnten Card presso l'ufficio turistico e non abbiamo perso tempo nel sfruttarla. La visita di Villach si esaurisce in fretta visto che si sviluppa principalmente su una strada principale circondata di Caffè e negozi, a meno che non vogliate effettuare l'itinerario storico per i vicoli, ma consigliamo comunque una visita alla chiesa parrocchiale di St. Jacob - prima chiesa protestante in Austria - e la salita gratuita sul suo campanile grazie alla carta. Si salgono 240 gradini di legno a volte un po' angusti ma estremamente affascinanti e si raggiunge la cima dalla quale si può godere il panorama dell'area circostante la città con le Alpi italiane da un lato e gli alti Tauri dall'altro.

Abbiamo poi deciso di sfruttare la possibilità che ci dava la carta di fare un giro in battello di un paio d'ore sul fiume Drava - fiume che ci accompagnerà per tutta la durata nel nostro viaggio. Basta recarsi al molo sul fiume ( sempre in centro, vicino al ponte in fondo alla strada principale) e presentare la carta all'imbarco e il gioco è fatto! Il tour, tuttavia, non è molto entusiasmante: le spiegazioni che escono dall'altoparlante sono ovviamente solo in tedesco e a causa del volume basso non si comprendono molto bene. Il comandante avrà fatto due interventi durante tutto il tragitto e anche questi di difficile comprensione. Il paesaggio è anche molto ripetitivo quindi consigliamo l'escursione a chi ha bisogno di un paio d'ore di relax o per lo meno informatevi prima di partire di eventuali punti di interesse durante il tragitto. Vi consiglio anche di portarvi qualcosa da mangiare e da bere visti i prezzi stellari del bar di bordo...

  • 68425 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social