Capodanno a San Gimignano

Quattro giorni all’insegna del buon cibo e dei bei paesaggi nel cuore di uno dei borghi medievali più belli d’Italia

Diario letto 8714 volte

  • di Pchan
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

30 Dicembre 2015

Non sono un’amante del Capodanno, ma quest’anno io e il mio ragazzo abbiamo pensato di “farcelo piacere” soggiornando in una delle località che più amiamo in Italia: San Gimignano, un borgo medievale a due passi da Siena.

Non è la prima volta che visitiamo San Gimignano, ma è la prima volta che la vediamo in inverno e io sono curiosa di vedere se mi piacerà tanto quanto in estate!

Partiamo il 30 Dicembre da Milano, a metà mattina, e facciamo una sosta pranzo coi fiocchi a Fidenza, dove c’è l’Hostaria delle Terre Verdiane: una garanzia.

Cominciamo così la nostra vacanza “gourmet” con gnocco fritto e salumi della zona, carbonara con culatello e maccheroni al prosciutto crudo. Ci piace viaggiare leggeri!

A metà pomeriggio arriviamo all’Agriturismo Il Colto, scelto per l’ottima posizione: a soli 500 metri dalle mura e quindi dal centro storico di San Gimignano.

Veniamo accolti dalla proprietaria, gentilissima e disponibilissima. La nostra camera si trova in una casetta composta da tre stanze e zona colazione, situata proprio di fianco alla sua abitazione. Di questo posto non posso che parlare bene: parcheggio gratuito, camera dotata di tutte le comodità, bagno pulitissimo con ampia doccia, riscaldamento ben funzionante e compreso nel prezzo (cosa non scontata negli agriturismi toscani!), e persino tutto l’occorrente per farsi il tè la mattina (una brocca elettrica, varie bustine, muffin fatti in casa). Wow!

Poggiamo i trolley e andiamo subito in centro a fare una passeggiata: in 2 minuti siamo già dentro le mura! Ammiriamo le luminarie natalizie che, soprattutto in Piazza della Cisterna, danno il meglio di sé.

Fa presto buio, quindi decidiamo di fare un salto alla Coop (anche questa vicinissima al nostro alloggio: Il Colto si trova infatti proprio a metà strada tra la Coop e l’ingresso principale di San Gimignano, quello da Via Roma, che diventa Via S. Giovanni).

Prendiamo una bottiglia di prosecco per i festeggiamenti dell’indomani, poi decidiamo di cenare alla Trattoria Rigoletto, situata proprio in Via Roma. L’apparenza inganna e la decisione di mangiare in un posto mai provato finora ci trae in inganno: per quanto il locale sia carino ed il personale gentile, il cibo è decisamente scadente. Peccato!

31 Dicembre 2015: la notte di capodanno

La mattina ci alziamo con calma e, dopo una rapida colazione, ci dirigiamo verso l’Agriturismo La Buca di Montauto, dove abbiamo soggiornato due estati fa e dove vogliamo acquistare nuovamente il Chianti e l’olio di loro produzione: entrambi divini! Riempiamo il bagagliaio con vino e olio e ci dirigiamo verso l’Agriturismo Casanova di Pescille, dove vorremmo prenotare un tavolo nel ristorante Zafferano by Casanova per la sera successiva. Siamo assidui frequentatori di questo ristorante, uno dei più buoni della zona; anzi uno dei più buoni e basta!

Purtroppo però troviamo la strada sbarrata ed il cartello coperto: l’agriturismo ed il relativo ristorante sono chiusi! Spero sinceramente che siano semplicemente chiusi per ferie e non chiusi per sempre perché sarebbe una vera disgrazia.

Lasciamo quindi l’auto nel parcheggio del nostro alloggio e ci incamminiamo verso il centro di San Gimignano dove facciamo una lunga passeggiata visitando Piazza della Cisterna, il Duomo e i vicoli tipici di questo borgo

  • 8714 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social